STONEHENGE: SINTESI DELLE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

Partager :

Cette publication est également disponible en : Français (Francese) English (Inglese) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Русский (Russo) Türkçe (Turco) Polski (Polacco)

Indice dei contenuti

SCOPO DI QUESTO ARTICOLO

Come suggerisce il titolo, questo articolo riassumerà tutto ciò che finora è stato scoperto e detto su questo sito sacro.

Questo articolo non è la spiegazione del sito. Lo troverete in un post a parte, a seguire, intitolato

https://www.yvar-bregeant.com/le-site-megalithique-de-stonehenge-resolution-de-lenigme-par-la-langue-symbolique-prehistorique-2/

Prima di decifrare questo sito e la sua sacra ragion d’essere, ho pensato che sarebbe stato utile, per non dire necessario, riassumere tutto ciò che è stato detto e scoperto su di esso dal mondo dell’archeologia. In questo modo vi assicurerete di conoscere in anticipo tutte le informazioni utili da memorizzare. Tutti questi elementi saranno poi decifrati (nell’articolo dedicato alla decifrazione di questo sito specifico), grazie alla conoscenza del linguaggio simbolico sacro preistorico, che, come vedrete, ci permetterà di decifrare il significato sacro di ognuno di questi elementi. Come in tutti i siti sacri preistorici, questo linguaggio simbolico sacro è stato ampiamente utilizzato dall’alto sacerdozio per codificare i suoi insegnamenti e la sua dottrina, compresa la sua dottrina principale: la rinascita del padre degli dei (l’uomo primordiale divinizzato) nel figlio-dio grazie alla dea-madre (la donna primordiale divinizzata) e al suo grembo.

COLLEGARE QUESTO ARTICOLO CON L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”:

Questo articolo precede quello dedicato alla spiegazione del mistero del sito di Stonehenge, che troverete in un articolo separato su questo sito:

https://www.yvar-bregeant.com/le-site-megalithique-de-stonehenge-resolution-de-lenigme-par-la-langue-symbolique-prehistorique-2/

o nel libro intitolato :

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

che potete trovare in vendita anche nella sezione seguente:

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, andate a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

Spero che vi piaccia leggere l’articolo completo qui sotto:

DATA DA -3700/STONEHENGE NEL REGNO UNITO (COLLINE DI PRESELI, AVEBURY E STONEHENGE)

DESCRIZIONE DEL SITO COMPLESSIVO CHE INCLUDE STONEHENGE E AVESBURY

Stonehenge è il cerchio di pietre preistorico architettonicamente più sofisticato del mondo, mentre Avebury è il più grande

Si tratta di due aree geologiche gessose nel sud della Gran Bretagna in cui furono costruiti complessi monumentali cerimoniali e funerari e siti associati al Neolitico e all’Età del Bronzo.

” … ” I paesaggi di Avebury e Stonehenge sono vasti – entrambi rappresentano circa 25 km2 – e illustrano bene le relazioni tra i monumenti e il loro contesto paesaggistico. ” … “

Ogni area contiene un cerchio centrale di megaliti e molti altri monumenti.

A Stonehenge questi includono il viale, il Cursus, Durrington Walls, Woodhenge e la più grande concentrazione di tumuli in Gran Bretagna. Ad Avebury includono Windmill Hill, West Kennet Long Mound (la più grande fossa comune neolitica conosciuta nell’Inghilterra meridionale), il santuario, Silbury Hill, West Kennet e Beckhampton Avenue (West Kennet Avenue collega il cerchio di pietre al santuario a 2 km di distanza), West Kennet Palisades e grandi tumuli.

https://whc.unesco.org/fr/list/373/

AVESBURY

Il fatto è che elementi del sito di Avebury sono molto più vecchi di Stonehenge: il long barrow West Kenneth risale al 3.700 a.C., la collina Windmill risale al 3.300 a.C., il sito del Santuario risale al 3.000 a.C. e sarebbe stato completato al momento della creazione del cerchio sacro di Avebury, la collina Sill Bury risale al 2.750-2.400 a.C., mentre Avebury risale al 2.600 a.C., che corrisponde alla fase 1 della costruzione di Stonehenge (di cui vedremo i dettagli delle fasi e la loro datazione in seguito).

Quindi, prima di parlare di Stonehenge, sembra preferibile parlare prima del sito di Avebury che lo precede, se vogliamo capirlo meglio.

Mentre Avesbury è ovviamente il centro, l’epicentro del culto di questa zona specifica, per capire questo sito è necessario considerarlo nel suo insieme con i suoi più evidenti siti immediatamente collegati.

Ecco cosa dice sul numero di tumuli ad Avebury e l’interpretazione che ne danno i ricercatori.

Gli archeologi Joshua Pollard e Andrew Reynolds hanno notato che a metà del quarto millennio a.C., il paesaggio intorno ad Avebury stava “cambiando furtivamente”. il paesaggio intorno ad Avebury stava “cambiando furtivamente”. Circa 30 tumuli lunghi del primo neolitico sono noti dagli altipiani del nord del Wiltshire, 17 dei quali erano sicuramente o probabilmente a camera, gli altri non erano a camera. Potrebbero essercene stati di più nel primo neolitico, vari esempi sono stati distrutti dall’attività agricola nei millenni successivi. Quelli che sopravvivono sono distribuiti in modo relativamente uniforme nell’area del Wiltshire settentrionale che misura circa 20 chilometri per 15 chilometri, con Avebury vicino al centro di questa distribuzione.

https://en.wikipedia.org/wiki/West_Kennet_Long_Barrow

Le prime comunità britanniche del Neolitico davano maggiore importanza alla sepoltura rituale dei morti rispetto ai loro antenati del Mesolitico. Gli archeologi hanno suggerito che questo era perché i Britanni del primo Neolitico aderivano a un culto degli antenati che veneravano gli spiriti dei morti, credendo che potessero intercedere con le forze della natura per il bene dei loro discendenti viventi. È stato suggerito che i primi neolitici entravano nelle tombe – che servivano anche come templi o santuari – per eseguire rituali in onore dei morti e chiedere il loro aiuto. Per questo motivo, lo storico Ronald Hutton ha chiamato questi monumenti “tombe-santuari” per riflettere il loro doppio scopo.

https://en.wikipedia.org/wiki/West_Kennet_Long_Barrow

AVEBURY E SITI CORRELATI

Ecco un’immagine di Google dei vari siti intorno ad Avebury

Google Imaging

In bianco il corso del fiume Kenneth che dà il suo nome a uno dei due viali che collegano Avebury al Santuario (chiamato qui santuario).

Non confondete il long barrow in pietra lunga (qui chiamato Longstone) con le pietre lunghe ‘Adamo ed Eva’ un po’ più a nord.

IL SITO DEL CERCHIO SACRO O CROMLECH DI AVEBURY

Il cromlech di Avebury è il più grande d’Europa. Risale a circa 5.000 anni fa (a circa 2.600 a.C.) ed è più antico del sito di Stonehenge, che si trova a circa 40 km a sud.

Il sito centrale di Avebury è costituito da diversi complessi megalitici di dimensioni eccezionali: un enorme cromlech che circonda un villaggio omonimo e due cromlech più piccoli, menhir allineati a formare due viali, e altri monumenti associati come Silbury Hill, il più grande tumulo sepolcrale d’Europa, West Kennet Long Barrow, il più grande tumulo coperto d’Inghilterra, The Sanctuary e Windmill Hill.

Il monumento circolare consiste in un enorme terrapieno delimitato da un fossato di 1,3 km di circonferenza, all’interno del quale 180 pietre non finite estratte localmente formano il cerchio esterno e due cerchi interni più piccoli.

https://whc.unesco.org/fr/list/373/

Il grande cerchio esterno “…” ha un diametro di 335 m “…” ed era originariamente composto da 98 pietre, alcune delle quali pesano più di 40 tonnellate. L’altezza di queste pietre varia tra 3,6 e 4,2 metri. ” … ”  Il grande cerchio è circondato da un enorme fossato, largo 21 m e profondo 11 m, e da un terrapieno alto 9 m. A differenza del grande cerchio di Stonehenge I, il terrapieno qui è fuori dal fossato, il che esclude qualsiasi ruolo difensivo per questo insieme.

Il cerchio ha quattro entrate diametralmente opposte a coppie: una N-N-W/S-S-E, l’altra E-N-E/O-S-W.

Al centro del cerchio esterno ci sono altri due cromlech. Il cerchio settentrionale ha un diametro di 98 metri, anche se rimangono solo alcune pietre. Il cerchio meridionale è meglio conservato e ha un diametro di 108 metri.

Pochi scavi sono stati intrapresi ad Avebury. ” … ”  Il loro strumento principale era apparentemente le corna. ” … ” Sono stati trovati pochi artefatti, ma sono state trovate ossa umane sparse nel sito.

Molto interesse è stato mostrato per la forma delle pietre di Avebury. Sono descritti come molto snelli o corti e tozzi. Quelli più alti sono considerati i “maschi” e quelli più bassi le “femmine”.

Le ossa umane trovate da Gray indicano che il sito può aver avuto un ruolo nelle cerimonie funebri o nel culto degli antenati.

Poiché Avebury è una struttura megalitica circolare, l’ipotesi di allineamenti astronomici è stata avanzata per spiegare la posizione delle pietre

https://fr.wikipedia.org/wiki/Avebury

SITI RELATIVI A AVEBURY

Da due dei suoi quattro ingressi, i viali West Kennet e Beckhampton, fatti di pietre erette disposte in parallelo, si collegano con altri monumenti sparsi nel paesaggio.

https://whc.unesco.org/fr/list/373/

Infatti, dal cerchio di Avebury, un primo viale, il “viale Kenneth (dal nome del fiume più vicino) che curva intorno per raggiungere il sito di Sanctuary a sud-est (con il vicino West Kenneth long barrow), mentre un secondo viale, Beckhampton Avenue, curva anche intorno per raggiungere il sito Beckhampton Longstones a sud-ovest (forse estendendosi oltre).

Questi due viali, probabilmente risalenti al tardo neolitico e all’inizio dell’età del bronzo, sono vicoli fiancheggiati su entrambi i lati da due file parallele di pietre erette distanziate a intervalli di 15 metri.

Ecco come William Stukeley, nel 1743, immaginava il sito (tenendo Avebury a nord)

Illustrazione intitolata ‘Una vista scenografica del tempio druido di Abury nel nord del Wiltshire come nel suo originale’. Da “Abury, un tempio dei druidi britannici, e alcuni altri descritti” (Londra: 1743), di William Stukeley (1687-1765). Arc 855.214*, Houghton Library, Harvard University.

Nel sito di Longstones, solo una pietra, conosciuta come ‘Adam’, rimane in piedi e anche al tempo di William Stukeley (inizio del XVIII secolo),

La teoria di Stukeley era che i due viali facessero parte di un gigantesco “serpente” che serpeggiava attraverso il paesaggio con la testa al Santuario e che incorporava anche il monumento di Avebury.

https://en.wikipedia.org/wiki/Beckhampton_Avenue

Notate nello schizzo di Stukeley che il fiume Kenneth confina con Avebury, e scorre vicino a West Kenneth e al santuario.

Notate anche che Stukeley sta disegnando da sud-ovest e non tiene molto conto della collina Windmill che è sullo sfondo a sinistra.

KENNETH OVEST

Il West Kennet Long Barrow, noto anche come South Long Barrow, è un long barrow con una cavità o camera “…” probabilmente costruito nel 3700 a.C. nel primo periodo neolitico britannico, e sopravvive oggi in uno stato parzialmente ricostruito.

http://www.stone-circles.org.uk/stone/westkennetbarrow.htm

Fa parte di un gruppo di circa 30 altri tumuli simili incentrati su Avebury

” … ” Ossa umane furono collocate all’interno della camera, probabilmente tra il 3670 e il 3635, poi tra il 3620 e il 3240 a.C., poi alla fine del neolitico l’ingresso del lungo tumulo fu bloccato aggiungendo grandi blocchi di sarsen. Nel tardo neolitico, l’ingresso al lungo tumulo fu bloccato dall’aggiunta di grandi blocchi di sarsen. Durante il tardo neolitico e l’inizio dell’età del bronzo, il paesaggio intorno a West Kennet Long Barrow fu soggetto alla costruzione diffusa di monumenti cerimoniali, tra cui l’Avebury stone henge e i cerchi, West Kennet Avenue, il santuario e Silbury Hill.

Occupa una posizione prominente sulla cresta di una collina, appena sopra la valle superiore del Kennet.

È possibile che il West Kennet Long Barrow fosse una volta un monumento più piccolo che si è espanso durante il primo neolitico.

Molti dei lunghi tumuli scoperti nel nord del Wiltshire, come quelli sotto South Street e Beckhampton Road, contenevano piccole strutture prima dell’erezione dei tumuli in questi siti. Pollard e Reynolds hanno suggerito che questi possono essere stati “piccoli” santuari.

Il West Kennet Long Barrow è lungo 100 metri e largo 20 metri. L’archeologo Timothy Darvill ha notato che era di “dimensioni piuttosto eccezionali”, essendo molto più grande della maggior parte dei long barrows.

La camera di pietra è stata caratterizzata come “più elaborata” della maggior parte degli altri esempi nel gruppo Cotswold-Severn. La camera è costruita in sarsen ed è abbastanza alta per stare in piedi, una caratteristica rara dei tumuli a camera lunga.

Si prega di notare ciò che i due ricercatori hanno notato:

Pollard e Reynolds credevano che l’inclusione delle pietre nel tumulo fosse una scelta deliberata fatta per “appropriarsi delle storie e delle associazioni di queste pietre”. Il calcare oolitico è stato usato anche nei muri a secco del West Kennet Long Barrow; è stato anche usato in questo modo a Adam’s Grave (un altro tumulo più a sud), mentre frammenti più piccoli di questa pietra sono stati trovati in lunghi tumuli senza camera a Shepherd’s Store, Easton Down, Horslip e Kitchen Barrow. Questa pietra non si trova naturalmente in questa zona del nord del Wiltshire, ma dovrebbe essere stata portata dalla zona intorno a Frome e Bath. È possibile che sia stato scelto per l’inclusione in questi monumenti per le sue associazioni con un luogo lontano, per le sue qualità estetiche, o perché si credeva che contenesse l’essenza di certi esseri soprannaturali. È anche possibile che i costruttori di questi monumenti considerassero la regione del Cotswold come la loro casa ancestrale e che l’uso del calcare oolitico in queste strutture fosse un modo per collegarsi al loro passato.

https://en.wikipedia.org/wiki/West_Kennet_Long_Barrow

Questo è ciò che dice dell’oolite:

L’oolite o oolite (pietra uovo) è una roccia sedimentaria formata da ooidi, grani sferici composti da strati concentrici. Il nome deriva dall’antica parola greca per uovo. In senso stretto, le ooliti consistono in ooidi da 0,25 a 2 millimetri di diametro; le rocce composte da ooidi più grandi di 2 mm sono chiamate pisoliti. Il termine oolite può riferirsi a un’oolite o a singoli ooidi.

Ooidi sulla superficie di un calcare; Carmel Formation (Giurassico medio) dello Utah meridionale/Wikipedia

https://en.wikipedia.org/wiki/Oolite

Si noti che mentre il tumulo è lungo, la porzione di pietra che serve come santuario-tomba era relativamente piccola e all’estremità orientale.

LONGSTONE LONG BARROW

Questo monumento è un lungo tumulo neolitico allineato da nord-est a sud-ovest e situato su un dolce pendio rivolto a est, 300 m a sud-ovest del lungo tumulo di South Street. Esso “…” sopravvive come un imponente terrapieno che misura 84 m di lunghezza e 35 m di larghezza. Il tumulo raggiunge un’altezza di 6 metri ed è fiancheggiato a nord e a sud da fossati di cava che hanno fornito il materiale per la costruzione del tumulo. Qui sono state scoperte prove di una sepoltura a cremazione dell’età del bronzo contenuta in un’urna di ceramica.

https://historicengland.org.uk/listing/the-list/list-entry/1008126

LE PIETRE LUNGHE “ADAM” E “EVE E “EVE

I Longstones sono due menhir di pietra Sarsen, uno dei quali è attribuito a Beckhampton Avenue che porta ai Longstones a ovest

Il viale probabilmente finiva qui, anche se si estendeva più a sud-ovest oltre le pietre.

William Stukeley registrò il sito nel XVIII secolo quando era solo parzialmente distrutto e suggerì che si estendeva ulteriormente, anche se gli scavi moderni e la geofisica archeologica non lo hanno confermato.

Queste due pietre, che sono ancora visibili, sono conosciute localmente come ‘Adamo’ ed ‘Eva’, il ‘Longstone Circle’ o i ‘Devil’s Phalluses’.

Le due pietre sono allineate a sud-ovest/nord-est e sono alte 3 m.

“La più piccola/più pesante ‘Eva’ a nord-est si pensa sia probabilmente una pietra che faceva parte del viale di Beckhampton che collegava Avebury.

“Adam”, la più grande delle due pietre (circa 62 tonnellate), è quella a sud-ovest.

Secondo Stukeley, queste due pietre facevano parte di un’insenatura (una U) o di un cerchio, simile all’insenatura (una U) nel cerchio interno settentrionale di Avebury, e si trovavano immediatamente adiacenti a un viale. Ai tempi di Stukeley questo era rappresentato solo da circa 30 pietre, rendendo la linea del viale meno chiara di quella del vicino West Kennet Avenue.

“Adam”, insieme ad altri tre, formava un’insenatura a quattro lati (una U).

Gli scavi congiunti delle Università di Leicester, Newport e Southampton – Università di Southampton nel 2000 hanno rivelato che i fori del sito per le altre pietre erano posizionati vicino ad ‘Adam’. L’insenatura era aperta sul suo lato sud-est che si affacciava sul vicino tumulo sepolcrale di South Street, a 130 m di distanza.

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Longstones

https://historicengland.org.uk/listing/the-list/list-entry/1008104

COLLINA DEI MULINI A VENTO

Con una superficie di 8,5 ettari, Windmill Hill è uno dei più grandi recinti neolitici riconosciuti in Gran Bretagna.

Il sito sembra essere stato occupato per la prima volta intorno al 3800 a.C., suggerito da una serie di fosse apparentemente scavate da una società agraria che utilizzava ceramica di tipo Hembury.

In una fase successiva, intorno al 3300 a.C., tre fossati concentrici a segmenti furono scavati intorno alla cima della collina, il fossato più esterno aveva un diametro di 365 metri. ” … ” Un tumulo sepolcrale dell’età del bronzo fu poi costruito tra i due anelli interni e centrali. ” … ” Grandi quantità di ossa, sia umane che animali, sono state recuperate anche dal riempimento del fosso.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Windmill_Hill

COLLINA SILLBURY

Altro monumento eccezionale, Silbury Hill è il più grande tumulo sepolcrale d’Europa. Costruito intorno al 2400 a.C., è alto 39,5 m e contiene mezzo milione di tonnellate di gesso. La funzione di questo imponente monumento, così abilmente costruito, rimane oscura.

https://whc.unesco.org/fr/list/373

http://www.stonehenge-avebury.net/aburysites.html

Si tratta anche di capire che, di fatto, si tratta di una piramide a gradoni i cui gradini furono poi ricoperti di terra

Composto principalmente da gesso estratto dalle immediate vicinanze, il tumulo è alto 40 metri2 e copre circa 2,2 ettari, rivelando un’immensa conoscenza tecnica, completata da prolungate competenze ingegneristiche nell’ingegneria civile, nell’organizzazione del lavoro e nell’approvvigionamento di un sito di dimensioni eccezionali. Gli archeologi stimano che Silbury Hill fu costruita circa 4.750 anni fa e che ci vollero 18 milioni di ore di lavoro – gli sforzi di 500 uomini in 15 anni – per spostare e modellare 248.000 metri cubi di materiale di riempimento per completare una collina naturale. Euan W. Mackie sostiene che nessuna semplice struttura tribale del tardo neolitico, come si immagina di solito, avrebbe potuto portare avanti un tale progetto e altri simili, e prevede un potere elitario, autoritario e teocratico che esercita un vasto controllo su tutta la Gran Bretagna meridionale.

La base della collina è circolare, 167 m di diametro. La parte superiore è appiattita in una terrazza circolare di 30 m di diametro. In un primo momento fu costruito un piccolo tumulo, che fu notevolmente ingrandito in una seconda fase. Le prime strutture alla base della collina sono perfettamente circolari, e le misurazioni mostrano che il centro della piattaforma superiore e il centro della base del cono della collina sono distanti solo un metro.

“William Stukeley scrive che uno scheletro e una briglia furono trovati durante la piantagione di alberi in cima al monumento nel 1723: era probabilmente una sepoltura tardiva e secondaria. ” … ” Silbury Hill ha rivelato pochi artefatti preistorici: la sua base ha prodotto solo argilla, selce, zolla, muschio, terriccio, ghiaia, conchiglie d’acqua dolce, vischio, quercia, nocciolo, pietre sarsen, ossa di bue, denti e corna

https://fr.wikipedia.org/wiki/Silbury_Hill.

IL SANTUARIO

Il santuario era un cerchio di pietra e legno. ” … ” Gli scavi hanno rivelato la posizione delle 58 celle e delle 62 buche postali. Dalla sua posizione su Overton Hill, il santuario offre la vista di vari monumenti del primo neolitico nel paesaggio, tra cui West Kennet Long Barrow, East Kennet Long Barrow e Windmill Hill.

Era collegato “…” ad Avebury attraverso il viale di pietra del West Kennet. È anche vicino alla preistorica Ridgeway e a diversi tumuli dell’età del bronzo. ” … ” Gli scavi hanno rivelato che il santuario consisteva in due anelli concentrici con un diametro totale di circa 40 metri.

La prima fase di attività del sito, intorno al 3000 a.C., consisteva in un anello di otto pali di legno di 4,5 metri di diametro, con un palo centrale che si presume fosse una capanna rotonda. Entro 200 anni il primo anello fu allargato a 6 m e un secondo anello fu aggiunto, sempre di otto pali, ma questa volta di 11,2 m, creando forse una grande capanna o un recinto. Nella terza fase, nel tardo neolitico, fu aggiunto un terzo anello di 33 pali, in un cerchio di 21 metri di diametro, e allo stesso tempo fu introdotto un cerchio interno di 15 o 16 pietre sarsen accanto a quello che era in questa fase l’anello centrale, facendo un muro quasi solido di pietre e pali.

La fase finale consisteva in 42 pietre di sarsen che formavano un anello di confine di 40 metri di diametro, che sostituiva tutte le strutture di legno. Questo potrebbe essere stato costruito in un periodo simile al cerchio di pietre di Avebury e aveva un ingresso che portava a Kennet Avenue, con due linee parallele di pietre che correvano i 2,5 chilometri dal santuario ad Avebury.

LONG BARROW ORIENTALE

Il monumento comprende un lungo tumulo situato nella parte superiore di East Heslerton Wold. Il tumulo si trova lungo una stretta cresta che è leggermente rialzata rispetto alla superficie del terreno circostante e si pensa che il tumulo sia stato originariamente costruito per trarre vantaggio da questa prominenza naturale.

ALTRI SITI VICINI

I siti nelle vicinanze di Avebury includono la Tomba di Adamo e la Valle del Cavallo Bianco con il Cavallo Bianco, il più antico geoglifo celtico, a Huffington.

TOMBA DI ADAM

La tomba di Adamo era un lungo tumulo neolitico vicino ad Alton Barnes nel Wiltshire. Il tumulo è considerato del tipo di tomba Severn-Cotswol (come West Kenneth…). Questi di solito consistono in lunghi tumuli di terra trapezoidali costruiti con precisione che coprono le camere sepolcrali, quindi sono un tipo di tumuli a camera lunga. La camera, fatta di pietre sarsen, conteneva scheletri umani parziali. ” … ” L’area intorno alla Tomba di Adamo ha un’alta densità di tumuli lunghi ed è importante per il suo potenziale archeologico.

La disposizione delle pietre intorno al sito suggerisce che una volta c’era un marciapiede o un cortile. Sono conosciuti come ‘Vecchio Adamo e Piccola Eva’ e si trovano vicino all’entrata originale del tumulo. ” … ” Sono state suggerite anche associazioni con il vicino monumento di Avebury.

https://en.wikipedia.org/wiki/Adams_Grave.

Ecco la posizione del sito in relazione ad Avebury:

E lo stesso sito web di Adam’s Grave

Immagine di Google

Si noti che un cavallo bianco è stato inciso (rimuovendo la superficie per rivelare la pietra calcarea) da un artista abbastanza recentemente. Questa incisione recente non deve essere confusa con quella molto più antica discussa qui sotto.

LA VALLE DEL CAVALLO BIANCO…

La White Horse Valley è la valle dell’Ock, un piccolo fiume che sfocia nel Tamigi. ” … ” Prende il nome dal Cavallo Bianco di Uffington.

Inoltre, c’è una pista erbosa che si dice sia la più antica d’Europa, The Ridgeway (it), che risale ad almeno 5.000 anni fa.

” … ” La ricchezza dei suoi prati verdi e del suo fogliame contrasta con le cime calve delle Berkshire Mountains, che la delimitano a sud. I numerosi olmi, che una volta erano una caratteristica chiave della valle, sono scomparsi” … “La tradizione vuole che la Vale of the White Horse si estenda dai Costwolds alle Berkshire Mountains.

” … ” Ad ovest, sopra il villaggio di Uffington, le colline raggiungono il loro punto più alto (261 m) a White Horse Hill. Sul lato nord di questa collina, appena sotto la cima, un gigantesco cavallo bianco è stato trainato scavando la terra bianca calcarea. Il disegno ha dato il suo nome non solo alla collina, ma anche ai dintorni e alla valle. È lunga 114 metri. È molto stilizzato, con il collo, il corpo e la coda di larghezza approssimativamente costante. L’origine della rappresentazione è sconosciuta. ” … ” A ovest della collina c’è una specie di tumulo sepolcrale chiamato ‘Wayland’s Smithy’. (‘Wayland’s Smithy’).

Una pista erbosa rappresenta la Ridgeway, riconosciuta come la più antica strada d’Europa, risalente a più di 5.000 anni fa. Corre lungo le creste delle colline, al di sopra di quelle che allora erano pianure paludose e foreste.

… CON IL CAVALLO BIANCO DI HUFFINGTON

Il cavallo bianco di Uffington è probabilmente la più antica figura di gesso conosciuta (geoglifo) in Inghilterra. La silhouette del cavallo è lineare e disegnata nel gesso sottostante lo strato di humus. La figura è iscritta in un rettangolo di 100 m per 30 m che corre da nord a sud, da capo a sud, e misura circa 111 m dalla coda all’orecchio. ” … “

Una datazione più recente, effettuata negli anni ’90 da Simon Palmer e David Miles dell’Unità Archeologica di Oxford, dimostra tuttavia che la figura risale all’età del bronzo. Il gigantesco cavallo bianco di Uffington, una delle più grandi realizzazioni umane dell’età del bronzo europea (± 3.000 anni), è quindi, tra i geoglifi equini d’Inghilterra, probabilmente l’unico che può essere collegato alla civiltà celtica. Datato alla tarda età del bronzo, offre una rappresentazione schematica del cavallo con un corpo allungato e gambe disarticolate, molto vicino a quello che si può osservare sulle monete celtiche. Secondo l’interpretazione più recente, la figura non è un simbolo territoriale, una rappresentazione di una divinità locale o una figura disegnata per onorare gli dei, ma un cavallo che “tira il Sole”: un dispositivo legato al passaggio diurno del Sole nel cielo, legato alla traiettoria del Sole invernale, che si trova in altri paesi nordici.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Cheval_blanc_d’Uffington

STONEHENGE

Dopo aver esaminato gli elementi del sito di Avebury, è opportuno esaminare quelli di Stonehenge

DESCRIZIONE

Stonehenge è il cerchio di pietre preistorico più sofisticato al mondo dal punto di vista architettonico. Non ha rivali nel suo design e nella sua tecnica di costruzione unica, con le sue enormi pietre dell’architrave che poggiano sul cerchio esterno e i triliti le cui forme si incastrano con precisione. Si distingue per l’uso unico di due diversi tipi di pietra (bluestone e Sarsen), le loro dimensioni (la più grande pesa più di 40 tonnellate), e le distanze su cui sono state trasportate (fino a 240 km). La scala pura di alcuni dei monumenti circostanti è anche notevole; il Cursus di Stonehenge e la Avenue sono entrambi lunghi circa 3 km, mentre Durrington Walls è il più grande cerchio di pietre conosciuto in Gran Bretagna, circa 500 m di diametro, dimostrando la capacità degli uomini preistorici di progettare, ingegnerizzare e costruire strutture grandi e complesse.

https://whc.unesco.org/fr/list/373/

Stonehenge è un monumento megalitico costituito da una serie di strutture circolari concentriche, erette tra il 2800 e il 1100 a.C., dal neolitico all’età del bronzo.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

POSIZIONE

Si trova tredici chilometri a nord di Salisbury e quattro chilometri a ovest di Amesbury (contea di Wiltshire, Inghilterra).

L’intera Stonehenge e il cromlech di Avebury, circa 40 chilometri più a nord, sono elencati come patrimonio mondiale dell’UNESCO in un gruppo intitolato “Stonehenge, Avebury e siti associati”.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

ETIMOLOGIA

Il significato e l’etimologia di Stonehenge rimangono un po’ incerti: “le pietre pendenti” o “le pietre sporgenti” sono adatte ai linguisti che conoscono le radici germaniche, mentre “la forca” sembra essere più un’etimologia popolare.

Il nome Stonehenge è attestato fin dal Medioevo: “…” autori dell’XI secolo menzionano “pietre non lontano da Salisbury”, sotto i nomi di stanenges o stanheng, intesi come “pietre sostenute (pietre sostenute). Nel 1740, William Stukeley notò che “nello Yorkshire, le rocce pendenti sono chiamate henges… Non ho dubbi”, disse, “che in sassone, Stonehenge significa “pietre pendenti””. (pietre appese)”.

Christopher Chippindale, nel suo Stonehenge Complete, dà Stonehenge come possibile derivato dalle parole inglesi antiche stān ‘pietra’, e hencg ‘cerniera’. (hinge in inglese moderno), o da hen (c) en, che significa ‘forca’ o ‘strumento di tortura’: gli architravi e i pilastri dei triliti a Stonehenge possono infatti aver evocato per i visitatori medievali la silhouette familiare di una forca. Tuttavia, altrove nel suo libro, Chippindale dà a Stonehenge anche il significato più immediato di “pietre sospese (pietre sospese).

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

CRONOLOGIA E DATAZIONE

La cronologia classica è quella dell’archeologo Richard J. C. Atkinson, che ha diretto gli ultimi scavi su larga scala a partire dal 1950 e per circa trent’anni, con una grande campagna di restauro tra il 1958 e il 1964.

Dobbiamo a lui la divisione in tre fasi I, II e III, che è ormai accettata da tutti. Ma le suddivisioni, e talvolta anche l’intera cronologia, differiscono significativamente da un autore moderno all’altro.

Le tre fasi sono:

  • Fase 1: Neolitico, ca. 2800/ 2100
  • Fase 2: Calcolitico, ca. 2100/ 2000
  • Fase 3: Età del bronzo, ca. 2000 / 1100

Supponendo che questa fasatura sia corretta, la fase III è il sito come lo conosciamo con i suoi cinque triliti a forma di U circondati da una cintura di pietre anch’esse a forma di triliti.

Quest’ultima fase è ulteriormente suddivisa in quattro fasi:

  • Stonehenge III a (2.000BC)
  • Stonehenge III b (-2.000 – 1.500)
  • Stonehenge III c (-1550 -1100)
  • Stonehenge IV (1100BC).

 

Tuttavia, è utile notare come il sito si è evoluto nel corso dei millenni, quindi le tre fasi saranno esaminate.

Prima, per una buona comprensione delle fasi 1 e 2 vi invito a consultare il seguente diagramma fornito da WK:

La pianta omette gli architravi del trilite per chiarezza. I buchi che non contengono più o non hanno mai contenuto pietre sono mostrati come cerchi aperti e le pietre che sono visibili oggi sono mostrate in colore, i megaliti di arenaria “sarsen” sono in grigio, e le “pietre blu” in blu.

  1. la Pietra dell’Altare, un monolite di sei tonnellate di arenaria micacea verde del Galles; 2 e 3. i tumuli; 4. la Pietra del Sacrificio Caduto, lunga 4,9 metri; 5. la Pietra del Tacco (Pietra del tallone; 6. Due delle quattro pietre ‘stazione’; 7. Fosso 8. Riva interna 9. La riva esterna; 10. Il “viale” monumentale, una coppia parallela di fossati e rive, che porta al fiume Avon, due miglia a est; 11. 11. Anello di 30 buche chiamate buche Y; 12. Anello di 29 buche chiamate buche Z; 13. Anello di 56 fosse, conosciute come le fosse di Aubrey; 14. Ingresso secondario. Il monumento (cromlech) si trova all’interno del cerchio 12.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

Passiamo a ciò che è stato fatto nelle prime due fasi della costruzione:

Fase 1: Neolitico, ca. 2800-2100

 

con la creazione di :

  • Dal recinto esterno circolare originale (fosso e terrapieno)
  • I buchi di Aubrey:

Gli ‘Aubrey Holes’ sono un grande cerchio di cinquantasei grandi cavità, disposte regolarmente all’interno e a breve distanza dal pendio del recinto circolare. Queste buche rotonde hanno pareti verticali e sono distanti circa cinque metri l’una dall’altra. Il loro diametro varia da 0,75m a 1,50m, e la loro profondità da 0,60m a 1,20m. Frammenti di carbone di legna, ossa umane carbonizzate, piccoli oggetti come forcine d’osso e lunghi bastoncini di selce tagliata dello spessore di un dito sono stati trovati in un riempimento di gesso, il cui uso non è noto. Trentaquattro di essi (parte orientale) sono stati scavati. Sono facilmente identificabili, contrassegnati da lastre di calcare.

  • Dalla Pietra del Tacco:

La Pietra del Tacco (5), una pietra di arenaria del Terziario fuori dall’entrata nord-est, potrebbe anche essere stata eretta durante questo periodo, ma non può essere formalmente datata e potrebbe essere stata installata in qualsiasi momento della Fase III. Una o due pietre erano attaccate ad esso (fori D ed E).

La Pietra del Tacco è simile in natura agli altri ‘sarseni’ del cerchio centrale e dei triliti (Fase III), ma a differenza di questi, è interamente grezza, senza tracce di taglio o lavorazione. Attualmente è inclinato, in una posizione che non può essere quella originale, e circondato da un fossato molto marcato, situato a quattro metri dalla sua base.

Il nome Heel Stone esiste fin dal Medioevo. La sua etimologia e il suo vero significato rimangono oscuri: la parola tacco non offre un significato soddisfacente, e sono state usate etimologie che evocano il diavolo o il sole.

Secondo Atkinson, la Pietra del Tacco non è tanto un marcatore quanto i costruttori intendevano segnare la direzione esatta del sole nascente al solstizio d’estate

  • della struttura in legno A :

Non si sa se questi pali corrispondono a un’impalcatura, o se sostenevano il tetto di uno o più edifici

  • Station Stones forse alla fine di questo periodo:

Le quattro Station Stones sono pietre di arenaria sarseni di dimensioni modeste, situate vicino ai fori di Aubrey e diametralmente opposte a coppie, l’insieme forma un lungo rettangolo che corre NW-SE perpendicolarmente all’asse generale del monumento. Ne rimangono due, numerati (6) nel diagramma qui sopra: misurano rispettivamente 3m e 1,20m. Gli altri due, segnati a (2) e (3), erano in cima a tumuli comunemente noti come barrows, anche se non contengono sepolture. Fosse simili a quella intorno alla Pietra del Tacco furono poi scavate intorno a questi due tumuli

  • Dal recinto sepolcrale a sud-est:

Diverse decine di cavità sepolcrali più piccole, simili per contenuto alle buche di Aubrey e trovate non lontano da esse, furono scavate da Hawley nella metà sud-est del recinto circolare, che egli spogliò completamente. In tutto, sono state trovate circa 55 tombe a cremazione, comprese le buche di Aubrey. Atkinson colloca questo periodo di utilizzo come cimitero di cremazione alla fine della Fase I, che abbraccia circa due secoli. Egli suggerisce che altre tombe possono essere trovate nelle pendici interne del recinto, che non sono state scavate. La presenza di oggetti come una testa di clava o una piccola ciotola parzialmente bruciata su un lato (un incensiere?) suggerisce che i defunti potevano essere dignitari politici o capi con autorità spirituale o religiosa, accompagnati dalle loro famiglie…

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

In SINTESI della fase I:

4.800 anni fa (nel 2.800 a.C.), la struttura è dunque un cerchio (fosso e terrapieno), all’interno del quale è definito un primo cerchio di 56 buche o fosse (di diametro e profondità sufficienti per ospitare un adulto (diametro di 1,5 m e profondità di 1,2 m) o un bambino (diametro di 0,75 m e profondità di 0,6). Sono state trovate forcine d’osso, carbone, resti di ossa carbonizzate e selci dello spessore di un dito. Le pietre della stazione formano un rettangolo perpendicolare all’asse del monumento, e più particolarmente all’entrata e al viale. Due di queste pietre sono su un tumulo e due no.

Nella metà sud-est del recinto sono state trovate tombe a cremazione. Insieme alle buche di Aubrey, ci sono 55 buche/fosse di cremazione.

Fase 2: Calcolitico, ca. 2100/ 2000

con la creazione di :

  • Allargamento della strada d’ingresso ” … “.
  • Lo scavo e il riempimento del fosso Heel Stone
  • Dalla costruzione della prima sezione della Avenue:

Il ‘Viale (10), largo 23 m (12 m tra gli argini), corre verso nord-est dalla Heel Stone lungo l’asse del monumento, poi a metà strada verso il Cursus, un lungo recinto megalitico poco più a nord, piega verso est in un modo ben visibile sulle fotografie aeree e infine si unisce al fiume Avon, a tre chilometri di distanza e dopo un’ultima curva a destra. Questa lunga struttura è formata da due fossati paralleli e le corrispondenti pendenze verso l’interno, secondo la tecnica caratteristica della Fase I, alla quale si è tentati di metterla in relazione. Ha tutto l’aspetto di un percorso processionale, che probabilmente serviva anche per trasportare le “pietre blu” dal fiume Avon.

  • Dall’erezione del doppio cerchio di pietre blu Q e R, incompiuto:

Due cerchi concentrici, ciascuno composto da 38 cavità chiamate fori Q e R, sono stati scavati nel centro del sito, all’interno dell’attuale cerchio sarsen. Nell’asse del monumento, all'”ingresso”, sei cavità supplementari completano l’insieme, dimostrando che il monumento era già orientato a nord-est, verso il sole nascente del solstizio d’estate, prima della costruzione della struttura attuale (fase III).

Queste cavità ospitavano probabilmente più di ottanta menhir ‘bluestone’ che costituivano un primo cromlech, oggi completamente scomparso (teoricamente: due cerchi concentrici di 38 menhir e 6 menhir supplementari all’entrata, cioè 82 megaliti in tutto).

La maggior parte delle “pietre blu” ancora presenti nel sito (riutilizzate nella Fase III b) sono fatte di dolerite, una roccia magmatica olocristallina verde-azzurra con inclusioni bianche o rosate delle dimensioni di un pisello (dolerite maculata). Ma altre sono di natura diversa: tre di esse sono di dolerite simile, ma senza inclusioni (dolerite non macchiata); inoltre, quattro pietre blu sono fatte di riolite (roccia vulcanica blu-grigia) a volte contenente globuli biancastri (riolite sferulitica); quattro ceppi sepolti sono fatti di una cenere vulcanica verde oliva molto più morbida e fragile di tutte le altre pietre presenti sul monumento; infine, due di esse sono di un altro tipo di cenere vulcanica contenente calcare. È noto dal 1923 che tutte queste “pietre blu” provengono dalle Preseli Mountains (Pembrokeshire, Galles). In particolare, gli scavi di Mike Parker Pearson nel 2017 e nel 2018 hanno dimostrato che le pietre blu a Stonehenge hanno probabilmente avuto origine da un cromlech ora smantellato chiamato Waun Mawn nelle Preseli Mountains.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

In SINTESI della Fase 2:

Circa 2.100 anni fa, fu creato il viale, composto da due argini, che andava dall’ingresso a nord-est fino al fiume Avon, piegando verso est a metà strada.

Anche se non sono stati completati, ci sono anche due cerchi di pietra blu con 38 cavità ciascuno, a cui si devono aggiungere i sei all’entrata rivolti a nord-est e al solstizio d’estate, per un totale di 82 megaliti.

Mentre tutte le pietre blu sono di origine vulcanica, non sono della stessa qualità. Alcuni sono fatti di cenere vulcanica contenente calcare, alcuni di una cenere vulcanica verde oliva, alcuni di riolite (roccia vulcanica grigio-azzurra con o senza globuli biancastri), alcuni di dolerite (roccia magmatica blu-verdastra) macchiata (con inclusioni bianche o rosate delle dimensioni di un pisello) e alcuni di dolerite non macchiata.

Le pietre blu di Stonehenge provenivano probabilmente da un cromlech ora smantellato chiamato Waun Mawn nelle montagne Preseli.

Fase 3: Età del bronzo, ca. 2000 / 1100

 

La fase successiva del lavoro avvenne alla fine del III millennio, quando il grande periodo del megalitismo era finito in Europa: tutte le pietre blu dei cerchi Q e R furono prima rimosse e messe da parte, lasciando il terreno libero per il nuovo progetto.

Un eccezionale complesso megalitico di settantacinque monoliti fu allora eretto sul sito, sul quale i visitatori concentrano ancora oggi la loro attenzione

Prima di dettagliare le modifiche apportate al sito nella fase III, ecco lo stato attuale del sito seguito da 2 ricostruzioni:

Ecco la pianta del cromlech centrale, nel suo stato attuale, con la numerazione ufficiale delle pietre:

  • Cerchio esterno di sarsen: pietre da 1 a 30 e architravi da 101 a 130.
  • Cerchio esterno di pietre blu: da 31 a 49.
  • Triliti Sarsen: pietre da 51 a 60 e architravi da 152 a 160.
  • Ferro di cavallo delle pietre blu: dal 61 al 72.
  • “Pietra d’altare”: 80.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

Ecco una vista dall’alto del sito ricostruito:

The international journal of the humanities Volume 9, Number1, Reinventing the Past: John Wood the Elder di Tessa Morrison. P.47.

E una vista in 3D del sito ricostruito:

Hans Bernhard. 26/05/2010

Cerchio ricomposto di pietre blu e sarsen. Da Alun Salt. (CC BY-SA 3.0)

Quali sono stati i cambiamenti nella Fase III?

Fase III a (- 2 000)

Quelli considerati in Fase IIIa (- 2.000) sono i seguenti:

  • Smontaggio del doppio cerchio di pietre blu (Q e R della fase II):

La fase successiva del lavoro avvenne alla fine del III millennio, quando il grande periodo del megalitismo era finito in Europa: tutte le pietre blu dei cerchi Q e R furono prima rimosse e messe da parte, lasciando il terreno libero per il nuovo progetto (cioè l’erezione dei cinque triliti centrali e quelli intorno al perimetro, la versione definitiva che conosciamo; vedi sotto)

  • Il trasporto di blocchi di sarsen dalla zona di Marlborough:

Gli enormi monoliti, uniformemente fatti di arenaria “sarsen” dell’Oligocene-Miocene, furono estratti e liberamente visitati circa 40 km a nord di Stonehenge, sulle Marlborough Downs, a est di Avebury. ” … ” Il trasporto di questi monoliti, il più grande dei quali pesa circa cinquanta tonnellate, è un’avventura senza precedenti nell’ingegneria collettiva. Una collina nel mezzo del percorso non facilitava questa operazione, per la quale Atkinson non propose altro che slitte, corde e rulli di legno, tenendo impegnati migliaia di uomini per decenni.

  • L’erezione dei triliti di sarsen:

I triliti sono cinque gruppi di tre monoliti di arenaria sarseni, sollevati e disposti come portici in una pianta a ferro di cavallo, lasciando un’apertura di 13,70 metri di larghezza a nord-est.

” … ” I triliti sono disposti simmetricamente: le due coppie di triliti più piccole erano alte sei metri, quelle successive 6,50 metri, mentre il grande trilite singolo sul lato sud-ovest doveva essere alto 7,3 metri, compresa l’architrave. Partendo dall’apertura NE, i primi due triliti sono gli unici sopravvissuti intatti, mentre il grande trilite centrale è crollato da tempo: “…”. I pilastri dei triliti sono disposti in coppie strettamente distanziate; il loro profilo diminuisce verso l’alto in una curva che si accentua bruscamente in alto, il che ricorda il principio dell’entasi dei templi greci antichi, che dà l’illusione di colonne più snelle e più diritte.

  • L’erezione del grande cerchio di Sarsen

Il grande cerchio di arenaria di Sarsen consiste in trenta monoliti eretti in un cromlech di trentatré metri di diametro e sormontati da trenta architravi. Ogni pilastro ha due tenoni corrispondenti alle due mortase ovali di ciascuno degli architravi, che sono stati collocati da un capo all’altro mediante un preciso assemblaggio di scanalature e linguette tagliate a punta: il tutto forma un anello continuo sospeso alla sommità della struttura.

L’effetto visivo finale fu la preoccupazione costante dei costruttori, come nel caso dei triliti: gli ortostati (pietre verticali) si allargano leggermente verso l’alto in modo che, visti da terra, la loro prospettiva rimanga costante, mentre gli architravi di pietra sono tagliati leggermente in curva per conservare la disposizione circolare generale del monumento. Ogni pilastro ha la sua faccia migliore verso l’interno del cerchio. Il taglio è più rustico di quello dei triliti, e le facce esterne sono quasi non lavorate. ” … ” Gli ortostati sono alti circa 4,10 metri, larghi 2,10 metri e pesano circa venticinque tonnellate. Gli architravi di pietra sono lunghi circa 3,20 metri, larghi un metro e spessi 0,80 metri: pesano circa sette tonnellate. Le cime degli architravi sono sospese, per quelli ancora sospesi, a 4,90 metri dal suolo.

  • L’erezione della Pietra della Macellazione

La Pietra della Macellazione (4) è un nome di fantasia dato dagli antichi esploratori a una pietra sarsen accuratamente sbozzata, lunga 7 m, una volta sollevata, ora caduta verso l’interno del monumento, appena esposta, vicino al terrapieno. Faceva parte dei due, o forse tre, grandi portali che segnavano l’entrata nord-est.

  • Incisioni fatte dopo l’erezione del sarsen.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

SINTESI DELLA FASE III a :

Questo fu seguito da un apparente cambiamento di progetto, poiché i due cerchi concentrici centrali di pietra blu furono rimossi per far posto ad un nuovo progetto che avrebbe comportato l’innalzamento dei cinque triliti centrali e del contorno, sempre in trilite. Questi triliti sono fatti di arenaria Sarsen e provengono dal Marlborough Downs, a est di Avebury (un sito collegato a Stonehenge).

I triliti centrali sono distanziati e formano un ferro di cavallo con l’apertura a nord-est, di fronte all’entrata principale. Il trilite principale è lungo 7,3 m, gli altri due circa 6,5 m e gli ultimi due 6 m.

Il cerchio è composto da 30 triliti uniti da mortase e tenoni che formano un anello. All’entrata, ci dovevano essere tre grandi triliti, uno dei quali è il resto della pietra comunemente conosciuta come la pietra sacrificale.

Fase III b (-2 000 – 1 500)

Quelli considerati di stadio IIIb (-2.000 – 1.500) sono i seguenti:

  • Tagliare ed erigere le pietre blu in una nuova disposizione circolare:

Le pietre blu, recuperate dalle cavità Q e R deliberatamente riempite, sembrano essere state rierette una volta all’interno del cerchio di sarsens, anche se i dettagli esatti di questo periodo non sono ancora chiari. Alcuni di questi sono stati lavorati nello stile delle costruzioni in legno, così come gli stessi sarsen, suggerendo che potrebbero essere stati collegati da architravi e aver fatto parte di una struttura più grande durante questo periodo.

  • Fori Y e Z scavati fuori dal cerchio Sarsen, poi abbandonati e lasciati incompiuti

Ci sono due cerchi un po’ irregolari all’esterno del cerchio sarsen, ciascuno con trenta grandi cavità (11, 12), corrispondenti a ciascuno dei 30 pilastri del cerchio di pietra e disposti ad anello intorno ad essi. Questi buchi, metà dei quali furono scoperti e scavati da Hawley nel 1923, sono stati riempiti e sono difficilmente visibili oggi; altri due furono scavati e studiati in dettaglio da Atkinson nel 1953; gli altri, non scavati ma ben marcati, sono completamente impercettibili dai visitatori. La loro forma rettangolare con pareti verticali (dimensioni medie: 1,80 × 1,20 metri; profondità uniforme: 1,05 metri per il cerchio Z e 0,92 metri per il cerchio Y), il loro aspetto incompiuto e il loro contenuto (terra, frammenti di riolite e arenaria sarsen, fondo rivestito di selce grezza) mostrano che molto probabilmente si tratta di un progetto abortito di riorganizzazione delle pietre blu all’esterno del cerchio sarsen

Pianta dei cerchi di fori Y e Z, all’esterno della struttura centrale in pietra/Per Sitehut.

  • La pietra dell’altare

Il nome “pietra d’altare” appare su una mappa disegnata da Inigo Jones nel 1620 per designare il blocco di sei tonnellate (1) di arenaria verde micacea del periodo Siluriano-Devoniano che brilla alla luce del sole e misura 4,20 × 1 × 0,50 m, cioè il doppio dell’altezza delle pietre blu. Questa arenaria verde proviene molto probabilmente dal Galles, dove ci sono diversi depositi di questa roccia.

Il suo nome di pietra d’altare e la sua posizione orizzontale, incuneata sotto gli elementi caduti del trilite principale (frammenti del pilastro 55 e dell’architrave 156), possono creare confusione riguardo al suo scopo originale. In effetti, potrebbe essere stato eretto, formando un menhir di natura unica in un luogo unico, proprio al centro del monumento.

Oggi, il visitatore ha difficoltà a scorgere questa pietra, nascosta nel caos centrale del monumento, che è sepolto per tre quarti, ma se è un po’ attento, può scorgere la superficie orizzontale scintillante, che è stata consumata dal traffico pedonale dei visitatori precedenti.

WK/’Stonehenge Car Park Postholes’/La società del portale megalitico

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

SINTESI DELLA FASE III b

Oltre al tentativo di riorganizzare gli 82 megaliti di pietra blu, ci sono due cerchi fuori dal cerchio di Sarsen con 30 buchi (o fosse) ciascuno (esattamente lo stesso numero dei triliti circostanti). Sono disposti nell’asse centrale di ogni trilite. Sono rettangolari con pareti verticali, profonde 1,05 metri (per il cerchio 7) e 0,92 metri (per il cerchio Y), con una lunghezza media di 1,80 metri e una larghezza media di 1,2 metri.

La forma, l’aspetto incompiuto e il contenuto (terra, frammenti di riolite e arenaria sarsen, e una base rivestita di selce grezza) suggeriscono ai ricercatori che questo era molto probabilmente un progetto abortito per riorganizzare le pietre blu all’esterno del cerchio sarsen. La pietra dell’altare è un blocco di arenaria verde micacea del Galles, grande il doppio delle pietre blu, e anche se ora è orizzontale e quasi sepolto, potrebbe essere stato eretto, formando un menhir unico in un posto unico al centro del monumento.

Fase III c (circa -2.000/- 1.100)

Questa fase vide un’ulteriore riorganizzazione delle pietre blu di dolerite, che furono collocate in un cerchio tra le due strutture Sarsens e in un ovale (poi ferro di cavallo) al centro del monumento

I seguenti sono considerati come Fase IIIc (circa -2.000/- 1.100):

  • Smantellamento della precedente struttura in pietra blu, e ricostruzione delle pietre blu in un cerchio

Il cerchio, così com’è oggi, è molto incompleto. Ogni pietra blu è alta circa 2 m, larga tra 1 m e 1,50 m e spessa fino a 0,80 m. È possibile che questo cerchio finale fosse composto da una sessantina di pietre blu.

  • Riforma delle pietre blu in ovali concentrici, poi in ferri di cavallo.

L’aspetto di quest’ultima struttura, che si trova al centro del monumento, circa un metro all’interno del grande ferro di cavallo di sarsen, è molto diverso da quello del precedente cerchio di pietre blu: questa volta sono accuratamente disposte a intervalli regolari, tanto che si può stabilire che formavano una struttura ovale con diciannove pietre, triliti compresi. “… “Sono stati tutti lavorati con grande cura in pilastri quadrangolari; uno di loro, che ha un tenone appiattito in cima, era certamente parte di un antico trilite, mentre altri due curiosamente presentano, uno una battuta, l’altro una scanalatura scavata fino in fondo, che suggeriscono che queste pietre, ad un certo punto, si sono incastrate lateralmente per qualche scopo sconosciuto.

Infine, la sezione nord-est dell’ovale di pietra blu è stata rimossa, creando una struttura a ferro di cavallo che replica la forma della struttura centrale dei triliti di sarsen.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

RIASSUNTO DELLA FASE III C

Le 82 pietre blu sono visibilmente riorganizzate in un unico cerchio di probabilmente sessanta pietre, che si trova tra il perimetro e il ferro di cavallo dei triliti centrali; le pietre blu sono alte 2 m, larghe tra 1 m e 1,50 m e spesse fino a 0,80 m.

Poi è stato formato un ovale con circa 19 pietre blu (tagliate in pilastri quadrangolari) per formare dei triliti (almeno 2 incastrati lateralmente) questa volta all’interno della U/Scarpa di cavallo formata dai cinque triliti centrali, a 1 m di distanza, prima di formare finalmente una struttura a U o a Ferro di cavallo anche lì.

Fase IV (-1.100).

Estensione del viale a ovest di Amesbury

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

 

altre informazioni dagli ultimi scavi e ricerche

È interessante notare quanto segue

Su monumenti simili vicino a Stonehenge:
  • Un monumento cerimoniale è stato scoperto (tramite magnetometria) a meno di un chilometro dal cerchio principale. Comprende un fosso segmentato con ingressi opposti nord-est/sud-ovest, con fosse interne fino a un metro di diametro, e potrebbe aver avuto una struttura in legno. Questo monumento sembra essere contemporaneo a Stonehenge e avere lo stesso orientamento (Nel luglio 2010, missione di mappatura dello Stonehenge New Landscapes Project).
  • I ricercatori del Landscape Project hanno anche scoperto la presenza di 15 monumenti sconosciuti risalenti al tardo neolitico. “… “questi includerebbero più cromlechs (allineamenti verticali di monoliti), tumuli, fosse e trincee. Grazie a questo nuovo studio, i ricercatori hanno potuto creare una nuova mappa della zona di Stonehenge. Questa nuova mappa include Stonehenge, ma anche una striscia di terra chiamata Curcus, che corre da est a ovest per circa 3 chilometri. Questa barriera di fossati avrebbe preceduto Stonehenge di diverse centinaia di anni. Anche il Curcus Mound, le fosse comuni, a sud del Curcus, è stato aggiunto alla mappa. Mentre gli storici non conoscono ancora lo scopo del Curcus, il professor Gaffney lo chiama “la grande barriera sacra a nord di Stonehenge”.

Alcuni esperti credono che sia legato al passaggio del Sole. Infatti, i ricercatori hanno scoperto delle fessure nei fossati, compresa un’ampia fessura sul lato nord, per permettere alle persone di entrare e uscire. Vince Gaffney ha anche scoperto una grande fossa, ora profonda un metro, a est del Curcus.

Rituali a Stonehenge?

A causa della sua larghezza, 4,5 metri di diametro, il team crede che sia stato utilizzato per i rituali. Soprattutto perché si trova nel percorso dell’alba del solstizio d’estate. “Abbiamo pensato che fosse una bella coincidenza! “

“In quel momento ci siamo chiesti cosa ci fosse dall‘altra parte. E c’era un’altra fossa! Due fosse, che segnano il solstizio d’estate e l’alba, poste ai lati di un monumento che è legato al passaggio del sole”, spiega il ricercatore, citato dal Daily Mail. Così, nel giorno più lungo dell’anno, le fosse formano un triangolo con Stonehenge, segnando l’alba e il tramonto.

Lo scienziato crede che le fosse siano state usate per bruciare fuochi, permettendo al sito di essere visto di giorno e di notte. “Sempre di più, possiamo analizzare l’area intorno a Stonehenge come un complesso movimento liturgico, che ora dovremmo capire meglio poiché sappiamo dove si trovano i monumenti“, conclude.

https://www.maxisciences.com/stonehenge/15-monuments-inconnus-decouverts-sous-le-site-de-stonehenge_art33348.html

  • Un cerchio di buche postali molto grandi (alte 4,5 m?) riempite con detriti di calcare è stato scoperto a Durrington Walls (scavi condotti da Mike Parker Pearson nell’estate 2016)

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

  • Un cerchio di 20 km di diametro intorno al cerchio di Stonehenge con fosse di 10 m di diametro e 5 m di profondità

Una nuova scoperta ha riacceso la speculazione. Vicino al cromlech, gli scienziati hanno scoperto delle fosse sotterranee di 10 m di diametro e 5 m di profondità. Queste fosse sono perfettamente allineate in un cerchio intorno ai menhir, su un diametro di 20 km!

TF1 – Pubblicato il 16 settembre 2020 alle 10:39, aggiornato il 16 settembre 2020 alle 10:47/https://www.lci.fr/sciences/video-site-de-stonehenge-le-mystere-rebondit-4-500-ans-apres-2164411.html

Sul rapporto tra Stonehenge, Durrington Walls e il fiume Avon:

 

Un altro viale, molto più breve, che porta al fiume Avon è stato scoperto a Durrington Walls, uno dei monumenti associati a Stonehenge (scavato tra il 2003 e il 2008 da una squadra guidata da Mike Parker Pearson come parte del Riverside Project).

Una costruzione circolare composta da un insieme di 4 pietre, che probabilmente segnava il punto di partenza del viale, è stata scoperta anche nel punto in cui Stonehenge Avenue incontra il fiume.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

Sull’origine delle pietre blu :
  • L’origine della riolite del sito trovata nei detriti di Stonehenge (che tuttavia non sembrano corrispondere a nessuno dei menhir di pietra blu) è stata determinata essere da uno sperone di roccia di 70 metri, chiamato Craig Rhos-y-Felin, situato vicino a Saeson Bridge, North Pembrokeshire, 220 km da Stonehenge, Galles (18 dicembre 2011; da geologi dell’Università di Leicester e il Museo Nazionale del Galles)
  • Nel sito di un cromlech in rovina a Waun Mawn (gallese per palude) nelle Preseli Mountains (Pembrokeshire, Galles), è stato identificato un cerchio di pietre delle stesse dimensioni dei cerchi di pietra blu Q e R a Stonehenge (110m di diametro):

Includeva una cavità di pietra (Waun Mawn Hole 91) con una forma pentagonale che corrisponde molto da vicino alla pietra pentagonale (Stone 62) a Stonehenge.

Il sito aveva un orientamento nord-est verso il solstizio d’estate come Stonehenge.

I ricercatori hanno concluso dalle loro osservazioni (utilizzando la datazione a luminescenza otticamente stimolata [OSL] dei sedimenti nelle grotte) che le pietre del sito sono state rimosse 300-400 anni dopo la loro erezione nel 3400-3200 a.C., o intorno al 3000-2800 a.C., quando l’attività umana a Waun Mawn è apparentemente cessata nello stesso periodo, per essere utilizzate a Stonehenge, dove sono state risistemate nelle loro posizioni attuali e integrate con arenaria sarsenica locale. Si deduce quindi che gli abitanti di Waun Mawn possono essere migrati a Stonehenge con le loro pietre. Per quanto riguarda le altre pietre, poiché non tutte provengono da Waun Mawn (in particolare le Sarsen), è stato ipotizzato che a Stonehenge possano essere state aggiunte pietre provenienti da altre fonti, forse da altri cerchi smantellati nella zona.

(2017 e 2018; scavato dalla squadra di Mike Parker Pearson)

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

 https://www.cambridge.org/core/journals/antiquity/article/original-stonehenge-a-dismantled-stone-circle-in-the-preseli-hills-of-west-wales/B7DAA4A7792B4DAB57DDE0E3136FBC33#

Il sito di Waun Mawn nelle Preseli Hills, smantellato in modo che le sue pietre blu possano essere riutilizzate a Stonehenge

https://www.cambridge.org/core/journals/antiquity/article/original-stonehenge-a-dismantled-stone-circle-in-the-preseli-hills-of-west-wales/B7DAA4A7792B4DAB57DDE0E3136FBC33

Sull’origine delle pietre sarsen :

Per quanto riguarda l’origine delle pietre sarsen, è stato dimostrato che hanno avuto origine a West Woods, a sud-ovest di Marlborough.

Lo studio di 9 mesi del geologo David Nash e del suo collaboratore Timothy Darvill, un archeologo, recita

Si presume generalmente che il sarsen sia stato portato a Stonehenge dal Marlborough Downs, circa 30 chilometri a nord: la zona più vicina ha molti blocchi di sarsen. Tuttavia, i Marlborough Downs sono enormi, e abbiamo bisogno di maggiore precisione per capire come le persone preistoriche hanno sfruttato il paesaggio e le sue risorse. ” … ” I loro risultati indicano che la maggior parte dei megaliti hanno avuto origine a West Woods, a sud-ovest di Marlborough. Con questa nuova posizione, i ricercatori offrono ulteriori prove per determinare quale percorso sarebbe stato preso per trasportare i blocchi da 30 tonnellate alla loro destinazione finale. “Possiamo immedesimarci nel popolo neolitico che ha partecipato a questo sforzo collettivo e riflettere su come ha portato a termine questo compito erculeo. “

https://www.futura-sciences.com/planete/actualites/geologie-stonehenge-decouverte-son-origine-fait-echo-legende-merlin-35408/

Sull’orientamento e il legame generale con i solstizi

Come molti altri siti che sono stati studiati, ai quali si attribuisce una funzione “agricola e religiosa”. (sic), Stonehenge è uno dei siti che è stato identificato come avente un orientamento solstiziale, in particolare il solstizio d’inverno:

Stonehenge sarebbe stato più probabilmente un importante luogo cerimoniale e/o di raccolta, soprattutto durante l’estate e soprattutto il solstizio d’inverno, come suggeriscono studi più recenti (l’archeologo Mike Parker Pearson ha fatto molto lavoro su questo argomento). In una società neolitica in cui l’agricoltura aveva un ruolo importante, il giorno più corto dell’anno doveva avere una dimensione religiosa e simbolica molto forte.

https://www.sciencesetavenir.fr/archeo-paleo/archeologie/stonehenge-tout-savoir-du-site-megalithique-le-plus-celebre-du-monde-et-le-plus-mysterieux_149688

Al solstizio d’estate, i primi raggi del sole passano attraverso il cerchio e colpiscono la Pietra del Tacco. Al solstizio d’inverno, i raggi passano tra i due triliti posti alle estremità del “ferro di cavallo” interno.

In ogni caso, molti scienziati concordano sul fatto che la precisione delle posizioni dei megaliti è troppo grande per essere il risultato del caso.

https://www.dinosoria.com/stonehenge.htm

Gli specialisti hanno studiato diversi elementi, tra cui un sito vicino chiamato Durrington Walls, descritto dal Prof. Pearson come “il più grande insediamento neolitico di tutto il nord Europa”, con circa 1.000 case. Ma hanno anche considerato la presenza di 80.000 ossa di bovini e maiali. ” … ” Ora, tutto questo sembrava indicare una grande ricchezza e attività a Stonehenge 5.000 anni fa. L’analisi dei denti del bestiame mostra un picco nella macellazione di animali giovani (nati in primavera) durante il solstizio d’inverno, e in misura minore durante il solstizio d’estate.

A Stonehenge, diversi monumenti hanno mantenuto il loro allineamento con il sorgere e il tramontare del sole al solstizio, tra cui il cerchio di pietre, il viale, Woodhenge e il cerchio meridionale e il viale di Durrington Walls.

Anche se l’uso cerimoniale originale dei monumenti non è noto, essi conservano un significato spirituale per alcune persone, molte delle quali si riuniscono ancora vicino ai due cerchi di pietra per celebrare il solstizio e fare altre osservazioni.

https://whc.unesco.org/fr/list/373/

Acustica in loco e in pietra:

La dolerite delle colline Preseli in Galles è stata usata per il cerchio interno di Stonehenge. R. Till, un archeologo che studia l’archeoacustica di Stonehenge e di altri siti, nota che un villaggio in questa zona si chiama Maenclochog, che significa ‘pietre squillanti’. (pietre che suonano). Localmente, è noto che queste pietre hanno effetti acustici particolari.

Un luogo di sepoltura per cremazione

La datazione al radiocarbonio dei resti di corpi cremati indica che Stonehenge è stato un luogo di sepoltura fin dalla sua nascita, cinquemila anni fa.

“Ora è chiaro che Stonehenge è stato durante tutti i suoi periodi principali un luogo di sepoltura”, dice Mike Parker Pearson, un archeologo dell’Università di Sheffield.

“La sepoltura di corpi cremati del periodo monolitico di Stonehenge (…) dimostra che Stonehenge è sempre stato il dominio dei morti”, dice il professore di archeologia. Gli archeologi stimano che le reliquie di 240 persone potrebbero essere sepolte nel sito megalitico.

https://www.dinosoria.com/stonehenge.htm

Un luogo di cremazione per un’élite

Gli scavi intrapresi nel 2008 e lo studio dei resti umani, in particolare attraverso nuove datazioni al carbonio-14, sotto l’egida di Mike Parker Pearson, Geoffrey Wainwright e Timothy Darvill, hanno fornito elementi che modificano significativamente le nostre conoscenze. Sembra che già nel 3000 a.C. ci fosse una necropoli di cremazione, delimitata da un primo cerchio di pietre blu e riservata a un’élite, forse proveniente, come le pietre stesse, dal Galles dove monumenti simili si trovano tra i più antichi

https://www.universalis.fr/encyclopedie/stonehenge/

Un sacrificio umano di un arciere

Nel 1978, Richard Atkinson e il suo collega John G. Evans scoprirono lo scheletro di un uomo dell’età del bronzo, conosciuto come “l’arciere di Stonehenge”, durante uno scavo in trincea nel recinto circolare. È stato deliberatamente e attentamente sepolto nel fosso esterno, non in un tumulo come è usuale nella zona.

Né è stato cremato come gli altri sul posto.

La datazione al radiocarbonio suggerisce che sia morto intorno al 2300 a.C., rendendolo approssimativamente contemporaneo ad altri “arcieri” trovati nelle vicinanze, ad Amesbury (Amesbury Archer) e Boscombe Bowmen

https://fr.wikipedia.org/wiki/Stonehenge

Si dice che sia stato ucciso da tre frecce scagliate a distanza ravvicinata, “…”. Gli archeologi hanno portato alla luce il parapolso e le punte di freccia di un arciere, anche all’interno del suo corpo.

Per questo è stato paragonato a un arciere.

https://www.maxisciences.com/sacrifice/le-mysterieux-sacrifice-humain-de-stonehenge_art33673.html

Tomba del tardo neolitico (2500 a.C.) scoperta nel Wiltshire

In questa tomba, è stata trovata una donna in posizione rannicchiata con un pezzo di ceramica, un frammento di ago o di fuso e un oggetto cilindrico cavo fatto di scisto, simile a una tazza.

(scoperta dell’organizzazione Wessex Archaeology)

Un genere mai incontrato prima dagli specialisti.

“Questo è un oggetto unico: non l’abbiamo mai visto prima”, ha confermato il dottor Matt Leivers, consulente archeologo di Wessex Archaeology, in una dichiarazione. “Possiamo solo speculare sulla sua natura – potrebbe essere stata una coppa cerimoniale deliberatamente danneggiata prima di essere messa nella tomba.

https://www.geo.fr/histoire/des-tombes-de-lage-du-bronze-exhumees-pres-du-site-de-stonehenge-203690

BIBLIOGRAFIA

AVEBURY

STONEHENGE

COLLINE DI PRESELI

  • https://www.dyfedarchaeology.org.uk/HLC/Preseli/area/area281.htm

STONEHENGE (SPIEGAZIONE)

RICORDANDO IL LEGAME TRA QUESTO ARTICOLO E L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”:

Questo articolo precede quello dedicato alla spiegazione del mistero del sito di Stonehenge, che troverete in un articolo separato su questo sito:

https://www.yvar-bregeant.com/le-site-megalithique-de-stonehenge-resolution-de-lenigme-par-la-langue-symbolique-prehistorique-2/

o nel libro intitolato :

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

che potete trovare in vendita anche nella sezione seguente:

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, vai a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

RICHIAMO AL DIRITTO D’AUTORE

Vi ricordiamo di rispettare il diritto d’autore, poiché questo libro è stato registrato.

©YVAR BREGEANT, 2021 Tutti i diritti riservati

Il Codice della proprietà intellettuale francese vieta le copie o le riproduzioni per uso collettivo.

Qualsiasi rappresentazione o riproduzione totale o parziale, con qualsiasi procedimento, senza il consenso dell’autore o dei suoi aventi diritto, è illegale e costituisce una violazione punita dagli articoli L335-2 e seguenti del Codice della proprietà intellettuale francese.

Si veda la spiegazione all’inizio della sezione sulla politica dell’autore per rendere disponibili i suoi libri.

Introduzione / Struttura e contenuto

Partager :