GÖBEKLI TEPE: SINTESI DELLE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

Partager :

Cette publication est également disponible en : Français (Francese) English (Inglese) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Русский (Russo) Türkçe (Turco) Polski (Polacco)

Indice dei contenuti

SCOPO DI QUESTO ARTICOLO

Come suggerisce il titolo, questo articolo riassumerà tutto ciò che finora è stato scoperto e detto su questo sito sacro.

Questo articolo non è la spiegazione del sito. Lo troverete in un post a parte, a seguire, intitolato :

GÖBEKLI TEPE: RISOLVERE IL MISTERO

Prima di decifrare questo sito e la sua sacra ragion d’essere, ho pensato che sarebbe stato utile, per non dire necessario, riassumere tutto ciò che è stato detto e scoperto su di esso dal mondo dell’archeologia. In questo modo vi assicurerete di conoscere in anticipo tutte le informazioni utili da memorizzare. Tutti questi elementi saranno poi decifrati (nell’articolo dedicato alla decifrazione di questo sito specifico), grazie alla conoscenza del linguaggio simbolico sacro preistorico, che, come vedrete, ci permetterà di decifrare il significato sacro di ognuno di questi elementi. Come in tutti i siti sacri preistorici, questo linguaggio simbolico sacro è stato ampiamente utilizzato dall’alto sacerdozio per codificare i suoi insegnamenti e la sua dottrina, compresa la sua dottrina principale: la rinascita del padre degli dei (l’uomo primordiale divinizzato) nel figlio-dio grazie alla dea-madre (la donna primordiale divinizzata) e al suo grembo.

COLLEGARE QUESTO ARTICOLO CON L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”:

Questo articolo precede quello dedicato alla spiegazione del mistero del sito di Stonehenge, che troverete in un articolo separato su questo sito:

GÖBEKLI TEPE: RISOLVERE IL MISTERO

o nel libro intitolato :

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

che potete trovare in vendita anche nella sezione seguente:

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, vada a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

Spero che vi piaccia leggere l’articolo completo qui sotto:

DATA DA – 9.600 A.C. DC /GÖBEKLI TEPE IN TURCHIA

 

SINTESI DELLE INFORMAZIONI DISPONIBILI FINO AD OGGI DAL SITO DI GÖBEKLI TEPE

 

POSIZIONE

 

Göbekli Tepe è un sito preistorico occupato nel X e IX millennio a.C., Neolitico Pre-Ceramico A e B 1,2, situato nella provincia di Şanlıurfa, in Turchia, vicino al confine con la Siria, nei pressi della città di Şanlıurfa.

Il sito di Göbekli Tepe copre circa 9 ettari e misura 300 metri di diametro. Si erge ad un’altezza di 765 metri, nel punto più alto delle montagne Germuş, che si trovano a nord-est di Şanlıurfa, a circa 15 chilometri.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

DESCRIZIONE

 

Ha due livelli di occupazione.

Il livello III (c. 9.600-8.500 a.C.) comprende un gruppo di strutture megalitiche situate nella parte bassa del sito, “recinti” larghi da 10 a 30 metri, in cui sono eretti pilastri a forma di T scolpiti con rappresentazioni animali e umane. Questo rappresenta un risultato monumentale, sconosciuto per questo periodo.

Le strutture del livello II (c. 8.500 – 8.000 a.C.), scavate intorno all’area monumentale del livello precedente sulle pendici e sulla cima del tumulo, sono di forma rettangolare, più piccole e hanno ancora pilastri a T, ma in numero minore.

 

Göbekli Tepe è un sito atipico per la sua epoca, poiché non mostra prove certe di case permanenti e attività domestiche. Non c’è nemmeno alcuna indicazione che le comunità che l’hanno eretto praticassero l’agricoltura o l’allevamento. Il sito non è quindi testimone dei grandi sviluppi associati all’alba del Neolitico, cioè l’addomesticamento di piante e animali e lo sviluppo di villaggi costruiti da gruppi sedentari. D’altra parte, è un primo esempio delle evoluzioni mentali che accompagnano questi cambiamenti sociali ed economici: la sua iconografia rivela un ricco universo simbolico, legato al mondo selvaggio, e le sue strutture, di tipo monumentale, sono chiaramente luoghi destinati allo svolgimento di riti. Il sito è quindi interpretato come un santuario che serve come luogo di ritrovo per i gruppi di cacciatori-raccoglitori che vivono nei dintorni e che vi si riuniscono per tenere feste comunitarie.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

ETIMOLOGIA TURCA

 

Göbekli Tepe – in turco significa “collina rigonfia”

WK/Klaus Schmidt 2011 “Göbekli Tepe: A Neolithic Site in Southeastern Anatolia”, p. 138.

Alcuni la chiamano anche la “collina dell’ombelico”.

 

UN TUMULO ARTIFICIALE

 

Il signor Schmidt dice: “Questo tumulo a forma di pancia in cima all’altopiano calcareo, questa ‘collina ombelicale’ non è naturale. È un tumulo di 300 x 300 m che misura 15 m di altezza

https://www.youtube.com/watch?v=6VKKIOb0ZpU.

 

DATATION

 

Göbekli Tepe fu costruita intorno alla metà del 10° millennio a.C. e cessò di essere utilizzata dopo il primo quarto dell’8° millennio a.C. Nella cronologia del Vicino Oriente, fa quindi parte del cosiddetto Neolitico Preceramico, diviso in due sottoperiodi, il Neolitico Preceramico A (o PPNA, c. 10.200-8.800 a.C. al massimo) e il Preceramico B (c. 10.000-8.000 a.C. al massimo) e il Neolitico Preceramico B (o PPNB, c. 8.800-6.900 a.C.), seguendo la terminologia sviluppata per il Levante meridionale nel sito di Gerico, e utilizzata anche per l’Anatolia sud-orientale.

“…”l’inizio degli scavi a Göbekli Tepe ha evidenziato l’aspetto religioso e simbolico degli sviluppi del periodo. Ci sono tutte le ragioni per credere che questa regione, intorno alla montagna Karaca Dağ, sia uno dei focolai del neolitico del Vicino Oriente, un’impressione rafforzata dall’esistenza di altri siti con pilastri a T maculati che promettono ulteriori scoperte dello stesso tipo, Sefer Tepe non ancora scavato e Karahan Tepe, dove gli scavi sono iniziati nel 2019.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

In questa analisi, solo questo livello, il livello III, sarà discusso perché è il più antico:

 

Il livello III è il livello più antico del sito, datato al Neolitico Pre-Ceramico A e al Neolitico Pre-Ceramico Precoce B, al massimo dal 9.600-8.500 a.C.

 

Notate di passaggio l’importante punto fatto sulla datazione:

 

Bisogna notare che in generale, per questo sito come per tutti i siti archeologici, nessuna tecnica attuale permette la datazione delle dimensioni di una pietra, e quindi la determinazione diretta del periodo di costruzione del sito. Solo collocando gli oggetti trovati sul sito nel loro contesto archeologico, storico e geografico, attraverso lo stile dell’incisione, e datando (in particolare con il carbonio 14) eventuali resti organici, si può ipotizzare un periodo

WK/(en) Oliver Dietrich, Çiğdem Köksal-Schmidt, Jens Notroff e Klaus Schmidt, “Establishing a Radiocarbon Sequence for Göbekli Tepe. Stato della ricerca e nuovi dati”, Neo-Lithics, n. 2013/1, 2013, pp. 36-41.

 

STRATIGRAFIA

WK/Vedi gli autori dell’articolo (Dietrich L, Meister J, Dietrich O, Notroff J, Kiep J, Heeb J, et al.). – Dietrich L, Meister J, Dietrich O, Notroff J, Kiep J, Heeb J, et al. (2019) Elaborazione di cereali al primo neolitico Göbekli Tepe, Turchia sud-orientale

(Nota: su questa stratigrafia c’è un errore di inversione tra il recinto A e B)

 

SCAVI DI LIVELLO III

WK/Vista aerea dell’area principale del sito di scavo. Dal basso verso l’alto, i recinti circolari A, B, C e D del livello III/foto E. Kücük.

 

RECINTI/FOCUS SUI RECINTI B, C E D

 

In questo sito, come vedremo a Tara in Irlanda, ci sono recinti a forma di uovo (in particolare C e D) che confinano tra loro, ovviamente all’interno di una struttura più grande, poiché ci sono recinti che possono essere della stessa epoca di quelli determinati come più antichi, in questo caso C e D.

È quindi difficile dire quale doveva essere la forma complessiva originale del sito fino a quando l’intero sito non sarà stato scavato.

Si noti, tuttavia, che è stato suggerito che B, C e D erano i primi e formavano un triangolo nella mente dei costruttori, che può essere rappresentato molto approssimativamente dalla fotografia aerea del sito come segue:

Ecco la base documentaria del riassunto di cui sopra:

Questo livello comprende un insieme di strutture ovoidali o circolari delimitate da recinti e decorate con pilastri a forma di T. Quattro di esse furono scavate durante le prime campagne di scavo nella parte sud-est del sito, nella zona inferiore, e denominate da A a D nell’ordine della loro scoperta. Successivamente, una quinta grande struttura, la Struttura H, è stata localizzata e scavata nella zona centrale. Al contrario, le strutture di forma simile ma più piccole a ovest di questo spazio centrale, F e G, sono meno profonde e possono risalire a periodi più recenti. I rilievi del radar a penetrazione sotterranea del sito e le analisi geomagnetiche, che hanno permesso di identificare le strutture sepolte, hanno indicato che almeno quindici strutture di questo tipo erano presenti sul sito, la maggior parte delle quali non (ancora) bonificate. Infatti, nelle fosse di prova del sito, che potrebbero aver portato a ulteriori scavi, sono state trovate altre strutture simili con pilastri a T che potrebbero essere datate al livello III.

 

Le date al radiocarbonio suggeriscono che le strutture del livello III non sono state erette e utilizzate nello stesso tempo, con le strutture D e C nello spazio centrale che sembrano essere le più antiche, la prima eretta intorno alla metà del X millennio a.C. La struttura A sembra essere più recente, il che è indicato anche dalla sua forma, meno arrotondata delle precedenti, che la avvicina alle strutture più piccole e rettangolari del livello II. ” … ” Queste strutture o recinti hanno un diametro compreso tra i 10 e i 30 metri. ” … ” La struttura D, che comprende il recinto più grande e meglio conservato, avrebbe avuto originariamente 11 pilastri, con i due pilastri centrali che raggiungevano i 5,5 metri di altezza

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe.

 

È stato proposto, tuttavia, che le strutture B, C e D formino un insieme coerente costruito intorno allo stesso periodo secondo un modulo geometrico pensato in anticipo, poiché se colleghiamo i loro punti centrali (a metà strada tra i loro pilastri centrali), si forma un triangolo con lati quasi uguali.

WK/Gil Haklay e Avi Gopher, ‘Geometry and Architectural Planning at Göbekli Tepe, Turkey’, Cambridge Archaeological Journal, vol. 30, no 2, 2020, pp. 343-357

È interessante che i ricercatori israeliani che hanno notato la possibilità di un triangolo equilatero hanno anche notato che il punto centrale di ogni recinto è al centro e a metà strada tra i pilastri centrali.

 

Ecco il rapporto di un altro sito con un diagramma più preciso che mostra la posizione delle pietre:

I ricercatori hanno scoperto che Göbekli Tepe è stato costruito secondo un piano architettonico molto preciso: se si dovessero tracciare delle linee attraverso i punti centrali di tre di queste strutture neolitiche (chiamate recinti), esse formerebbero un triangolo equilatero quasi perfetto. Crediti: Gil Haklay/AFTAU

https://trustmyscience.com/plus-ancien-temple-monde-construit-selon-grand-plan-geometrique/

 

FORME DI INVOLUCRI

 

Le strutture C e D sono state trovate consistenti in recinti di pietra a forma di uovo.

(Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio a.C./Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.48)

 

PARTICOLARITÀ DEL RECINTO C

 

Bisogna notare che il recinto C è diverso dagli altri in quanto comprende diversi recinti, il suo centro è tagliato nella roccia (come anche il D), con uno stretto passaggio per accedervi e con una soglia a U per accedervi:

 

Queste strutture non sono tutte simili nella loro organizzazione. La struttura C in particolare, che è più grande, con un diametro di circa 30 metri, comprende diversi recinti concentrici (tre, forse quattro) delimitati da pilastri. Il suo spazio centrale è tagliato nella roccia, con i due pilastri centrali inseriti in piedistalli anch’essi tagliati nella roccia. Uno stretto passaggio delimitato da muri di lastre di pietra forniva l’accesso alla camera. Il suo ingresso era segnato da una soglia di pietra a forma di U, e dei gradini erano stati tagliati nella roccia per accedervi; questo accesso era un tempo murato. La struttura ha chiaramente subito diverse riorganizzazioni nel corso dei secoli di utilizzo: il recinto esterno è il più antico, gli altri due sono stati aggiunti successivamente, ogni volta riducendo lo spazio interno; ciò è stato accompagnato da uno spostamento dei pilastri verso i nuovi recinti; inoltre, ciascuno dei recinti ha subito diverse fasi di costruzione (tre per i primi due, quattro per l’ultimo).

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

PILASTRI A FORMA DI T

 

I recinti sono delimitati da pilastri a forma di T, tra 10 e 12, e tra 3 e 4 metri con muri di pietra di 2,5 m tra di loro, probabilmente in modo che non sia possibile entrare nel cerchio se non attraverso il suo ingresso principale.

Due pilastri a forma di T, anch’essi più grandi, 5,5 m, sono sistematicamente presenti al centro di ogni recinto.

Questi pilastri sono estratti dagli altipiani calcarei circostanti.

Il pavimento è tagliato nella roccia per C e D.

Questi pilastri sono senza dubbio rappresentazioni antropomorfe di esseri umani.

 

Ecco il database di Wikipedia:

 

Questi sono di solito costituiti da 10 a 12 pilastri a forma di T, alti circa 3 o 4 metri, che delimitano il bordo. Questi pilastri sono collegati da muri di pietra alti circa 2,5 metri, alcuni dei quali hanno panchine lungo la loro lunghezza. Due pilastri sono eretti nel loro centro, più alti degli altri, di circa 5,5 metri. Questi megaliti sono estratti dagli altipiani calcarei che circondano il sito, dove sono state identificate delle cave, una delle quali contiene un pilastro non finito. Il pavimento di questo spazio è tagliato direttamente nella roccia (recinti C e D) o (probabilmente per i livelli successivi) pavimentato con la tecnica del terrazzo, usando piccole pietre. Queste costruzioni potrebbero aver avuto un tetto; è stato proposto che questi recinti fossero semi-sepolti, con accesso attraverso i tetti, ma non ci sono prove conclusive per questo.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

La forma a T dei pilastri è antropomorfa: il corpo è rappresentato dal fusto e la cima verticale rappresenta la testa. Ciò è confermato dal fatto che alcuni dei pilastri centrali contengono, oltre alle rappresentazioni di animali, sculture di braccia, mani e perizomi.

I due pilastri centrali occupano chiaramente un posto speciale nei recinti. Quelli nel recinto D sono chiaramente rappresentazioni di esseri umani poiché hanno braccia e indossano una cintura, tenendo un pezzo di stoffa che nasconde i loro genitali. Il sesso di questi individui non può quindi essere rilevato, e non c’è una chiara indicazione se essi rappresentano un uomo o una donna.

WK/Klaus Schmidt, ‘Anatolia’, in Daniel T. Potts (ed.), A Companion to the Archaeology of the Ancient Near East, Malden e Oxford, Blackwell Publishers, coll. ‘Blackwell companions to the ancient world’, 2012 pp. 153-155.

Wikipedia/Cobija

Riproduzioni dei pilastri centrali del recinto D nel Museo Archeologico di Şanlıurfa; le incisioni che rappresentano le armi sono visibili sul fusto.

 

ORIENTAMENTO

 

ALLINEAMENTO SU ORION

 

Il sito National Geography riporta l’opinione dell’archeologo britannico Graham Philips secondo cui i pilastri centrali dei siti sono allineati con le tre stelle della cintura della costellazione di Orione, che hanno la caratteristica che una di esse è leggermente spostata rispetto alle altre due.      

 

Graham Philip crede che l’allineamento dei due pilastri centrali di ogni recinto abbia un significato nascosto. Tutti i pilastri centrali sembrano essere rivolti l’uno verso l’altro e in una direzione. Ha scoperto che i pilastri sembrano essere rivolti a nord-nord-ovest. Utilizzando un software che gli permette di andare indietro nel tempo al tempo del sito e vedere il cielo che era allora visibile di notte. Secondo il suo programma, la gente dell’epoca avrebbe visto la cintura di Orione sorgere all’orizzonte. Orione è una delle costellazioni più riconoscibili nel cielo. Rappresenta un uomo, con una mazza in una mano e uno scudo nell’altra. Orion è un cacciatore. Adrian crede anche che le tre piramidi rappresentassero le tre stelle della cintura di Orione come rappresentazione del volo del faraone verso le stelle

https://www.youtube.com/watch?v=wLK4iCswLKE.

 

ALLINEAMENTO DELLE PORTE CON GLI EQUINOZI E I SOLSTIZI

 

Altri ricercatori, come Dimitrios S. Dendrinos, sono giunti alla conclusione che le strutture C e D, in particolare, sono sfasate con il solstizio d’estate dalla disposizione dei loro pilastri centrali. 

Aggiunge anche: i raggi del sole colpirebbero i pilastri e gli ortostati delle strutture più settentrionali di GT (dalla struttura D in su) alle albe tra gli equinozi di primavera e d’autunno, ma sarebbero bloccati dalle albe tra gli equinozi d’autunno e di primavera (Gobekli Tepe: “a 6 th millennium BC monument”/Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.9)

 

ORIENTAMENTO RISPETTO AL SOLSTIZIO

 

I rapporti larghezza/profondità/altezza delle pietre e la direzione della larghezza dei monoliti insieme alle loro posizioni non erano casuali. Non solo obbediscono a delle regole, ma hanno anche un significato simbolico astratto per l’architetto della struttura monumentale. Sono stati collocati e orientati in modo tale da interagire sia in modo intrastrutturale che interstrutturale. I megaliti non solo definiscono il recinto, ma anche i collegamenti tra i recinti. Naturalmente, queste connessioni vanno ben oltre il semplice simbolismo, che non è un argomento di questo articolo, ma determinano l’architettura e i criteri di ingegneria del monumento – dimensioni, proporzioni, spaziatura, ecc. (Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio a.C./Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.43)

 

Sono stati analizzati gli orientamenti delle strutture C e D e dei loro monoliti. Queste strutture sono state trovate per avere un orientamento apparente (basato sul punto di entrata) e un orientamento reale, quest’ultimo è il loro asse di simmetria della pianta dei recinti di pietra. Gli orientamenti attuali indicano una connessione con il sorgere del sole durante il solstizio d’estate.

(Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio avanti Cristo/Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.49)

 

I due pilastri centrali di tutti i recinti sembrano essere orientati in modo generalmente parallelo all’apparente orientamento generale del recinto ” … ” ” … ” Questo non è l’orientamento previsto della struttura C o D; l’orientamento reale della struttura C è verso il sole nascente del solstizio d’estate, così come l’orientamento reale approssimativo (asse di simmetria) per la struttura D. (Gobekli Tepe: a 6 th millennium BC monument/Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.21)

Una spiegazione simile può essere trovata sul sito web di Arcana:

Sito web Arcana

 

APPARENTE SIMBOLISMO MASCHIO-FEMMINA TRA I DUE PILASTRI CENTRALI

 

Il signor Dendrinos nota anche un leggero divario tra i due pilastri centrali e che sembrano susseguirsi; mentre nota una dicotomia simbolica maschio-femmina che, secondo lui, deve essere rappresentata dal doppio aspetto di questi pilastri.

 

Se si osservano da vicino i due pilastri centrali di tutti i recinti, si può notare che i due megaliti non sono mai esattamente paralleli l’uno all’altro, e non si allineano esattamente per essere in piano sui loro lati stretti – sono collocati come se un pilastro “seguisse” leggermente, ma discretamente, l’altro. ” … ” Poiché questo articolo non si occupa di simbolismo in sé, qualsiasi interpretazione che può essere tratta dal posizionamento, dalle dimensioni relative, dagli orientamenti, ecc. di queste pietre è lasciata al lettore interessato. Ovviamente, il simbolismo è anche legato al numero di monoliti incorporati in ogni struttura, oltre forse a una dicotomia maschio-femmina (divinità/ancestrale) rappresentata dai due pilastri centrali.

Göbekli Tepe: un monumento del 6° millennio avanti Cristo/Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.22)

 

ORIENTAMENTO CON COREOGRAFIA DI OMBRE

 

Inoltre, il signor Dendrinos pensa che i costruttori abbiano coscientemente cercato un simbolismo di ombre facendo in modo che di giorno e di notte, le ombre dei pilastri centrali si riflettano secondo un particolare simbolismo sui pilastri del recinto, così come tra loro. Ancora una volta, evoca un’allegoria maschio-femmina pianificata dai costruttori. Per il recinto D, prevede la possibilità di una meridiana, poiché questo recinto contiene 12 ortostati. 

 

Tutti gli ortostati scoperti finora sembrano avere un orientamento nella direzione generale verso lo spazio centrale del recinto, ma non sono sempre ed esattamente orientati verso un punto centrale fisso. Sembra che l’architetto volesse avere diverse condizioni di ombreggiamento su di loro, così come l’orientamento.

 

” … ” Inoltre, queste pietre sono state collocate in punti specifici per interagire nella misura in cui le loro ombre sono coinvolte, nei giorni di sole e nelle notti di luna. Nei movimenti delle loro ombre, le interazioni avvengono sia di giorno che di notte. ” … “

Dall’insieme delle figure da 2.2 a 5.4 e dato l’orientamento, l’altezza, la larghezza, la profondità e la posizione dei monoliti a forma di T all’interno di ogni struttura, è chiaro che certe coreografie erano messe in scena all’interno di ogni struttura, e si intendeva un’allegoria maschio-femmina. Le ombre dei due pilastri al centro di queste strutture nei loro movimenti quotidiani si appoggiavano, si riflettevano sui diversi ortostati in determinati momenti della giornata, e l’uno sull’altro. Questo ruolo, in combinazione con l’arte sui pilastri e gli ortostati, è stato parte di una decisione che ha influenzato la loro specifica posizione e orientamento. È molto probabile che l’interazione delle ombre avesse lo scopo di trasmettere un certo simbolismo. (Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio a.C./Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.43)

 

Nel caso particolare della Struttura D, con i dodici ortostati disegnati nella muratura del muro di cinta, questo può suggerire che un sistema di orologio giornaliero esadecimale era in funzione, le ombre di specifici ortostati durante il giorno indicherebbero una specifica ora del giorno. Un disegno accurato (possibilmente tramite scansione) di questi ortostati e del loro esatto orientamento potrebbe offrire la possibilità di verificare questo suggerimento. (Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio a.C./Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.45)

 

Le ombre dei pilastri centrali e degli ortostati proiettate nei recinti sono state viste come un mezzo per integrare una coreografia simbolica, e forse come parte di un complesso meccanismo simile a una meridiana basato sul sistema esadecimale implementato nelle strutture di pietra del recinto. Il sistema esadecimale è in gran parte basato sui dodici ortostati della struttura D. (Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio a.C. / Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.49).

 

PIETRA DI PASSAGGIO

 

Le pietre di passaggio si trovano in luoghi simbolici come le porte e le finestre dei recinti. La loro funzione rimane un mistero.

Uno di questi è un totem di 1,90 m, la cui spiegazione è altrettanto misteriosa.

Sito web Arcana :

Eccolo (immagine Wikipedia)

Si prega di leggere la seguente descrizione del suo autore, il signor Dosseman:

Questo oggetto è descritto in un numero di Actual Archaeology dell’estate 2012. “… “È lunga 1,92 metri e ha tre motivi principali sovrapposti.

La parte superiore rappresenta un predatore, probabilmente un orso o un grande felide. La parte frontale della testa era stata obliterata nell’antichità; la superficie della rottura è coperta da un sottile rivestimento di calcare. Sotto la testa, un collo corto, braccia e mani sono visibili. La loro forma umana è notevole. Anche se si può postulare che questo fosse un ibrido umano-animale, può anche essere considerato un animale intero. Le braccia (o le gambe) reggono un’altra testa che ha perso di nuovo la faccia nell’antichità. Il motivo di una bestia selvaggia che tiene una testa umana è ben noto da diverse sculture di Nevali Çori e Göbekli tepe. Per questo motivo, è molto probabile che il volto perduto fosse quello di un umano, ulteriormente rafforzato dal fatto che le braccia umane sono raffigurate sotto la testa. Le mani sono poste una di fronte all’altra e sulla pancia dell’individuo, in un modo che ricorda i pilastri a forma di T.

Sotto le braccia e le mani c’è una seconda persona il cui volto è stato conservato. La parte superiore del corpo, comprese le braccia e le mani, è anche raffigurata. Sotto le mani c’è un oggetto non identificato. Sembra probabile che la persona sia raffigurata mentre partorisce, anche se potrebbe pure rappresentare un fallo. Su entrambi i lati del palo, grandi serpenti sono visibili, le loro teste appena sopra il livello del piccolo individuo. Sotto le teste dei serpenti sono visibili strutture che possono essere interpretate come le gambe dell’umano più alto. Frammenti di un oggetto simile a forma di totem erano stati scoperti 20 anni prima a Nevali Çori. Da un’illustrazione su WikiCommons, “Totem da Göbekli Tepe, strato II, 8.800-8.000 BCE Sanliurfa Museum”.

 

ICONOGRAFIA DEI PILASTRI

 

Molti di questi pilastri sono scolpiti, di solito in basso rilievo, a volte in alto rilievo. Le rappresentazioni più comuni sono di animali: serpenti, volpi e cinghiali soprattutto, ma anche uri, gazzelle, mufloni, onagri, gru, anatre e avvoltoi. Ogni volta che è identificabile, il genere di questi animali è maschile, e sono ripetutamente raffigurati in una postura aggressiva.

Le rappresentazioni includono anche simboli astratti, specialmente un simbolo a forma di H, dritto o sdraiato, anche mezzelune e dischi, segni opposti. Le rappresentazioni umane scolpite sono rare; il pilastro 43 nel recinto D sembra raffigurare un uomo acefalo e itifallico in basso a destra. ” … “

Figura da sinistra a destra e dall’alto in basso:

Pilastro 2 del recinto A: uro, volpe e gru

Pilastro 10 della penna B: volpe.

Pilastro 12 nella penna C: uccelli.

Pilastro 27 del recinto C: predatore accovacciato (felino?) in alto rilievo.

Pilastro 37 (centrale) del recinto C: volpe.

Pilastro 43 del recinto D: Avvoltoio e Scorpione

Wikipedia/Foto di Klaus-Peter Simon

 

ALTRI OGGETTI SCOLPITI

 

Le strutture di Göbekli Tepe, livelli I e II, hanno dato anche diverse piccole sculture in pietra, che è generalmente impossibile attribuire a un periodo o a un altro. Il repertorio iconografico è di nuovo molto ricco, e simile a quello dei pilastri del livello III, con rappresentazioni principalmente animali, ma anche umane, e ancora una volta essenzialmente maschili.

Scultura di cinghiale

 

Animali con una bocca minacciosa

 

CULTURA MATERIALE

 

” … ” I pesanti mobili di pietra levigata usati per la macinazione sono molto standardizzati: grandi mortai di basalto di forma ovoidale, accompagnati da pestelli cilindrici o conici anch’essi prodotti in basalto. Sono stati trovati anche grandi contenitori di calcare, così come lastre di calcare con segni a forma di piccole coppe e grandi anelli di calcare da 0,5 a 1 metro di diametro la cui funzione non poteva essere identificata.

WK/Klaus Schmidt, “Göbekli Tepe: A Neolithic Site in Southeastern Anatolia”, in Sharon R. Steadman e Gregory McMahon (eds.), Handbook of ancient Anatolia (10.000 – 323 a.C.), Oxford, Oxford University Press, 2011. P.918, 919)

 

SUSSISTENZA

 

” … ” Gli oggetti e le installazioni relative al cibo trovati a Göbekli Tepe sono atipici nel contesto di questo periodo. Il sito non ha prodotto alcun focolare o forno, né alcun silos, ma daltra parte, i suoi due livelli includono una concentrazione insolitamente alta di strumenti per macinare il grano. Allo stesso modo, gli strumenti legati alla caccia sono molto presenti, così come i resti di animali (soprattutto gazzelle, ure e emioni).

WK/Joris Peters e Klaus Schmidt, ‘Animals in the symbolic world of Pre-Pottery Neolithic Göbekli Tepe, south-eastern Turkey: a preliminary assessment’, Anthropozoologica, vol. 39 “Addomesticamenti animali: dimensioni sociali e simboliche. Hommages à Jacques Cauvin, Villeurbanne, 21-23 novembre 2002”, n. 1, 2004/p. 182-183 e 206-208

 

 Ci sono anche numerosi frammenti di coppe per bere in pietra. Non c’è nessuna fonte d’acqua nelle vicinanze del sito, sono state trovate delle cisterne sull’altopiano calcareo sopra di esso, ma la loro capacità è di 153 m3, che è considerata troppo limitata per rifornire d’acqua un villaggio. Tutto ciò suggerisce che il sito non è permanentemente popolato e viene utilizzato solo per eventi occasionali e festivi, portando a significativi picchi stagionali di consumo, che richiedono la produzione di cibo e apparentemente anche di bevande fermentate.

 

INTERPRETAZIONI

 

Lascio a voi di andare a leggere sul sito o altrove per imparare in dettaglio l’interpretazione classica di questo sito di Göbekli Tepe. È un’interpretazione che non posso prendere il tempo di raccontare e commentare ancora e che è sostenuta dalla maggioranza degli esperti del sito. Si aggira all’incirca atorno alla classica e trita idea scientista di un popolo di cacciatori-raccoglitori che, insediandosi qui, avrebbe intrapreso un culto di natura agricola e di allevamento (richiedendo l’addomesticamento del mondo animale) e segnando così una svolta nella loro evoluzione comunitaria (sic).

Ricordiamo solo ciò che è più importante e ciò su cui (quasi! perché alcuni lo vedono ancora come puramente domestico e non religioso!) “tutti” sembrano essere d’accordo:

È un santuario, un luogo sacro.

Questo è già un punto di partenza! Stiamo facendo progressi! :

L’interpretazione di Göbekli Tepe di Klaus Schmidt e della sua squadra di scavi, formulata appena scoperta e valida sia per il livello III che per il livello II, è che le strutture scoperte sono santuari, senza la presenza di spazi domestici, e addirittura i “primi templi” conosciuti. Erano utilizzati come parte di un culto che riuniva diversi gruppi di cacciatori-raccoglitori, su scala “sovraregionale”.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe.

 

ICONOGRAFIA, CREDENZE E PRATICHE RITUALI

 

Oggi, mentre scrivo questo[1] , e prima di leggere la spiegazione che verrà, che comprensione abbiamo di questo sito? :

 

L’analisi dei pilastri a T e della loro iconografia è vista come la chiave per comprendere l’universo mentale e rituale di questa comunità, ma non può che essere congetturale, poiché i paralleli tracciati riguardano o periodi storici della stessa regione, molto posteriori a quello dell’attività del sito, o paralleli etnografici provenienti da altri luoghi e tempi. Schmidt vede le figure rappresentate dai pilastri come “esseri soprannaturali”, mentre le altre rappresentazioni antropomorfe più piccole trovate nel sito o in altri siti dello stesso periodo (Nevalı Çori) sarebbero una sorta di “guardiani dell’altro mondo”, di status inferiore. Secondo questa interpretazione, i recinti “simboleggiano assemblee umane, e le pietre in piedi, disposte in cerchio, rappresentano figure stilizzate“.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe.

 

Troviamo anche questa interpretazione: “allegoricamente, al centro, gli dei senza volto, circondati dal loro pantheon di divinità animali”.

Sito web Arcana :

/https://www.youtube.com/watch?v=6EIZYWwSZAs

 

Per quanto riguarda gli animali rappresentati, essi corrispondono alla fauna che si trovava all’epoca intorno al sito e che veniva cacciata, anche se gli animali che erano più spesso nel menù delle feste di Göbekli Tepe (gazzelle, bovidi, emioni) non sono quelli che vi sono più rappresentati (serpenti, volpi, cinghiali). Questa inadeguatezza suggerisce che queste rappresentazioni si riferiscono più a motivi mitologici che a rituali di caccia. Il fatto che siano spesso raffigurati in una postura aggressiva potrebbe indicare che servono come protettori dei pilastri antropomorfi, ma questa opzione non è necessariamente sufficiente, poiché il messaggio simbolico inciso sembra più complesso, soprattutto perché i motivi animali coesistono con altri che non lo sono. Le rappresentazioni di avvoltoi potrebbero riferirsi al tema della morte, dato che il sito potrebbe essere stato utilizzato per riti funebri. Il serpente è comunemente rappresentato sui siti dell’epoca (su stoviglie e placche incise). La presenza comune della volpe è più difficile da interpretare, poiché questo animale non appare molto nel repertorio iconografico del Vicino Oriente dopo. Si sono anche notate differenze tra i recinti del livello III: il serpente è più rappresentato nella struttura A, la volpe in B, il cinghiale in C, mentre D presenta un immaginario più vario, dove gli uccelli (avvoltoi in particolare) occupano un posto importante, e in H i felini sembrano essere più presenti. Come visto sopra, questi potrebbero essere animali ‘totemici’ che servono come emblemi per i diversi gruppi che condividono il sito.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

Alcuni dei megaliti di Göbekli Tepe, che possono essere alti fino a 5,5 metri e pesare fino a 50 tonnellate (45 tonnellate metriche), sono nudi, mentre altri sono ricoperti da impressionanti incisioni di simboli astratti e animali come volpi, leoni, tori, serpenti e insetti.

“…” “Ogni area sembra avere un animale dominante che è stato rappresentato più volte”, ha detto Carter. Questo potrebbe significare che diversi gruppi di cacciatori-raccoglitori (ognuno con il proprio animale rappresentativo) potrebbero essere stati presenti. Gli scienziati credono che i cacciatori-raccoglitori fossero in gran parte animisti (?? Sic) (credendo che tutto, dagli animali alle piante, avesse uno spirito). “Nelle culture animiste, le rappresentazioni degli animali sono di solito legate a specifici gruppi culturali”, ha detto. Ma il più grande dei recinti, chiamato Recinto D, “ha una grande varietà di rappresentazioni di animali”, ha aggiunto.

https://trustmyscience.com/plus-ancien-temple-monde-construit-selon-grand-plan-geometrique/

 

Confrontando i dati di Göbekli Tepe e del successivo sito neolitico di Çatal Höyük in Anatolia centrale (7.400-6.000 a.C. circa), I. Hodder e L. Meskell hanno proposto di identificare tre temi simbolici principali:

  • l’enfasi sui peni nell’iconografia, un aspetto fallocentrico del culto, che va contro l’idea diffusa dell’importanza di un culto della fertilità legato a una “grande dea” durante il Vicino Oriente Neolitico
  • l’enfasi sugli animali selvaggi e pericolosi, come implicato dalla presenza dominante di predatori, spesso in posizione minacciosa, con artigli e zanne chiaramente sottolineati, nel repertorio iconografico di Göbekli Tepe (più che a Çatal Höyük)
  • pratiche di piercing e manipolazione dei corpi, compresa la rimozione dei crani di uomini e animali.

Tutto questo simbolismo e i rituali ad esso legati avrebbero una dimensione memoriale e storica, visibile nella continuità dell’occupazione e nelle diverse fasi di ricostruzione di questi siti. La padronanza del mondo selvaggio e la manipolazione dei corpi parteciperebbero ai cambiamenti che accompagnano l’attuazione del processo di domesticazione (?? sic).

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

L’associazione tra pilastri di forma umana e rappresentazioni di animali (in particolare sul pilastro 43 del recinto D, il più ricco dal punto di vista iconografico), unita all’analisi di altre rappresentazioni artistiche dello stesso periodo, potrebbe anche essere interpretata come riferita a pratiche sciamaniche (?? sic).

Raffigurazioni di esseri umani senza testa e frammenti di teschi trovati a Göbekli Tepe indicano che un “culto del teschio” (comunemente interpretato come una forma di culto ancestrale) era praticato lì, come in diversi siti levantini dello stesso periodo. (comunemente interpretato come una forma di culto ancestrale) vi era praticato, come in diversi siti del Levante dello stesso periodo. Tuttavia, questi crani presentano delle specificità non attestate altrove: incisioni profonde, che sembrano indicare una forma di decorazione sconosciuta altrove. Si tratta quindi di una nuova variante di questo tipo di culto.

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe

 

Per quanto riguarda il culto dei teschi, secondo i ricercatori del sito, i teschi erano decorati, forati in alto e legati con corde. È probabile che siano stati poi appesi per essere visti da tutti. Gli antenati avevano un posto molto importante. A quel tempo i teschi giocavano un ruolo cruciale nelle credenze rituali di questo popolo.

https://www.youtube.com/watch?v=wLK4iCswLKE

 

MOTIVI PER L’INTERRAMENTO DEL SITO

 

L’interramento dei monumenti fu fatto in fretta e furia e fu probabilmente iniziato con una benevola volontà di protezione; finì con un’azione probabilmente malevola alla fine del neolitico e poco prima dell’inizio dell’età del bronzo. (Gobekli Tepe: un monumento del 6° millennio avanti Cristo/Dimitrios S. Dendrinos/15/11/2016 p.49)

[1] Luglio 2021

 

BIBLIOGRAFIA

https://fr.wikipedia.org/wik/Göbekli_Tepe.

— WK/Klaus Schmidt 2011 « Göbekli Tepe : A Neolithic Site in Southeastern Anatolia ».

https://www.youtube.com/watch?v=6VKKIOb0ZpU.

— Oliver Dietrich, Çiğdem Köksal-Schmidt, Jens Notroff et Klaus Schmidt, « Establishing a Radiocarbon Sequence for Göbekli Tepe. State of Research and New Data », Neo-Lithics, nos 2013/1,‎ 2013.

— See authors of the article (Dietrich L, Meister J, Dietrich O, Notroff J, Kiep J, Heeb J, et al.). — Dietrich L, Meister J, Dietrich O, Notroff J, Kiep J, Heeb J, et al. (2019) Cereal processing at Early Neolithic Göbekli Tepe, southeastern Turkey.

https://trustmyscience.com/plus-ancien-temple-monde-construit-selon-grand-plan-geometrique/

— Gobekli Tepe: a 6 th millenium BC monument/Dimitrios S. Dendrinos. 15/11/2016.

— Klaus Schmidt, ‘Anatolia’, dans Daniel T. Potts (dir.), A Companion to the Archaeology of the Ancient Near East, Malden et Oxford, Blackwell Publishers, coll. « Blackwell companions to the ancient world », 2012.

https://www.youtube.com/watch?v=wLK4iCswLKE.

— SiteArcana : https://www.youtube.com/watch?v=6EIZYWwSZAs

— Actual Archaeology. Summer 2012

— Klaus Schmidt, « Göbekli Tepe: A Neolithic Site in Southeastern Anatolia », dans Sharon R. Steadman et Gregory McMahon (dir.), Handbook of ancient Anatolia (10 000 – 323 B.C.E.), Oxford, Oxford University Press, 2011. P.918, 919)

— Joris Peters et Klaus Schmidt, « Animals in the symbolic world of Pre-Pottery Neolithic Göbekli Tepe, south-eastern Turkey: a preliminary assessment », Anthropozoologica, vol. 39 « Domestications animales: dimensions sociales et symboliques. Hommages à Jacques Cauvin, Villeurbanne, 21-23 novembre 2002’, no 1,‎ 2004/p. 182-183 et 206-208

— https://www.youtube.com/watch?v=wLK4iCswLK

RICORDANDO IL LEGAME TRA QUESTO ARTICOLO E L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”:

Questo articolo precede quello dedicato alla spiegazione del mistero del sito di Stonehenge, che troverete in un articolo separato su questo sito:

GÖBEKLI TEPE: RISOLVERE IL MISTERO

o nel libro intitolato :

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

che potete trovare in vendita anche nella sezione seguente:

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, vai a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

RICHIAMO AL DIRITTO D’AUTORE

Vi ricordiamo di rispettare il diritto d’autore, poiché questo libro è stato registrato.

©YVAR BREGEANT, 2021 Tutti i diritti riservati

Il Codice della proprietà intellettuale francese vieta le copie o le riproduzioni per uso collettivo.

Qualsiasi rappresentazione o riproduzione totale o parziale, con qualsiasi procedimento, senza il consenso dell’autore o dei suoi aventi diritto, è illegale e costituisce una violazione punita dagli articoli L335-2 e seguenti del Codice della proprietà intellettuale francese.

Si veda la spiegazione all’inizio della sezione sulla politica dell’autore per rendere disponibili i suoi libri:

Libri già pubblicati

Partager :