STONEHENGE: LA SOLUZIONE DEL MISTERO

Partager :

Cette publication est également disponible en : Français (Francese) English (Inglese) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Русский (Russo) Türkçe (Turco) Polski (Polacco)

Indice dei contenuti

SCOPO DI QUESTO ARTICOLO

Come ci siamo resi conto leggendo il precedente articolo che riassumeva le scoperte archeologiche su questo sito, nonostante le numerose scoperte che rivelano molto sulla sua vera natura, la maggior parte degli archeologi continua a sostenere la trita interpretazione scientista di un tempio costruito da cacciatori-raccoglitori un po’ “primitivi” che, dopo la scoperta dell’agricoltura nel Neolitico, si dedicarono ai primi riti agricoli legati al corso del sole.

Va detto che questa è un’interpretazione superficiale e popolare del primo grado e, diciamolo pure, dal punto di vista della conoscenza culturale del mondo sacro, una vera e propria aberrazione intellettuale e un’eresia culturale se conosciamo il linguaggio simbolico mitologico universale, il significato dei simboli che i nostri antenati usavano per trasmettere i loro insegnamenti, le loro dottrine, il loro culto e la loro religione.

È quindi utilizzando questo linguaggio simbolico che “tradurremo” questo sito e indicheremo chiaramente tutto ciò che esso serve a rappresentare, attraverso la sua architettura, i suoi ornamenti e ciò che siamo riusciti a trovare in relazione ad esso.

Sciogliendo uno per uno tutti i nodi enigmatici che finora hanno contribuito al suo mistero, questa decifrazione avrà, spero, il merito di aprire gradualmente gli occhi dei neofiti della scienza sacra, dei turisti e di chiunque sia legittimamente stupito da questo sito, ma anche, quindi, gli occhi della comunità archeologica.

Analizzando questo sito, vedremo che, rispetto ad altri siti megalitici, trasmette anche gli stessi rigorosi insegnamenti e dottrine della religione mitologica preistorica (o paganesimo preistorico), compresa la sua dottrina principale: l’immortalità dell’anima umana attraverso la celebrazione della morte e della reincarnazione del padre degli dei (l’uomo primordiale divinizzato) in suo figlio, il dio figlio; una rinascita ottenuta grazie al potere rigenerante del grembo di sua moglie, la dea madre (la donna primordiale divinizzata).

L’analisi di questo sito è un’ulteriore dimostrazione del fatto che, anche se ogni sito megalitico è diverso in quanto utilizza il linguaggio simbolico sacro della religione mitologica in base alle proprie caratteristiche locali, privilegiando alcuni simboli rispetto ad altri, fondamentalmente tutti utilizzano lo stesso linguaggio simbolico sacro che trasmette la stessa dottrina o religione mitologica preistorica originale.

Questo esempio, unito all’analisi di altri siti megalitici, ci permetterà di comprendere meglio l’universalità e l’atemporalità della religione mitologica preistorica (o paganesimo).

COLLEGARE QUESTO ARTICOLO CON L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”:

Un riassunto di tutto ciò che è stato detto o scoperto sul sito di Stonehenge è disponibile in un articolo separato su questo sito:

STONEHENGE: SINTESI DELLE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

articolo tratto anche dal libro disponibile su questo sito:

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

libri che si possono trovare anche nella sezione :

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, vada a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

Spero che vi piaccia leggere l’articolo completo qui sotto:

SPIEGAZIONE DELLO SCOPO DEI SITI PRESELI HILLS, AVEBURY, STONEHENGE

Da quanto è stato esaminato, si è capito che il sito di Stonehenge non è solo legato al sito di Avebury, ma è anche intimamente connesso al sito di Waun Mawn che si trova sulle Preseli Hills, vicino alla costa del Pembrokeshire nel Galles occidentale.

Infatti, è da questo sito che molte delle pietre blu del sito sono state visibilmente rimosse.

Inoltre, come già menzionato, il sito intorno ad Avebury lo precede. Le pietre Sarsen di Stonehenge provengono da West-Woods, un sito situato 5 km a sud-est di Avebury e probabilmente collegato ad esso. 

Dobbiamo quindi interessarci a questi due siti, prima di Stonehenge, e capire la loro mistica particolare se vogliamo poi capire meglio la mistica di Stonehenge, che ovviamente deriva direttamente da loro o è almeno legata ad essi.

Ecco cosa dice della regione delle Preseli Hills:

LE COLLINE DI PRESELI

RIASSUNTO DOCUMENTARIO DELLE COLLINE DI PRESELI

Le colline Preseli (Mynydd Preseli) sono un paesaggio speciale. Essi contrastano fortemente con il paesaggio circostante. Sono fatti di dolerite con la caratteristica di avere molti affioramenti rocciosi simili a torri.

È da questi affioramenti che sono state estratte pietre blu e asce neolitiche, in particolare dai siti di Carn Menyn (la cui cresta appuntita domina l’orizzonte) e Carn Alw.

Mynydd Preseli è essenzialmente una cresta allineata a est-ovest con due punti più alti: Foel Eryr alla sua estremità occidentale (468 m) e Y Foel Drygarn alla sua estremità orientale (363 m). Ci sono grandi aree di palude sul lato nord a circa 120m.

A Foel Eryr c’è un tumulo rotondo in cima con una possibile coppia di pietre e c’è un altro tumulo nelle vicinanze.

A Y Foel Drygarn ci sono tre tumuli sommitali (con anche altri quattro tumuli rotondi e due possibili tumuli, e un tumulo ad anello, una pietra eretta dell’età del bronzo e due possibili pietre erette, e un paio di pietre).

C’è anche un gruppo di tumuli rotondi su Foel Cwm Cerwyn.

Ci sono anche insediamenti preistorici su Carn Afr, Carn Alw e Carn Goedog, dove ci sono un certo numero di altri siti preistorici di natura sconosciuta, ma probabilmente compreso un tumulo ad anello.

Un altro gruppo di siti preistorici su Carn Menyn/Carn Gyfrwy è anche di natura sconosciuta, ma include una fabbrica di asce.

https://www.dyfedarchaeology.org.uk/HLC/Preseli/area/area281.htm

Bene, dopo questa presentazione, facciamo un passo indietro e vediamo com’è questo sito di Preseli Hills

Mi dirai onestamente quello che vedi…

Siamo ben dentro il Galles occidentale:

Avviciniamoci un po’ di più adesso…

Ditemi. Cosa vedi? Non è molto chiaro?

E qui sotto?

Tutta la zona centrale ocra (chiara o scura) corrisponde alle colline dei Preselli con la sua caratteristica roccia.

Io e te saremo anche molto stanchi, ma… sì…

Di nuovo, non posso farci niente.

È chiaro che le colline rocciose di Preseli hanno la forma di… un cervo!

Incredibile, vero? Eppure…

Ma cerchiamo ora di identificare i siti principali:

  • Waun Mawn dove si trova il cerchio di pietre simile a quello di Stonehenge, dal quale sono state rimosse e trasportate le pietre blu
  • Foel Eryr che culmina a ovest con il suo tumulo
  • Y Foel Drygan che culmina a est con i suoi tre tumuli.

Gli altri siti che ho potuto identificare sono menzionati, ma non ci soffermeremo su di essi.

WAUN MAWN

Il cerchio di pietre smantellato di Waun Mawn si trova a 311 m sul lato di una collina.

E come si chiama questa collina? “Cnwc yr Hŷ”, che significa ….

“Il tumulo del cervo…

In breve, siamo qui con Waun Mawn di fronte al principale sito originale, che consiste in un cerchio di pietre rivolto a nord-est, rivolto verso il solstizio d’estate, chiamato quindi Waun Mawn, situato all’altezza di un orecchio di cervo fatto di roccia magmatica e la cui collina specifica è chiamata il tumulo del cervo…

Francamente.

Penso che probabilmente state cominciando ad apprezzare l’importanza di ciò che significa, anche se personalmente trovo difficile sintetizzarne l’intero significato.

Per capire meglio il significato di tutto questo, vi rimando al rispettivo simbolismo del cervo, della cerva, dell’orecchio, del tumulo, del cerchio, del cerchio di pietre erette, della Roccia (dea della roccia, della pietra e degli inferi…).

Bisogna anche capire cosa significa Waun Maun in sumero:

Poiché significa “palude” in gallese, vi invito a collegare il simbolismo di palude, acquitrino, fango, argilla.

Per quanto riguarda il suo significato sumero, è ancora più esplicito:

Maun è scomposto in “ma” “au” “n”.

Sappiamo che ‘ma’ designa la dea madre che lega con corde, macina, macina, brucia ‘a’ il padre degli dei, l’antenato, ma anche, per estensione, i suoi adoratori, i suoi stessi figli, i suoi sudditi.

Come si è visto nell’analisi del nome di Eva, ‘au’ è una delle sue traslitterazioni latine dal sumero.

Infine, “n” significa, tra le altre cose, “essere innalzato”.

In altre parole, “Maun” non significa altro che la madre Eva divinizzata, elevata al rango degli dei che lega…

Per quanto riguarda “Waun”, si scompone in “u” “au” “n”.

Abbiamo appena rivisto i significati di “au” e “n”.

Cosa significa ‘u’?

Ecco la sua spiegazione dall’indice dei fonemi sumeri:

U :

“u” è un fonema che indica chiaramente il figlio-messia esoterico, la reincarnazione del padre:

Così, ud, il sole, la luce ha l’equivalente u4.

“u” è un’altra parola per pesce (rispetto a ku6) e “ú” è pane o cibo (lo stesso di kú) (mentre “ku” significa sopportare, procreare, produrre. Kuku è un antenato che procrea, un progenitore. Ku4 è un trasgressore…; Kù significa essere brillantemente puro e culturalmente purificato…)

“u” significa anche un uomo potente; u4 significa sole, luce, tempo, u5 un uccello maschio, un gallo, una zona elevata, essere in cima, condurre, guidare, essere reso alto, u6 l’occhio, lo sguardo, qualcosa di sorprendente e impressionante.

È esplicito che questa lettera evoca il grande dio sotto diversi simboli (il pesce, il simbolo cristico per eccellenza, il gallo) che dopo la sua caduta in seguito alla sua trasgressione fu messo a morte, esotericamente insegnato come sacrificio, fu innalzato al cielo dopo il suo ritorno alla matrice.

“u” designa dunque il pane, il cibo, simbolicamente il pane del cielo, che qui rappresenta ciò che la dea madre fornisce ai suoi figli, la natura sacrificale della carne e del sangue del suo marito sacrificale che lei nutre attraverso i suoi fluidi corporei.

Questo potente alto uomo abbagliante come il sole, questo pesce, questo gallo, sono tutti simboli del figlio messia esoterico, la reincarnazione del padre rigenerato e deificato dopo essersi sacrificato, essersi decomposto ed essere passato per gli inferi.

Così, “u” “au” “n” significa essenzialmente il figlio-messia deificato di Eva o il figlio-messia di Eva deificata.

Si noti, come si è visto nell’analisi del nome di Eva, che sia ‘au’ che ‘eve’ sono possibili traduzioni latine del sumero.

Quindi Mau è esattamente lo stesso di Maeve/Maeb che sarà discusso per il sito irlandese Tara. 

Di nuovo, la “n” è lì solo per indicare il suo carattere elevato, cioè deificato, allo stesso modo in cui il dio sumero “An” significa letteralmente “a” (o “aa”) “padre” “n” “elevato”. (o “aa”) “padre” “n” “alto”.

Avendo inoltre capito che il cervo è l’emblema dell’antenato Adamo, che la cerva è l’emblema dell’antenata Eva, che l’orecchio (“pi” in sumero) è uno dei simboli della matrice, che il tumulo (sul “tumulo del cervo” o “la matrice del cervo”) o cerchio di pietre rivolto a nord-est è un sito matrice che officia la rigenerazione del padre-ancestatore in una divinità stellare così come la sua reincarnazione nel loro figlio, perché pensate che sia stato scelto questo luogo specifico?

Poteva esserci un posto migliore nella regione per simboleggiare questo?

Dovresti essere consapevole di ciò che implica la tua risposta a questa semplice domanda:

  • Oppure è un puro caso, una straordinaria combinazione di circostanze che gli antenati abbiano scelto questo sito a forma di cervo per erigere i loro monumenti, e in questa particolare posizione per Waun Mawn.
  • Oppure dobbiamo accettare l’idea che i nostri antenati siano stati necessariamente guidati, aiutati, da poteri superiori per fare questo lavoro.

In effetti, non sarebbe stato possibile per gli esseri umani dell’epoca, anche all’avanguardia della loro civiltà locale, essere in grado di immaginare da soli il rilievo dell’intera collina (e quindi, cosa ancora da dimostrare, che ci sia una montagna nelle vicinanze che dia loro un’immagine sufficientemente chiara di queste colline; c’è effettivamente un gruppo di colline a est, ma sono troppo piccole per avere una visione d’insieme, e le montagne più vicine sembrano molto lontane).

Per potere superiore non intendo omini verdi o lucertole spaziali. Basta rileggere il racconto biblico della Genesi per capire, ma vedremo tutto questo in dettaglio nel volume 5.

FOEL DRYGARN

Vorrei ora attirare la vostra attenzione sul sito a est di Foel Drygan.

Come è facile capire, al di là della sua altitudine prominente, essendo situato all’altezza dei “quarti posteriori”, si trova in un luogo “cruciale”.

Di nuovo, ditemi cosa vedete.

Personalmente, vedo potenzialmente due cose (senza ricorrere al famoso test di Rorschach!):

Il primo è questo:

Dal punto di vista del simbolismo dei fluidi, se questa visione è corretta (è davvero solo un’ipotesi qui), questo individuo rappresentato dalle forme geologiche naturali rappresenta l’essere iniziato che si nutre della matrice e dei fluidi vaginali della dea madre, o l’essere che esce o entra nel ventre della dea-cagna.

Un’altra visione delle cose, più semplice e più certa, è quella di limitarsi alla zona della testa e dell’occhio, che è sufficientemente indicativa:

Penso che sarete d’accordo con me che è difficile non vedere questi tre monticelli come se fossero stati messi in cima per rappresentare meglio l’occhio della testa.

L’occhio stesso è anche, come è stato discusso in dettaglio, un simbolo emblematico della matrice.

È impossibile dire se la configurazione del terreno agricolo circostante era la stessa all’epoca per dare questa forma di testa di uccello (o di tartaruga).

In ogni caso, dal punto di vista del simbolismo, la generazione dell’uccello da parte della madre cerva è la stessa della generazione del tumulo, poiché lo scopo è il volo del padre nel cosmo e l’uccello è uno dei suoi simboli privilegiati della sua reincarnazione riuscita (vedi il simbolismo dell’uccello quando rappresenta il padre degli dei).

È anche interessante notare due cose su questi tre tumuli:

  • Tutti e tre sono apparentemente orientati verso il nord-est e quindi verso il solstizio d’estate, così come i siti a ovest di Waun Maun e Stonehenge.
  • Uno, quello finale (est o ovest), sembra essere leggermente fuori passo rispetto agli altri due, quindi forse questa è un’ulteriore prova della rappresentazione della cintura di Orione che, come abbiamo visto, è anche di grande significato simbolico associato.

Ecco i tre tumuli di Foel Drygarn da vicino:

Immagine Foel Drygarn/Google Earth

Foel Drygarn/https://www.pembrokeshirecoast.wales/event/preseli-hills-short-walks-foel-drygarn-2021-08-17/

FOEL ERYR

Quest’ultimo sito non è sufficientemente ben conservato.

Notate che si trova sulla cima occidentale del crinale della collina, al contrario di Fel Drygarn che si trova sulla cima del crinale orientale.

IL SIMBOLISMO DEL SITO DI AVEBURY

Dato che stiamo girando intorno a Stonehenge senza occuparcene direttamente, ma analizzando i principali siti che lo circondano per comprenderlo meglio, è interessante anche guardare il caso di Avebury.

Questo è particolarmente vero perché gli elementi di questo sito sono più vecchi di Stonehenge, che risale al 2600 a.C.

Avebury, Avebury… ma cosa significa?

Bury deriva dall’anglosassone burh; confrontare con -borough e -brough

Da Old Byrgan ‘alzare un tumulo, nascondere, racchiudere in una tomba o tomba, legato a beorgan ‘riparare’, ‘proteggere’, dal protogermanico *burzjan – ‘protezione, riparo’ (fonte anche dall’antico sassone bergan, Dutch bergen, Old Norse bjarga, Swedish berga, Old High German bergan “to protect, shelter, hide”, German bergen, Gothic bairgan “to save, preserve”), dalla radice Proto-Indo-European *bhergh “to hide, protect”. Il significato “coprire, nascondere alla vista” risale al 1711. Correlato: sepolto; sepoltura. Sepoltura “cimitero” attestata dal 1711.

L’inglese antico -y- era un suono breve ‘oo’, come il francese moderno – u-. In circostanze normali si trasformò nell’inglese moderno -i- (in bridge, kiss, listen, sister, ecc.), ma in Bury e in poche altre parole (merry, knell) conservò un cambiamento kentish in ‘e’ che ebbe luogo alla fine del periodo dell’inglese antico.

https://www.etymonline.com/word/bury

Il sumero è molto più utile per capire il significato più profondo di Bury.

Da quanto abbiamo appena letto sopra, possiamo associare Bury dalla sua radice indoeuropea “bhergh” al sumerico “bur-g”; notiamo anche che in inglese antico “bury” si dice “buru”.

SOMMARIO ETIMOLOGIA DI BURY/Bur(u)/Burg

Già, la finale “gh” ha un equivalente sumerico “g”, che designa una cavità scura come la gola, come un grembo, un utero (vedi indice dei fonemi sumerici nel volume 3 su “g”)

Il significato di ‘bur’ è stato anche analizzato esaustivamente nell’indice dei fonemi del volume 3.

Eccolo di nuovo per risparmiarvi la fatica di tornare indietro:

Analisi di “bur” :

Se bur si riferisce a una pentola, una ciotola, un pasto, è il risultato della contrazione tra “ba” a “porzione, razione, un contenitore aperto” e úr, “ginocchia, gambe”. Si tratta quindi di un contenitore posto su o tra le ginocchia, le gambe.

Ma ba si riferisce anche a una creatura con un guscio (tartaruga, lumaca…), un pesce in una casa ba, 4

E la tartaruga, lo strombo… sono emblemi ben noti della dea madre (vedere il loro simbolismo)

La parola “ur” designa un’entrata, o un passaggio nella montagna. La montagna è un emblema importante della dea madre e più particolarmente del suo grembo (vedi simbolismo della montagna). 

Ur5 significa cuore, anima, corpo principale, fondamento, prestito, debito con interesse, rimborso.

Così bur designa chiaramente un’apertura tra le gambe, le cosce, che porta al cuore, all’anima; un’apertura che può anche generare un debito.

Questo indica chiaramente il fatto che uscendo dal grembo della dea madre dell’umanità, Eva, l’umanità nasce con un debito, quello del peccato adamitico. 

Bisogna notare che bir e bur sono associati, la differenza d’uso tra bir e bur è che bir è usato per gli animali distruttivi e bur12 o bu 3.6 per tutto ciò che raccoglie e distrugge le piante.

Bir e bu sono anche associati a bul4 o bu5, che significa come bir soffiare, infiammare, dare fuoco, accendere.

Bir porta significati distruttivi come disperdere, mescolare, rovinare o sabotare, uccidere (da bir) lamentare, appassire, avvizzire (da bir2,4) fare a pezzi; rompere, frantumare (da Bir6,7) con anche il significato blaze, flare (da Bir9).

Così, “bur” porta sia l’idea di distruzione, come il mortaio, sia di bruciare con il fuoco, come il calderone o il forno.

Nel simbolismo del frutto, si vede che il frutto si chiama “Buru7”.

“Bur” porta l’idea di aprire, liberare, rilasciare, slegare e con “bùru(-d), bùr” significa anche un’apertura verso un buco profondo, un pozzo, un pozzo.

È anche possibile che il greco “Purros” che significa “fuoco”, come il caldeo “bur” che significa “purificare”, derivi dal sumero “burus” o “burush”. (dal fuoco) deriva dal sumero “burus” o “burush”.

Bir e bar sono associati: notiamo che Bir9 lo associa con bar 6,7 al sole, e per estensione con bár al sovrano e con buru7 al frutto di un albero, simbolo del figlio-messia.

Così, la fresa porta con sé anche l’idea di liberazione, purificazione, trasformazione in sole, in divinità del figlio-messia che è uscito dal grembo di sua madre dopo essere stato distrutto, bruciato lì. 

 Ur2, 3, 4 si riferisce anche a circondare, inondare, ciò che è circondato, seguendo uru2, (ki), iri, rí; iri (11) che può essere una città, un paese, un villaggio, un quartiere. uru è qualcuno che sorveglia il fuoco, la luce.

Il risultato finale è l’irrigazione e la protezione degli abitanti della città. 

Questo semplice ‘bury’ o ‘buru’ cattura quindi una realtà molto più complessa di una fortezza francese o ‘bourg’ o inglese ‘borgh’ che sono i suoi derivati moderni più comuni.

Per burg o buru, si tratta, in sumero, della “g” cavità oscura, “bur(u)” fossa-matrice in cui l’antenato defunto è sepolto dove pagherà il suo debito, sarà distrutto, bruciato, purificato, trasformato, liberato che permetterà di proteggere e alimentare la città/regione circostante.

E chi è il proprietario di questo “sepolcro” su questo grande sito?

To Ave… uno dei nomi latini di Eva dal sumero (vedi analisi del nome Eva).

Quindi Avebury, la “Fossa Matrice di Eva” è solo un altro sito matrice di rigenerazione dedicato all’antenata Eva, sotto “ave”, allo stesso modo del suo avatar gallese “maun”.

I SITI PRINCIPALI

Tenendo conto della loro età calcolata, i siti della zona sono in ordine di età, West Kenneth (3.700BC) Windmill hill (3.300BC), il Santuario (3.000BC poi finalizzato con Avebury), Sill Bury hill (2.750BC/-2.400BC), Avebury (2.600BC); i suoi viali che lo collegano a West Kenneth e quindi i suoi viali sono stati creati dopo.

Così, mentre i primi siti citati lo precedono, il completamento del cerchio di Avebury e della collina di Sill Bury è contemporaneo alla fase 1 della creazione di Stonehenge.

Quasi certamente, il sito di Longstones (se il tumulo Long Barrow di Longstones e la U formata dalle 4 pietre con la pietra ‘Adam (vedi anche la pietra di Eva nell’ipotesi di Stukeley) deve anche, per analogia con il sito del santuario e di West Kenneth, essere stato creato prima di Avebury e dei suoi viali, altrimenti non sarebbe stato intrapreso di collegare Avebury a questi due siti da due viali al momento della sua creazione.

Questi siti appaiono quindi come i siti principali.

Il design stesso di West Kenneth lo attesta. Non è un tumulo a camera convenzionale. È eccezionalmente grande, con un’elaborata camera interna abbastanza alta da stare in piedi.

Windmill Hill, con i suoi tre fossati concentrici, è uno dei più grandi recinti neolitici della Gran Bretagna.

Per quanto riguarda la collina di Sill Bury, anche se è assolutamente fuori dall’ordinario, è stata fatta intorno allo stesso tempo di Avebury e quindi ha completato il quadro.

UN PIANO PENSATO DA UN’ÉLITE TEOCRATICA

Sembra che molti di questi siti abbiano avuto diverse fasi di occupazione e costruzione durante il periodo neolitico.

In diverse occasioni si dice che quello che potrebbe essere iniziato come un santuario alla fine divenne un tumulo molto più grande o un cerchio sacro (vedi la nota su West Kenneth a Windmill Hill sul santuario).

Ci sono allora due ipotesi:

  • O questi siti sono stati segnati, scelti in questo luogo in modo puramente casuale come semplici ‘cacciatori-raccoglitori’ andavano e venivano sul posto.
  • O questi siti erano pre-programmati e pianificati, anche se il loro completamento finale può aver richiesto centinaia di anni.

A questo proposito, e indipendentemente da tutto ciò che è stato esaminato altrove, ricordiamo l’osservazione fatta da Euan Mackie sulla costruzione del monumento di Sillbury Hill, un monumento eccezionale, il più grande d’Europa (Science and Society in Prehistoric Britain, St. Martin’s Press, New York, 1977). Secondo lui, Sillbury richiedeva un’immensa conoscenza tecnica (nonostante la sua massa, il suo centro in cima è solo 1 metro decentrato rispetto alla base), ampie competenze ingegneristiche in ingegneria civile, organizzazione del lavoro e logistica delle forniture. Dal suo punto di vista, nessuna semplice struttura tribale del tardo neolitico, come di solito si immagina, avrebbe potuto portare avanti un tale progetto e altri simili, quindi pensa a un potere elitario, autoritario e teocratico che esercitava un vasto controllo su tutta la Gran Bretagna meridionale.

 

 

 

 

 

IL PIANO WEST KENNETH

È poi interessante notare l’analogia tra West Kenneth e Newgrange, in Irlanda. Uno è del 3600 a.C. e l’altro del 3200 a.C.

Per la sua età, è anche vicino al tumulo osseo del sito di Tara, che aveva la particolarità di essere il più antico del sito (3.400 a.C.), ma anche, come vedremo, di contenere all’interno all’entrata una pietra che rappresentava il piano generale, l’intero sito, attestando che il sito irlandese di Tara fu concepito in anticipo, pensato in anticipo, anche se la realizzazione dei diversi elementi dell’insieme può aver richiesto più tempo qua e là.

È comprensibile che, dato che non si usava la carta, la pietra poteva essere usata come mappa.

Sarebbe interessante poter cercare e trovare una pietra sul posto, soprattutto a West Kenneth, che ha una rappresentazione in linea con la posizione dei siti principali conosciuti.

Ma anche se non esiste o non si trova, date le competenze e i mezzi che sono stati impiegati per costruire questo sito, il confronto che si può fare con altri siti della stessa natura (per non parlare della capacità di utilizzare la geografia del luogo ad alta quota come un importante quadro simbolico), non c’è dubbio che abbiamo davvero a che fare con una élite autoritaria, teocratica, una civiltà più che brillante. Una civiltà capace di pensare e pianificare con centinaia o addirittura migliaia di anni di anticipo la configurazione finale desiderata del sito.

Se gli uomini dell’era moderna a volte hanno impiegato centinaia di anni per completare le cattedrali, perché non dovrebbe essere lo stesso per i costruttori di un’altra epoca?

Ma quale piano specifico avevano in mente?

Qual era il messaggio che voleva trasmettere?

In effetti, questo piano ci viene dato dallo stesso piano di West Kenneth.

Ecco qui:

Pianta dell’interno del West Kennet. “…” in bianco sono le lastre di bloccaggio finali sul piazzale che hanno sigillato la tomba intorno al 2300 a.C. Le cifre per il numero totale di sepolture in ogni camera sono tratte da Bayliss, Whittle e Wysocki 2007.

http://www.stone-circles.org.uk/stone/westkennetbarrow.htm

Incredibile, vero?

Esattamente come a Malta, si trova un cortile con una facciata concava di fronte all’architettura del corpo della dea madre rappresentata in posizione reclinata e/o accovacciata, rivolta verso est, nella sua operazione di partorire misticamente il padre degli dei e degli adoratori.

Ecco cosa troviamo, nella cavità sud-est e in altre due cavità,

https://www.wikiwand.com/en/West_Kennet_Long_Barrow

Nella prima si vede una pietra che rivela una grande fessura, simbolo universale della vulva; in due si intuisce una figura femminile scolpita nella pietra rossa centrale a destra; infine, nella foto a destra, si distingue, anche se tagliata in due in questa foto, una figura accovacciata con un foro a forma di mezza luna all’altezza della sua vagina.

Siamo dunque evidentemente su un sito di matrice, dedicato alla dea madre la cui identità è rivelata dal nome stesso di Avebury.

La seguente osservazione può essere notata di sfuggita:

Gli studiosi che hanno familiarità con l’archeologia e le religioni antiche interpretano il tumulo megalitico (di West Kenneth) come se avesse un interno preparato che rappresenta la vagina e il grembo della Madre Terra, un concetto spirituale che è sostenuto dall’incisione yoni sulla pietra d’ingresso sullo stesso allineamento. Infatti, quando il lungo tumulo era utilizzato, il sole penetrava lungo la galleria fino alla cella terminale dove cadeva sulla pietra 22 (che è a forma di teschio), poi sul teschio infantile vero e proprio (il piccolo teschio di un bambino era posto sul pavimento tra le pietre 21 e 22, in modo che sarebbe stato illuminato dalla luce del sole nascente agli equinozi), e infine sulla – testa umana scolpita di profilo a sinistra (pietra 21)

http://www.stonehenge-avebury.net/aburysites.html.

Quindi, come è già stato capito da altri, si tratta di generazione. Questo è già un buon inizio.

Ma è anche necessario prendere in considerazione i punti che sono stati sollevati in questi libri, e sui quali nessuno ha mai richiamato l’attenzione: l’architettura di West Kenneth che rappresenta la dea madre in posizione reclinata o accovacciata, una posizione da associare ai relativi simbolismi dei fluidi, della mano… e soprattutto all’identità della dea madre in questione.

Non si tratta quindi solo di “Madre Terra” in una logica scientista, un concetto di fertilità e di vita, ma, come è stato spiegato, della deificazione di Eva come dea della terra e degli inferi, promossa a dea del cielo e come capace, attraverso la sua matrice-piramide-tumulo, di far pagare le proprie colpe al marito e ai figli per essere rigenerati per una nuova vita.

Da questo punto di vista, l’uso a West Kenneth (come alla tomba di Adamo) del calcare oolitico nei suoi muri, una pietra a forma di uovo, non è ovviamente aneddotico e può essere compreso alla luce di quanto appena detto. Tra le ipotesi avanzate, quella che consiste nel dire che “conteneva l’essenza di certi esseri soprannaturali” è in gran parte esatta. Queste uova servono a rappresentare i defunti che vengono qui tra le sue mura per essere ‘seminati’ in modo che possano rinascere (vedi anche il simbolismo del muro, che è uno dei luoghi dove la dea madre vive e si incarna).

LEGNI OVEST

Dopo aver visto il sito di Presseli Hills dove le pietre blu hanno avuto origine, è interessante vedere come appare il sito di West Woods, che è stato identificato come il luogo dove le pietre Sarsen furono estratte e che si trova a 6,5 km da Avebury

Ecco l’immagine di Google Earth del sito di West Woods da cui sono state prese le pietre di Sarsen

Di nuovo, mi dispiace, ma non me lo sto inventando.

Penso che vediate la stessa cosa che vedo io e non credo di dover indicare testa, braccia e gambe nello stesso modo in cui ho fatto per Göbekli Tepe.

Devo ammettere di essere perplesso da questo sito.

Non si sarebbe spostato per migliaia di anni mantenendo la stessa disposizione?

Aveva questo aspetto al momento dell’estrazione di Sarsen?

(A proposito, sarei curioso di sapere da quale punto preciso sono stati estratti…)

In ogni caso, questo luogo sacro, che può (e deve) essere ovviamente associato al simbolismo dell’albero, del bosco sacro (da rivedere), è preoccupante, soprattutto alla luce di quanto è stato dimostrato altrove e sta diventando sempre più evidente, cioè che i luoghi sacri sono stati scelti non solo in base a criteri “idrologici” e geologici, e di facilità di orientamento (verso altri luoghi sacri), ma anche, ovviamente, in base alla configurazione “morfologica” del terreno.

Perché è chiaro che la terra è anche antropomorfa e viene usata come simbolo.

In modo simbolico, andare a raccogliere le pietre blu a Waun Maun e Sarsen nel vicino e più antico sito di Avebury faceva quindi parte del desiderio di associarsi al culto sacro che era stato stabilito lì.

TOMBA DI ADAM

Visto che stiamo parlando della Tomba di Adamo, non vi sarà sfuggito che la collina su cui è stato costruito questo lungo tumulo a camera è su una collina che assume la forma di un equino o di un bovino.

Se l’artista ha aggiunto il suo tocco personale a questo luogo, è probabilmente perché ha capito qualcosa su di esso, cioè che l’uomo preistorico ha usato i rilievi geologici per creare dei simboli (quando non li ha modellati lui stesso).

Inoltre, è chiaro da questo contorno della zona che rappresenta l’animale simbolico (cavallo o mucca) che la “tomba di Adamo” si trova esattamente al livello del grembo, la matrice…

Anche se non ha un’immagine dell’interno, per il suo design simile a West Kenneth (tipo Severn-Cotswol, un lungo tumulo a camera…), la sua posizione, il suo uso di pietre-uovo, partecipa senza dubbio allo stesso misticismo rigeneratore del padre degli dei e dei suoi adoratori attraverso la matrice della dea/mucca gemella.

Immagine di Google

  

AVESBURY E I SUOI VIALI 

Il fatto che il sito di Avesbury sia collegato da due viali di pietra che vanno da Avebury al Santuario a sud-est e al sito di Longstones a sud-ovest conferisce ai suoi tre siti un ruolo speciale

Perché questi tre siti erano collegati e qual era la ragione dell’aggiunta dello straordinario tumulo piramidale di Sillury?

Si può notare che il sito di Avebury è ovviamente un luogo di culto (con le sue pietre di ancoraggio, il suo fossato interno necessariamente non difensivo, il suo orientamento con il suo asse verso nord-est e il solstizio).

IL SIMBOLISMO DELLA COPPIA

Bisogna anche notare che i due viali sono fiancheggiati da due file parallele di pietre, come per attirare l’attenzione sulla doppia natura di queste pietre ancestrali, una doppia natura che è ancora evidente sia al punto di partenza di Longstone con la pietra Adam sarsen più massiccia della pietra Eve sarsen, sia al sito di arrivo di Avebury dove ci sono due cerchi di pietra le cui forme sono doppie. Alcuni alti e snelli considerati “maschi” e i più corti e tozzi “femmine”.

A questo punto, è utile considerare l’esattezza del senso comune e della cultura popolare e porre la domanda: qual è lo scopo del simbolismo se non quello di parlare un linguaggio universale che possa essere compreso da tutti? Se un individuo scolpisce una vulva qui, o usa una pietra massiccia là e un’altra che lo è meno, sapendo che sono antenati, cosa vuole evocare se non l’immaginario dell’ingresso del grembo qui e quello di una coppia là?

Si dà il caso che il senso comune, che a volte legge i simboli per quello che evidentemente sono, ha capito da tempo a livello locale che si tratta di una dualità di uomo e donna, di una coppia che si unisce.

La rappresentazione così fatta è quella di un’unione, si potrebbe dire una concezione, all’interno del cerchio maggiore di Avebury, tra le due file parallele di pietra, tra le pietre maschili e femminili ivi presenti, tra i due cerchi (o semi reciproci) contenuti all’interno della matrice che è essa stessa rappresentata come il grande cerchio principale di Avebury.

L’USO DEI NOMI LOCALI ADAM ED EVE

Non userò l’usanza locale di nominare queste pietre di Longstone come Adamo ed Eva, né di nominare il tumulo più a sud, la Tomba di Adamo, come argomento che siamo qui di nuovo in presenza di un sito di rigenerazione di Adamo dal grembo di Eva.

Per due motivi.

Il primo è che, a rigore, non c’è bisogno di una tale prova immediata nella nostra lingua, perché le prove già date sul sito globale di Preseli, ora Avebury e poi Stonehenge, insieme a tutto ciò che è stato spiegato altrove, sono più che sufficienti. Il sumero stesso li nomina nella sua lingua e in un modo molto più antico.

Il secondo è che può sorgere la questione di quando questi nomi sono stati effettivamente dati ed è molto probabile che siano stati dati negli ultimi giorni del cristianesimo.

Tuttavia, bisogna ammettere che c’è qualcosa di inquietante in questa designazione della cultura popolare, e non solo alla luce di tutto il resto che è stato dimostrato. Per lo meno, attesta il fatto che nella cultura popolare era perfettamente comprensibile che le pietre in piedi rappresentassero gli antenati. E quali antenati più antichi potrebbero esserci per i cristiani, se non la prima coppia umana? Era quindi logico che venissero poi chiamati da loro in questo modo. Inoltre, molte pietre sono scomparse, perché i cristiani locali vedevano queste pietre come luoghi di culto pagano che dovevano sradicare. Ma allora perché tenerli, perché continuare a dar loro questi nomi? Non è paradossale? Questo sembra sostenere l’idea che da tempi molto antichi, e dato il sincretismo permanente tra il cattolicesimo e il paganesimo, queste pietre possono essere state considerate dai locali pagani come la prima coppia ancestrale degli dei, la coppia umana primordiale, di cui certamente non ricordavano più i nomi, e che furono, con l’influenza del cristianesimo, ribattezzati Adamo ed Eva dai cristiani, in un sorprendente ristabilimento della verità storica, poiché si tratta in effetti di loro! anche se i cristiani non avevano prove di questo fino ad ora.

Allo stesso modo, quando i pagani dicevano che questa era la tomba dell’uomo primordiale, i cristiani hanno potuto chiamarla la tomba di Adamo.

Ciò che ci interessa qui, quindi, non è il nome dato, ma il fatto che i popoli pagani attribuivano senza dubbio alla coppia di pietre di Longstones e a certi tumuli la tomba-santuario dell’uomo primordiale, anche se non possiamo essere certi del nome che gli hanno dato.

Questo fornisce un ulteriore strumento per comprendere il simbolismo del sito e conferma indirettamente che si tratta effettivamente di una rappresentazione simbolica.

LA PROCESSIONE DEL SITO

La U delle quattro pietre formate con Adam è orientata verso il vicino tumulo sepolcrale di South Street, ma anche in allineamento diretto con il sito del santuario a sud-est.

Longtsone Barrow è rivolto a nord-est verso il cerchio di Avebury.

Si diceva anche che la Pietra di Adamo formava una U con altre 3 pietre, una U identica alla U nel cerchio/occhio destro del cerchio di Avebury che si trova immediatamente adiacente a West Kenneth Avenue.

Ora la U nel cerchio destro di Avebury è anche orientata a sud-est, per indicare il sito del Santuario che è a sud-est.

Se, oltre al suo valore simbolico (vedi il simbolismo della coppa), la U è usata come indicatore direzionale (è il caso, per esempio, della U dei triliti di Stonehenge, che indica il viale e il Nord-Est), è come se il sito ci dicesse: 

Bene, il punto di partenza è qui a Longstone e noi andremo lì, al santuario. Per fare questo, seguiremo la direzione che Longstone Longbarrow ci indica (essendo vicino e visibile, non era forse necessario andarci) cioè a nord-est verso Avebury lungo Beckhampton Avenue. Lì, la processione che rappresenta Adamo andrebbe probabilmente nell’occhio destro di Avebury, mentre quella che rappresenta Eva andrebbe probabilmente nell’occhio sinistro per simboleggiare la loro unione mistica (non diversamente dal simbolismo dell’Horus egiziano, dove un occhio è il sole e l’altro la luna, come simbolo rispettivamente del padre degli dei e della dea madre). Dopo di che, lasciando insieme, andate ora dal cerchio/occhio destro verso sud-est, giù per Kenneth Avenue, lì, da questa vicina uscita (l’inizio di Kenneth Avenue è molto vicino al cerchio/occhio destro di Avebury), al sito del santuario, con il sito di Sill Bury Hill e West Kenneth alla vostra destra, e qui, quando raggiungete il santuario, è il fiume sotto il sito del santuario.

Possiamo quindi immaginare che questo circuito processionale che parte dai Lonsgtones, e che va al Santuario passando per Avebury, serviva ad evocare la coppia caduta, condannata a morte, che si dirige verso Avebury per simboleggiare la fase della loro unione e il concepimento di un figlio-messia posterità prima della morte di Adamo. Il fatto di passare vicino a West Kenneth permetteva di ricordare che il padre degli dei doveva ritornare nel grembo materno, per diventare di nuovo un uovo, per subire il ciclo di distruzione-rigenerazione. La visualizzazione della piramide di Sillbury Hill serviva a ricordare il risultato di questa rigenerazione, questa rappresentava il padre rigenerato degli dei, reincarnato nel suo figlio-messia solare e unitosi alle stelle. Infine, l’arrivo al Santuario segnava la fine di questa commemorazione in quanto si dovevano compiere i riti legati al risultato di questa rigenerazione con una discesa al fiume Avon per esporsi ai fluidi risultanti dal processo rigenerativo.

Poiché le due pietre di Longstone sono rivolte a nord-est, e l’asse di Avebury e West Kenneth è rivolto a est, si può supporre che questa grande celebrazione abbia avuto luogo al solstizio d’inverno, il momento chiave per commemorare l’intero scenario della rigenerazione.

Questa visione è confermata dalla visione d’insieme del sito:

IL SIGNIFICATO SIMBOLICO DEI 4 MONUMENTI PRINCIPALI: UNA RAPPRESENTAZIONE DELLA DEA MADRE ACCOVACCIATA 

In effetti, cerchiamo di collocarci sul posto dallo stesso punto di vista di Stukeley e del suo disegno del 1743.

I siti sono ancora oggi disposti nello stesso modo.

Ciò che è molto visibile sul disegno di Stukeley e non su un’immagine di google earth è il rilievo e in particolare le due colline su entrambi i lati di Sill Bury Hill, a ovest e a est e a nord.

Tuttavia, se ingrandiamo la collina di Sill Bury, essa è effettivamente affiancata da una lunga collina a est, mentre a ovest è stata visibilmente livellata.

Come avrete già capito, è molto probabile che queste due colline siano state utilizzate per rappresentare localmente le gambe della dea madre, dando origine a Sillbury Hill con un padre rigenerato.

Non è affatto insignificante che il fiume scorra tra le sue gambe, per materializzare il simbolismo dei fluidi vitali che scorrono dal suo grembo per significare simbolicamente che sono i suoi fluidi vitali ad alimentare il fiume Kenneth.

IL SITO DEL SANTUARIO E I SUOI RITI

Poiché il sito del santuario si trovava alla fine del percorso e vicino al fiume Kenneth che scorreva tra le gambe della dea madre, è probabile che vi si svolgessero riti di purificazione dell’acqua

o immersione mistica nel fiume vicino per simboleggiare l’unzione desiderata dei fluidi della dea madre.

Il fatto che offra la vista degli altri monumenti del sito (West Kennet Long Barrow, East Kennet Long Barrow, Windmill Hill) e che sia anche vicino alla preistorica Ridgeway così come a diversi tumuli dell’Età del Bronzo, dimostra che il Santuario era il sito finale da cui l’energia mistica della grande dea si irradiava nel paese circostante.

IL SIMBOLISMO DELLA COLLINA DI SILLBURY

Visto il suo successivo completamento e la sua posizione strategica, come se emergesse tra le gambe della dea-madre accovacciata, è ovvio che questo sito eccezionale può essere stato realizzato per ultimo per completare la rigenerazione del padre degli dei e la sua trasformazione in una divinità che svetta verso il cosmo come una stella.

Di passaggio, è particolarmente interessante trovare in questo sito di Avebury due modelli diversi, ma perfettamente simili, del simbolismo della rigenerazione:

  • Con un tumulo rivolto a est o nord-est e il solstizio d’inverno come West Kenneth
  • Con una piramide-montagna il cui orientamento non è più verso il solstizio, ma nell’asse centrale del cosmo che è l’asse del proprio centro, con quello di Sillbury Hill. Infatti, in un tumulo rotondo, senza apertura, o in una piramide, la rappresentazione dell’elevazione si fa attraverso il centro, in virtù del principio che il centro del cerchio rappresenta la divinità suprema e che l’asse è la strada per raggiungerla (vedere più avanti il simbolismo della piramide).

Questo può spiegare il fatto che Sillbury Hill fu costruita più tardi, in un’epoca in cui la rappresentazione del centro era forse diventata più di moda della rappresentazione del solstizio, che senza dubbio era connotata come un tipo di struttura particolarmente favorita dai primi costruttori esoterici.

Al di là di ciò che è già stato detto sulla collina di Silbury, trovo molto interessante che sulla sua cima, appiattita in una terrazza circolare di 30 m di diametro, uno scheletro e una briglia furono trovati da Stukeley

Dal punto di vista del simbolismo, la presenza di questa briglia in questo punto della cima da cui si suppone che il padre degli dei torni alla perfezione è carica di significato. Bisogna ricordare che sia il padre degli dei è stato divinizzato nella sua condizione caduta come un bue selvaggio, un toro impetuoso, una capra e un asino incapace di controllare i suoi impulsi, come un cavallo pazzo. La briglia serve quindi ad indicare che ora rigenerato, è diventato di nuovo perfetto, sta in una briglia. Dopo essere diventato un cavallo nero, è (ri)diventato un cavallo bianco.

LA VALLE DEL CAVALLO BIANCO

Questo ci riporta al vicino sito della White Horse Valley, che è anche collegato ad Avebury e al santuario dalla Ridgeway, la strada più antica d’Europa, risalente ad almeno 5.000 anni fa.

Anche se la rappresentazione del cavallo bianco su questa collina è molto più tardiva, dato che risale ‘solo’ all’epoca della fine dell’età del bronzo e dei Celti che si riappropriarono del sito, dato che si immergevano anche millenni dopo nello stesso misticismo, questa rappresentazione del cavallo bianco serviva anche a rappresentare il padre degli dei rigenerato e nuovamente in grado di tirare il carro del sole invernale, il sole che lui stesso era diventato come divinità stellare costantemente considerato rinascere e rigenerarsi in questo periodo. Inoltre, se questa rappresentazione risale all’età del bronzo, il tumulo sepolcrale su cui è stata fatta, sulla collina White Horse, è certamente precedente.

Si può vedere che è collegato al Santuario perché anch’esso si trova sulla Ridgeway, una strada che corre “sulle creste delle colline, sopra quelle che allora erano pianure paludose e foreste”.

Si capisce così che attraverso il fiume Kenneth o la strada, i principali tumuli della regione erano collegati tra loro.

Infine, vedremo come questo può essere anche una fonte di grande interesse.

FORESTE E ZONE UMIDE INTORNO AL SITO

Sulla base di quanto appena detto, è importante notare che al di sotto delle colline e dei siti su cui erano costruiti i luoghi di culto collegati, c’era un paesaggio di paludi e foreste. La presenza di paludi dovrebbe essere interessante per noi, poiché si riferisce inevitabilmente al simbolismo dei fluidi e al fatto che la dea-madre accovacciata è colei che, attraverso la sua azione rigeneratrice, inonda l’area circostante con i suoi fluidi vitali, permettendo alla vita e all’abbondanza di fluire in tutta la regione. È anche un simbolismo legato a quello della putrefazione, una tappa fondamentale nel processo di rigenerazione.

Questo è anche senza dubbio uno dei motivi determinanti per cui questa regione è stata scelta come motivo per cui tumuli di minore importanza, cioè che non avevano un ruolo nella grande scenologia del sito di Avebury, erano qua e là, perché collegati al fiume o alle sue paludi, erano senza dubbio costruiti per conto di signori minori, desiderosi di stabilirsi vicino ai suoi fluidi per assicurarsi la propria rigenerazione.

OSSA DI ANIMALI TROVATE

Per continuare con il simbolismo animale, è anche “sorprendente” notare che su Sillbury Hill sono state trovate solo ossa di bue e denti e corna di cervo.

A causa della fauna locale, se fosse stata una massa di terra cruda, si sarebbero dovuti trovare tutti i tipi di animali. Perché solo ossa di cervo e di bue, quando questi sono due emblemi specifici del padre degli dei? Allo stesso modo, ad Avebury, sono state trovate delle corna, scambiate per utensili. Questo ha senso se sappiamo che questi siti erano utilizzati per la rigenerazione del padre degli dei, che era in particolare deificato sotto il cervo e il bue, quindi è naturale che i suoi devoti portassero indietro delle effigi di lui.

ALTRI SITI COLLEGATI E ALTRI POSSIBILI SIMBOLI E USI

Si è visto che i siti del percorso processionale di Avebury sono collegati tra loro.

Tuttavia, quando si tracciano le linee tra i diversi siti, è sorprendente trovare non solo allineamenti tra i siti, ma anche figure quasi perfette.

IL ROMBO E IL SIMBOLISMO DELLA VULVA E DELL’ARCO

Per esempio, i quattro siti di Avebury, West Kenneth, Long Stones e Wind Mill Hill formano una forma di diamante quasi perfetta con lati di 2,2 km.

Avebury, Sill Bury Hill e Adam formano un triangolo quasi perfetto di 1,40 km per lato, mostrato anche nell’immagine.

Perché questo rigoroso rispetto delle proporzioni?

Nel simbolismo, il rombo (o rombo) è un simbolo universale della vulva.

Se rimaniamo con un’osservazione nord-sud, il rombo perfetto è inclinato, molto chiaramente dal suo asse in direzione del nord-est che è la direzione del solstizio.

Questa inclinazione permette di rappresentare un arco con una freccia il cui asse centrale è costituito da longstone long barrow a SW/e Avebury a NE, freccia che permette di inviare il padre degli dei “Adam (molto vicino) alle stelle.

È come se, attraverso questo simbolismo e questa inclinazione, il sito ci dicesse: questa è l’entrata dell’utero, la vulva, ed è da qui che il padre degli dei entra nel grembo ed esce espulso verso le stelle.

Vedremo alla fine come questo può essere particolarmente interessante qui!

POSSIBILE COLLEGAMENTO TRA TUTTI I SITI

Se ci divertiamo a collegare i diversi punti tra tutti i siti, possiamo vedere che molti di essi sono quindi allineati a distanze che a volte sono quasi equidistanti.

È allora lecito chiedersi se il rispetto di queste proporzioni e allineamenti tra i siti non gli permettesse, oltre ad essere un sito matrice rigenerante per il padre degli dei nel momento cruciale del solstizio d’inverno, che è il suo uso primario, di avere anche una relativa e precisa lettura delle fasi lunari e/o solari in maniera dettagliata; ma lo lascio agli esperti di astronomia

In ogni caso, questo non è affatto antinomico con il simbolismo, poiché l’aspetto sacro richiedeva un seguito preciso del ciclo lunare e solare (se non altro per il seguito degli equinozi e solstizi) che dava ritmo alle tappe di rigenerazione e alle feste rituali associate, di fatto necessariamente accoppiate al ritmo delle stagioni. 

IL SIMBOLISMO DEL SITO DI STONEHENGE

Anche se il sito di Stonehenge funziona come un sito di matrice indipendente a sé stante, si capisce che è misticamente legato dalle pietre che vi sono state portate, per le sue pietre blu, dalle Preseli Hills, e per le sue pietre Sarsen, da West Wood, vicino al santuario di Avebury.

Tuttavia, c’è un altro legame tra Avebury e Stonehenge, un legame che è già stato menzionato e che può essere visto in altri siti megalitici, quello dei fluidi, che è rappresentato dai fiumi e quindi dall’idrografia del sito.

Vediamo il collegamento idrografico tra Avebury e Stonehenge   

COLLEGAMENTO IDRICO TRA AVEBURY E STONEHENGE

Con questa mappa idrografica della regione, cosa vediamo?

Che il fiume Kenneth, a nord, si unisce al fiume Avon per formare un bacino il cui fiume centrale che scorre verso sud è l’Hampshire Avon, che confina con il sito di Stonehenge!

Così il sito di Abebury e quello di Stonehenge sono collegati dai due fiumi che li affiancano, il Kenneth e l’Avon. Si tratta di due fiumi fratelli, o madre-figlia, con una prevalenza per il Kenneth di essere considerato la figlia maggiore, o madre, in quanto si trova a nord e a monte.

Questa relazione tra i due e la vicinanza di entrambi i siti al vicino fiume non è ovviamente priva di un profondo significato simbolico, sia per Avebury, come si è già visto, che per Stonehenge, come si vedrà.

CRONOLOGIA DELLE ANTICHE RAPPRESENTAZIONI ARCHITETTONICHE DELLA RIGENERAZIONE: CROMLECH/ CERCHIO CON FOSSE CIRCONDATO DA UN PENDIO E UNA FOSSA E RIVOLTO VERSO IL SOLSTIZIO (O NO), TUMULO A CAMERA RIVOLTO VERSO IL SOLSTIZIO E TUMULO PIRAMIDALE ROTONDO DIRETTO VERSO L’ALTO 

Va notato che Stonehenge, rispetto alle colline di Presseli e Avebury, non è un sito di grandi tumuli a camera, come Newgrange in Irlanda, o West Kenneth Long Barrow ad Avebury.

Si tratta principalmente di un santuario circolare, originariamente fatto di terrapieni e fosse, a cui sono state aggiunte pietre in piedi, come a Waun Mawn nelle Presseli Hills, o ad Avebury nel cerchio di Avebury. Può anche essere paragonato, prima dell’aggiunta delle pietre, ai cromlech/cerchi sacri di Windmill Hill a nord-ovest, o al sito del cerchio sacro di Sanctuary Hill a sud-est, vicino al fiume Kenneth.

Possiamo dire che la creazione di questi cerchi sacri è precedente a quella dei tumuli?

È difficile da dire. Ad Avebury, i cerchi sacri di Windmill Hill risalgono al 3.300 a.C., quelli del santuario al 3.000 a.C. (per la loro fase iniziale prima di essere completati con Avebury), e quelli dello stesso cromlech di Avebury risalgono al 2.600 a.C., quasi contemporanei a Stonehenge, iniziato nel 2.800 a.C. Quindi l’idea del cromlech circolare sembra essere, se non contemporanea, almeno un po’ più tardiva dei grandi tumuli – santuari, dato che il grande tumulo a camera a West Kenneth è leggermente più antico, risalente al 3700 a.C.

Come abbiamo visto, l’idea di un tumulo piramidale circolare la cui elevazione sarebbe dall’alto e l’asse del centro è quasi certamente posteriore, con la collina di Sill Bury che risale al 2750/ 2400 a.C.

L’altissima antichità dell’idea del Cromelch di rappresentare la matrice, con un simbolismo equivalente a quello del tumulo-santuario, è senza dubbio attestata dal fatto che di tutti i siti, quello delle Preseli Hills è visibilmente il più antico, con il suo sito di Waun Mawn, che è prima di tutto un cerchio sacro sul quale le pietre blu devono essere state erette solo più tardi (prima di essere portate a Stonehenge molto più tardi).

Riassumendo, tra le tre architetture simboliche per rappresentare la fuga del padre nel cosmo e la sua rigenerazione attraverso la matrice, i Cromlechs/Circoli sacri (con fosse circondate da argini e fossati) e i tumuli a camera orientati verso il solstizio sono senza dubbio contemporanei, mentre i tumuli rotondi e/o piramidali sono un’idea successiva, anche se l’idea che si vuole trasmettere è la stessa, ciò che cambia è solo il simbolo utilizzato o la sua direzione/orientamento.

LA RAGIONE DELL’ORIENTAMENTO SOLSTIZIALE DELLA FASE 1

Una precisione in relazione all’orientamento verso il solstizio.

I cerchi di fossati/talus con fosse erano evidentemente già, dal loro disegno, orientati verso il solstizio. È stato notato che nel caso di Stonehenge, la Heel Stone che segna il solstizio d’estate e le Station Stones che segnano l’orientamento nord-est e quindi il solstizio d’inverno sono considerate fatte nella Fase I, ma, ci è stato detto, potrebbero essere state fatte anche dopo, nella Fase III. Come vedremo, questo non influisce sul simbolismo del cerchio sacro, terrapieno/scannafosso con fosse, perché anche così com’è, non orientato verso il solstizio o l’alba, ha già un simbolismo di matrice che rappresenta la rigenerazione, l’orientamento lo accentua soltanto.

Tuttavia, dopo quanto appena detto, dato che i lunghi tumuli a camera erano più antichi e già orientati verso i solstizi, probabilmente non c’era molta difficoltà per coloro che crearono questi cerchi “di base” con terrapieni/ fossati e fosse a orientarli anch’essi verso i solstizi, dato che questo orientamento era già praticato con i lunghi tumuli che erano contemporanei a loro o leggermente precedenti.

L’ARCHITETTURA PIÙ SEMPLICE E PIÙ VECCHIA PER SIMBOLIZZARE LA MATRICE: IL CIRCOLO CON FONTANA E TALUS E CON FONTI (SENZA PIETRE INDURITE). spiegazione

Bisogna aggiungere a quanto appena detto che il fatto di venire a sollevare pietre sul sito di un Cromlech/cerchio sacro precedentemente costituito (con fosse circondate da argini e fossati) appare chiaramente come una fase successiva nel completamento del sito.

Questo non è solo logico, ma possiamo anche vedere e concludere che senza pietre in piedi, un tale sito doveva avere già un proprio simbolismo e un uso rituale, con le pietre che vi si innestavano successivamente (o meno) solo per aggiungere il proprio simbolismo.

Questo può essere visto in una serie di esempi che possono essere elencati:

IL CASO DI STONEHENGE E DEI SITI CIRCOSTANTI :

Nel caso di Stonehenge, le pietre blu di uno dei cerchi centrali, interno al cerchio iniziale del fossato-talus, furono portate ed erette solo nella fase 2, e le pietre trilitiche Sarsen solo nella fase III. Inizialmente, quindi, era solo un cerchio (terrapieno e fossati) nella fase I, con fosse dentro e intorno ad esso, che erano a loro volta disposte in cerchio. 

FOSSE INTERNE

Bisogna ricordare che all’interno del grande cerchio fosso-talamo, è stato definito un primo cerchio di 56 buche o fosse (le buche di Aubrey) di diametro e “profondità sufficiente ad accogliere un adulto (diametro di 1,5 m e profondità di 1,2 m) o un bambino (diametro di 0,75 m e profondità di 0,6). Sono stati trovati anche forcine d’osso, carbone e resti di ossa carbonizzate. Inoltre, tombe a cremazione sono state trovate nella metà sud-est del recinto. Insieme alle buche di Aubrey, ci sono 55 buche/fosse di cremazione.

FOSSE ESTERNE DISPOSTE IN CERCHIO INTORNO AL PENDIO CENTRALE DI STONEHENGE

Abbiamo appena menzionato le fosse interne del circolo delle fosse di Stonehenge, ma bisogna anche attirare l’attenzione sulle fosse esterne disposte in modo circolare intorno ad esso:

In effetti, bisogna ricordare che sono state scoperte fosse di 10 m di diametro e 5 m di profondità, disposte in cerchio e perfettamente allineate intorno ai menhir, costituendo un cerchio di 20 km di diametro intorno al cerchio di Stonehenge!

Inoltre, due cerchi con 30 fori (o fosse) ciascuno (esattamente lo stesso numero dei triliti sul perimetro) sono stati scoperti all’esterno (apparentemente nella fase III b, cioè dopo che i triliti di Sarsen erano stati collocati), che erano disposti nell’asse centrale di ogni trilite. Queste buche o fosse erano rettangolari con pareti verticali, profonde 1,05 metri (per il cerchio 7) e 0,92 metri (per il cerchio Y), con una lunghezza media di 1,80 metri e una larghezza media di 1,2 metri.

Va notato che avrebbero potuto benissimo includere un corpo.

L’interpretazione data a questi fori/pozzetti è che sono probabilmente la traccia di un progetto abortito di riorganizzazione delle pietre blu all’esterno del cerchio di Sarsen. La ragione di questa interpretazione è il loro aspetto non finito e il loro contenuto: frammenti di riolite e arenaria Sarsen, così come un fondo rivestito di selce grezza.

Tuttavia, questo non è logico, perché se queste fosse state scavate solo per le pietre blu, avrebbero dovuto contenere solo riolite e non anche residui di Sarsen. Questo fatto, il fatto che fossero incompiuti, e la concomitanza della presenza di fosse intorno, nel cerchio di Stonehenge, ma anche tutto intorno ad altri cerchi a fossa, perfettamente sfasati con i triliti, e non avendo per finalità l’installazione di pietre erette, deve farci capire che anch’essi erano visibilmente concepiti per la stessa destinazione o uso dei cerchi a fossa interni o più lontani.

Se restiamo vicino a Stonehenge, è stato scoperto anche un altro monumento cerimoniale circolare, indipendente da Stonehenge, ma contemporaneo e distante 1 km, formato da un fossato con entrate orientate a sud-ovest e nord-est (quindi anche orientate verso il solstizio), con fosse interne che raggiungono un metro di diametro

Eppure, se stiamo vicino a Stonehenge, cosa troviamo?

A nord di Stonehenge è stata trovata la striscia di terra chiamata Curcus, che corre da est a ovest per circa 3 chilometri e avrebbe preceduto Stonehenge di diverse centinaia di anni.

Ma cosa troviamo sul posto? Non solo i fossati per definire il sito, ma anche le fosse! Gli esperti hanno scoperto una grande fessura nei fossati sul lato nord, che probabilmente permetteva alle persone di entrare e uscire. Inoltre, hanno anche trovato due fosse identiche su entrambi i lati, a ovest e a est, profonde un metro e di 4,5 metri di diametro, utilizzate per segnare l’orientamento del solstizio d’estate e dell’alba (formando anche un triangolo con Stonehenge nel giorno del solstizio d’estate, segnando l’alba e il tramonto), il tutto all’interno di un monumento rivolto al solstizio d’inverno. 

Chiaramente, queste due fosse non erano lì per caso, e per le loro dimensioni, non erano nemmeno fatte per un monolite.

Questo ha portato logicamente i ricercatori a credere che doveva essere stato usato per un rituale.

Un rituale? Ma quale rituale?

Da questo punto di vista, lo scienziato ritiene che le fosse siano state utilizzate per bruciare fuochi, permettendo al sito di essere visto di giorno e di notte.

È di questo che si tratta?

Prima di rispondere, guarda altri esempi di cerchi di fossati con fosse:

CASO WINDMILL HILL

Windmill Hill a nord di Avebury è anche una struttura circolare con fosse. Inizialmente un primo fossato-talus, c.3800 a.C., completato c.3300 a.C. da tre fossati circolari scavati intorno alla cima della collina, ma di interesse è che una serie di fosse sono state trovate lì. Grandi quantità di ossa, sia umane che animali, sono state recuperate anche dal riempimento del fossato.

CASO DI AVEBURY

Infine, se guardiamo il caso del cerchio di Avebury, era senza dubbio lo stesso, perché prima che vi fossero erette delle pietre, era soprattutto un enorme anello circolare formato da un banco e da un fossato. Gli scavi effettuati (o non effettuati) non ci dicono se, come Stonehenge, c’erano delle fosse all’interno o intorno ad esso. D’altra parte, sono state trovate ossa umane sparse intorno al sito, che indicano che il luogo può aver avuto un ruolo nelle cerimonie funebri o nel culto degli antenati.

IL SIMBOLISMO DEL CROMLECH CON LE FOSSE. SPIEGAZIONE DEL SIMBOLISMO E DELL’USO RITUALE DELLE FOSSE

Cosa significa tutto questo?

Qual era lo scopo di queste fosse, che non erano destinate a contenere pali o pietre in piedi e che erano abbastanza grandi da contenere esseri umani, soprattutto perché alcune di esse mostravano tracce di cremazione e resti di ossa bruciate?

Per capire questo, facciamo due domande:

Qual è il contesto culturale in cui operiamo?

E qual è il simbolismo della fossa?

Per quanto riguarda il contesto, dato il simbolismo del cerchio a cui si aggiunge il simbolismo della rinascita del sole al solstizio d’inverno, siamo già su un sito che celebra il grembo della dea madre come mezzo per assicurare la rinascita del padre degli dei e dei suoi adoratori al solstizio d’inverno (rivedere il simbolismo del cerchio, il sole…)

Per quanto riguarda il simbolismo della fossa, vi invito a rileggerla con i diversi usi rituali che ne sono stati fatti attraverso le epoche e i popoli.

È quindi facile capire che queste fosse a Stonehenge dovevano essere utilizzate per tre tipi di uso distinti e potenzialmente concomitanti:

  • Un uso iniziatico, volto a preparare l’iniziato (o gli iniziati) ad affrontare la propria morte. Per fare questo, venivano posti nelle fosse, coperti in modo che non potessero uscirne temporaneamente, probabilmente cosparsi di sangue (come nel taurobolo di Mitra) o di urina o di birra o di fluidi di ogni tipo, o anche di ogni sorta di prodotti derivanti dalla decomposizione e dalla putrefazione, affinché si preparassero a compiere e accettare il grande viaggio che li attendeva. L’obiettivo iniziatico era di rimanervi senza uscirne per un determinato periodo di tempo, probabilmente uno o più giorni, dopo di che, al sorgere del sole, potevano emergere, simboleggiando la loro rinascita, la loro uscita dalla matrice, il loro ritorno alla vita.
  • Una pratica di uccisione sacrificale

È perfettamente comprensibile che per attirare le buone grazie della dea-madre e per assicurare la costanza della sua provvidenza nei fluidi di abbondanza nella regione, queste fosse poste dentro o intorno a lei, nell’asse del suo cerchio di matrice sacra, una rappresentazione schematica del globo del suo grembo, potevano anche essere utilizzate per sacrificarle individui. Il pretesto per questi sacrifici era duplice. In primo luogo, agli individui sacrificati veniva promesso un viaggio di successo nell’aldilà con la certezza di rinascere, attraverso il loro sacrificio per la comunità. In secondo luogo, per giustificare ulteriormente questo atto atroce (nessun gioco di parole…), veniva anche fatta una promessa all’intera comunità che attraverso questi sacrifici umani, la dea madre avrebbe continuato a fornire all’intera comunità dei vivi il flusso dei suoi fluidi di abbondanza e i buoni raccolti che ne derivavano. Il sommo sacerdozio ricordò alla comunità che la stessa dea madre, fin dall’inizio del mondo, si era sacrificata per l’umanità. In cambio, era naturale che lei esigesse che noi ci sacrificassimo a nostra volta a lei, per darle il “sa” di energia vitale, in modo che in cambio potesse continuare a produrre elisir di immortalità per i morti e di abbondanza per i vivi.

Da questo punto di vista, la scoperta di un arciere, accuratamente sepolto, messo a morte da tre frecce scagliate a distanza ravvicinata, evoca chiaramente un sacrificio. Tanto più che, come abbiamo visto altrove, l’arciere ha un significato simbolico molto forte in quanto rappresenta, quando manca il bersaglio, lo stato di imperfezione, e quando lo raggiunge, la perfezione ritrovata. Si può supporre che, come un sacrificio umano, sia stato effettuato per inaugurare e dedicare il sito, nello stesso modo in cui oggi si taglia un nastro per inaugurare un monumento completato. Questo arciere individuale sepolto con tanta cura serviva quindi a rappresentare all’intera comunità presente il padre caduto degli dei, che ora veniva supplicato di essere riportato in vita in uno stato di perfezione attraverso il suo unico potere di rigenerazione.

  • Un uso di un sito di cremazione, o anche di un luogo sacro di sepoltura.

È anche perfettamente comprensibile che qualsiasi famiglia che avesse perso una persona cara e credesse nel potere rigenerativo della matrice della dea madre del cielo, della terra e dell’inferno, avrebbe potuto desiderare di fare ogni sforzo per farvi seppellire, o cremare, il proprio defunto, poiché si supponeva che tale vicinanza portasse la certezza della rigenerazione.

Questo è fondamentalmente in linea con ciò che è stato trovato, cioè che era un sito di sepoltura. Si noti, tuttavia, che 240 persone potrebbero essere sepolte nel sito stesso. In diverse centinaia di anni, non sono molti. Come è stato notato nei fatti, sembra che la cremazione fosse usata più della sepoltura, e che sotto la sua veste di necropoli di cremazione, il cerchio sacro di Stonehenge era essenzialmente destinato a un’élite. È facile capire che più alto era il grado della persona, più era probabile che si avvicinasse al cerchio al momento della cremazione.

Tuttavia, non bisogna certo limitare questo sito a questo semplice triplice uso (iniziatico, rituale sacrificale e funerario), né che doveva essere completato con i suoi triliti e le sue pietre blu per avere un significato simbolico.

È assolutamente ovvio ed essenziale capire che fin dall’inizio, la creazione di un cerchio (con fosso, terrapieno…) e la creazione di fosse erano già di per sé, con o senza orientamento verso i solstizi, e anche se era qualcosa di più “semplice” da realizzare di un tumulo a camera o un cromlech di pietre erette, una rappresentazione della matrice della dea madre. Questo edificio religioso, per quanto elementare, era già carico di questo forte simbolismo, che le fasi di costruzione, quando sono avvenute, hanno solo rafforzato con il loro simbolismo aggiuntivo accessorio per martellare ulteriormente questa stessa idea e completarla.

IL LEGAME CON IL FIUME AVON

È anche interessante notare che dopo il completamento del cerchio e delle sue fosse, il secondo passo (circa 2.100 anni fa per Stonehenge) è quello di collegarlo al fiume Avon, con la creazione di un viale che corre in linea retta dall’entrata nord-est, quindi verso il solstizio d’inverno, e poi piega verso est fino al fiume. Inoltre, dove il viale incontra il fiume, è stata trovata una costruzione circolare di 4 pietre.

La stessa preoccupazione di collegare il sito della matrice al fiume è ulteriormente evidenziata dal fatto che un viale che lo collega al fiume è stato trovato anche per un monumento associato a Stonehenge e situato a Durrington Walls.

Perché questa strada? Perché la necessità di collegare il cerchio della matrice sacra al fiume?

Era solo per il trasporto di pietre come si legge a volte?

Dobbiamo mettere le cose in prospettiva.

Come avrete notato, per non parlare di altri siti, Avebury e il sito del suo santuario finale sono stati scelti per la sua vicinanza al fiume Kenneth. Allo stesso modo, il sito di Stonehenge fu scelto per la sua vicinanza al fiume Avon.

Inoltre, come si è visto nell’analisi dei fiumi della regione, i fiumi Kenneth e Avon sono collegati idrograficamente e quindi misticamente.

Naturalmente, incorporando questo :

  • comprendere il simbolismo della rappresentazione della dea madre in posizione accovacciata che partorisce il padre degli dei,
  • la comprensione del simbolismo dei fluidi vitali come uscita dal corpo della dea madre al posto del messia-figlio per dare immortalità e abbondanza
  • comprendendo il simbolismo del fiume, ‘Ida’ in sumero [di cui la dea frigia Cibele chiamata Idaya Mater è il simbolo più vicino ed emblematico per noi] è solo un altro nome/avatar della dea madre stessa, i ciottoli o pietre del fiume sono simbolicamente i suoi figli

… tanti simbolismi che vi invito a rivedere se necessario.

Quindi diventa assolutamente chiaro ed essenziale capire che la vicinanza e l’accesso al fiume sono ben lontani dall’essere una semplice necessità logistica.

È prima di tutto una necessità simbolica.

Il fiume è lì per mostrare che è dalla dea madre che viene l’acqua dell’immortalità e della vita.

È quindi assolutamente necessario che si possa stabilire nella mente delle persone la connessione tra la presenza del grembo rigenerante della dea madre in alto e il fiume in basso che è una sua emanazione attraverso la quale dà vita a tutta l’area circostante.

Questa doveva essere un’occasione per fare bagni rituali, come vedremo nella Fuente de Lavapatas nel sito del parco archeologico di Sant’Agostino, che studieremo nel prossimo libro, o in qualsiasi altro sito della stessa natura, e come possiamo facilmente capire, nelle acque del Gange, che è considerato l’acqua vitale e purificatrice della mucca madre-donna.

Anche se andare al fiume doveva essere l’ultima tappa della processione e dei riti eseguiti nel solstizio d’inverno per celebrare la rinascita del grande Dio e la sua reincarnazione riuscita in suo figlio, era comunque una tappa molto importante, ed era senza dubbio il bouquet finale, dopo il bagno e le abluzioni, alle scene di baldoria con relativi banchetti e bevute.

A proposito, già che ci siamo, vediamo qual è l’etimologia di “avon”!

ETIMOLOGIA DI AVON

Il nome “Avon” è un’isola bretone, o brittonica, parola in gallese “afon [pronunciato “avon-n”] e significa “fiume”. Si pensa che l’etimologia della parola avon sia il protoceltico *abonā, che significa “fiume”. La parola è passata nel Medio Bretone come “aven”, che si trova nel nome della città “Pont-Aven” [lett. [lett. “il ponte sul fiume”]. Le parole “River Avon” significano quindi letteralmente “fiume fiume”.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Avon_[corso d’acqua]

Etimologia sumera di Avon e Abona :

L’etimologia di Avon, che risulta così dal protoceltico ‘abona’, è un ulteriore esempio del betacismo di cui abbiamo parlato nell’analisi del nome Eve, cioè l’intercambiabilità o lo spostamento semantico che si osserva comunemente in molte lingue (latino, greco, ebraico) tra la ‘b’ e la ‘v’.

È quindi facile capire che avon deriva da abon o abona.

All’inizio, notiamo che il fatto che abona designi il fiume stesso e non sia un nome scelto a caso è già un’allusione diretta alla dea madre poiché lei è il fiume, per ‘i7’ o ída (il fiume il canale principale, il corso d’acqua); è per ‘ída’ colei che (ri)genera ‘ed’ l’acqua ‘a’, ma anche il padre ‘a’ o ‘aa’. Lei è colei che genera i fluidi elisir di vita e di abbondanza “ì” o ia2, 7, 9 (i fluidi grassi, burro, olio, grasso, crema) o i4, ia4 (i sassolini, simboli dei suoi figli).

Ma naturalmente ‘avon’ e ‘abona’ ci portano oltre.

Ci fa toccare l’identificazione di “av” “vigilia” con “ab” “la mucca” in sumero. Con questo semplice spostamento semantico da “v” a “b”, abona non è solo Eva “av”, ma anche la mucca “ab”.

Possiamo allora capire altrettanto facilmente il significato del fiume “il Boyne” sul sito di Tara che sarà analizzato nel libro seguente e perché il nome di questo fiume è associato alla dea vacca Boand. Mucca si dice ‘mBo’ in celtico e ‘na mBo’ significa ‘della mucca’ che può essere facilmente collegato ad ‘Abona’.

Ma se scomponiamo abona in sumero in “ab” “un” “na” cosa significa?

un (pronunciato oun)

La parola “uno” designa “gli umani, il popolo, la folla”, poiché “uno”, equivalente a ùña, designa “il popolo, la popolazione, la folla”.

Non perdiamo di vista il fatto che “ùnug, unu6 ” sono termini che designano una tomba elevata, un tempio, una sala da pranzo…, un santuario, e che hanno lo stesso segno cuneiforme di Temen [te], termine che è senza dubbio la radice del nome greco del tempio, il famoso “temenos”.

Così, il fiume può essere concepito come un luogo sacro, un santuario per la folla di adoratori della dea madre, che vengono a bagnarsi in esso per purificarsi e ricaricare la loro energia con i suoi fluidi.

Na

Questo termine è stato analizzato in modo esaustivo per comprendere il significato dei nomi delle dee sumere Nanna e Innana, ma anche di altri simboli.

Questo è ciò che si può dire in relazione al nostro fiume “abuna”:

 

“Na” significa un ciottolo, una pietra comune, un gettone, un contatore, una roccia e anche un essere umano. Una delle parole composte che lo utilizzano [ùña, ùñ, ùku, un (- ñá)] significa gente, popolazione, folla.

Ora, l’altro termine per il ciottolo, i4 o ia4 come un figlio del fiume (i7 o ída) è un simbolo del figlio. L’omonimo di ciottolo (i4 o ia4) è da “ì” o ia2, 7, 9) fluidi (grasso, burro, olio, grasso, crema).

Il terzo termine per sasso, oltre a “na” e “i” è Peš. Ora peš significa il grembo, un bambino, un figlio e da peš 5,6 il ragno, con le forme verbali di essere incinta, di concepire (Peš 4,13).

Così, questa pietra, questo sasso, ci rimanda alla dea-madre e al suo figlio-messia, frutto del suo grembo e dono dei suoi fluidi vitali.

Inoltre, “na”, analizzato nel simbolismo del mortaio, significa anche, in particolare, con na8 equivalente a nañ, l’azione di bere, innaffiare, irrigare, abbeverarsi, essendo la contrazione di “ní” “corpo, se stessi”, “a” “acqua” e “áñ” “versare, fornire”. nañ o naña, significa schiacciare

Così, se “na” porta l’idea di figlio, e per estensione di discendenza, di persone, si riferisce anche ai fluidi e alla matrice. La sua associazione con la malta di na8 allude anche ai fluidi ottenuti come risultato del processo di concrezione – distruzione dei morti restituiti alla matrice.

Con questo semplice termine ci troviamo quindi di fronte alla matrice della dea madre che schiaccia e irriga con i suoi fluidi così come il suo figlio-messia e la sua discendenza.

Ricordiamo che questi termini spiegano il nome stesso dell’altra dea sumera, Innana [“i” “na8-na8”] che significa così colei che schiaccia e innaffia, irrora con acqua, ma anche con fluidi ricchi.

Aggiungiamo anche che “na” essendo anche una pedina, un contatore, nanna (il nome della dea della luna in Sumer) porta anche l’idea di uno strumento di conteggio, di colui che conta, o colui che permette di contare.

Questo è coerente con il fatto che la luna sarà usata come strumento del calendario.

Infine, aggiungiamo che secondo il lessico “n” significa “essere innalzato”.

Questo ci permette di capire un altro possibile significato di ‘na’.

Infatti, poiché “n” significa essere innalzato, e “a” significa il padre, ma anche da “á” il lato, che è il nome di Eva sotto la dea del lato o costola, “na” può significare il padre innalzato, ma anche “la costola/il lato innalzato nel senso di deificato”, cioè la dea del lato (Eva).

Cosa sappiamo del fiume Avon-Abuna?

Che siamo senza dubbio di fronte a un’altra rappresentazione mistica di Eva sotto il fiume-mucca, una zona santuarizzata che produce ciottoli simbolici, gli umani, il popolo, la folla, e anche fluidi grassi, acqua, fluidi vitali che escono dalla sua matrice-mortier “naña” nel suo processo di rigenerazione-deificazione del padre e dei figli.

IL SIMBOLISMO DELL’ASSOCIAZIONE DEI CERCHI DI PIETRA BLU DI WAUN MAWN CON LE PIETRE SARSEN DEI BOSCHI OCCIDENTALI

Vediamo ora il significato dell’associazione e il rispettivo simbolismo delle pietre blu e delle pietre Sarsen.

Per quanto riguarda le pietre blu, sembra che siano state erette nella fase II, contemporaneamente o poco dopo la creazione del viale che collega il cerchio sacro al fiume.

Si è notato che inizialmente [nella fase II] era stato previsto un progetto con due cerchi di 82 pietre blu rivolti a nord-est e al solstizio d’estate.

Queste pietre blu sono il risultato dello smantellamento e del trasporto al sito del cromlech di Waun Mawn nelle Preseli Hills. 

Poi, dopo la collocazione dei triliti di Sarsen di West Woods [nella fase III A, con bordo a triliti più triliti centrali a U], questi due cerchi di pietre blu vengono riorganizzati [nella fase III C] copiando l’organizzazione dei triliti di Sarsen con, da un lato, un grande cerchio di 60 pietre blu create tra la periferia dei triliti e il ferro di cavallo dei triliti centrali, e dall’altro, la creazione, con il resto delle pietre blu [82 – circa 60; si precisa che ci sono circa 19 pietre] all’inizio, un ovale e poi una U [o ferro di cavallo], in un copia-incolla della disposizione dei triliti centrali, ad una distanza di 1 m. La particolarità di questa “U” di pietre blu è che sono state tagliate in pilastri rettangolari e che si incastrano in tutto o in parte [almeno 2 si incastrano lateralmente].

Cosa si può dedurre da questo?

In primo luogo, che le pietre blu disposte in due cerchi avevano già un loro simbolismo, poiché questa era già, se non la loro disposizione, almeno la loro presenza a Waun Mawn; non c’erano triliti Sarsen a Waun Mawn. Non c’erano triliti Sarsen a Waun Mawn e quindi non avevano bisogno di pietre Sarsen per avere un significato.

In secondo luogo, poiché erano già lì, quando i triliti Sarsen sono stati portati, sono stati semplicemente risistemati per corrispondere allo stesso simbolismo delle pietre Sarsen allineandosi con esse. 

Tuttavia, c’era una piccola differenza: apparentemente i triliti centrali erano disposti direttamente in una forma a U, mentre le pietre blu erano prima disposte in un ovale all’interno della forma a U del Sarsen e poi finalmente anche in una forma a U.

Cosa significa questo?

Qual è il simbolismo delle singole pietre blu disposte in cerchio?

Qual è il simbolismo dell’associazione tra questi due tipi di pietra molto diversi, provenienti da due diversi siti sacri antichi?

Infine, qual è il simbolismo dei triliti disposti in questo modo, in un cerchio, con questa U interna, un simbolismo che spiega anche la ridistribuzione delle pietre blu nella stessa forma?

IL SIMBOLISMO DELLE SINGOLE PIETRE BLU DISPOSTE IN CERCHIO

Al di là di ciò che è già stato detto riguardo al simbolismo del cerchio con associato il fossato e le fosse, per capire il simbolismo delle pietre blu, è necessario guardare la loro natura e rileggere la sezione sul simbolismo della pietra e in particolare la pietra preziosa.

Vi invito a rileggere questo simbolismo e poi a considerare ciò che è stato detto sulla descrizione delle pietre blu.

In primo luogo, queste pietre blu sono di origine vulcanica.

Inoltre, dalla descrizione data, si possono classificare, direi qualitativamente e sempre più, come segue [ci viene detto chiaramente che non sono della stessa qualità]:

  • cenere vulcanica contenente calcare
  • una cenere vulcanica verde oliva
  • riolite [roccia vulcanica blu-grigia con o senza globuli biancastri].
  • dolerite [roccia magmatica verde-azzurra] screziata [con inclusioni bianche o rosate delle dimensioni di un pisello] e altri di dolerite non screziata.

Dalla [ri]lettura del simbolismo della pietra preziosa, avrete capito che essa rappresenta simbolicamente il defunto totalmente sublimato, perfettamente rigenerato, dopo il suo passaggio attraverso la matrice. In primo luogo, naturalmente, per il promesso figlio-messia esoterico, reincarnazione del padre degli dei, ma anche per tutti gli adoratori esoterici defunti.

Quindi è facile capire che più alto è il grado di purezza della pietra, più avanzato può essere considerato il defunto che rappresenta nella sua fase di sublimazione.

La cenere vulcanica mescolata al calcare è lo stadio iniziale, la cenere vulcanica verde oliva è lo stadio successivo, la riolite [pietra blu-grigia] con macchie bianche è lo stadio successivo, poi la riolite senza macchie è lo stadio successivo, poi la dolerite [pietra verde-blu] con macchie è lo stadio successivo, poi la dolerite senza macchie è lo stadio finale, il raggiungimento della perfezione, della purezza

A questo proposito, sarebbe senza dubbio interessante notare se la qualità delle pietre, come detto, si evolve progressivamente intorno al centro, il che sarebbe un’ulteriore prova che esse simboleggiano per loro natura una graduazione, una tappa nel processo di sublimazione.

Per garantire l’accuratezza simbolica di questo ragionamento passo dopo passo, si dovrebbe anche rivedere il simbolismo del blu e del verde.

Se il blu è il colore della divinità celeste, presente [ritornata] nel Cosmo), sembra che il verde, poiché contiene il rosso, sia il colore per eccellenza della rinascita del figlio redentore passato attraverso il sangue rosso del grembo della dea terra.

Inoltre, la pietra dell’altare, di cui parleremo più avanti, è un blocco di arenaria verde micacea che brilla al sole. Questa scelta della sua natura e del suo colore non è stata certamente fatta a caso e indica di per sé quale sia il vertice della scala della graduazione qualitativa della pietra, rappresentativa della sublimazione raggiunta, che in questo sito è senza dubbio verde.

IL SIMBOLISMO DEL CALCARE

Dato che stiamo parlando della qualità della pietra, è anche interessante considerare il significato della presenza ricorrente di calcare nelle fosse, o qui, allo stadio meno avanzato della sublimazione della pietra.

Rivediamo:

  • A West Kenneth, come alla Tomba di Adamo, nel sito di Avebury, è il calcare oolitico che è posto nelle sue pareti, la pietra a forma di uovo.
  • Nel sito di Avebuy, le lastre di calcare indicano la presenza di fosse o fori di Aubrey in cui sono state trovate tracce di ossa.
  • A Durrigton Wall, il cerchio aperto, con buche per pali molto grandi (4,5 m di altezza?), queste buche sono state riempite con detriti di calcare.
  • E ora la parte meno qualitativa della pietra è fatta di cenere con calcare.

Guardiamo il significato simbolico di questa pietra calcarea.

Cosa leggiamo di lui?

Questo :

I calcari sono rocce sedimentarie, proprio come le arenarie o il gesso, facilmente solubili in acqua (vedi carsismo)” …”

Si forma in due modi principali, per accumulo sul fondo del mare o per precipitazione nelle zone continentali:

per accumulo, principalmente sul fondo del mare, ma a volte nei laghi, da gusci e scheletri di microalghe e animali marini.

Si forma anche per precipitazione in ambienti continentali.

In ambienti continentali, forma :

  • Per sedimentazione, e questi sono spesso calcari fossiliferi
  • Per degassamento dell’acqua sotterranea che arriva all’aria aperta (grotta, sorgente), producendo travertini, o stalattiti e stalagmiti. Questi calcari sono raramente fossiliferi;
  • Dall’azione degli esseri viventi. Sono sempre fossiliferi
  • per erosione.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Calcaire

Così, il calcare sembra essere soprattutto e abbastanza massicciamente il risultato della fossilizzazione di scheletri di esseri viventi, conchiglie e microalghe. Inoltre, per il suo colore, bianco, come le ossa, evoca necessariamente il candore dello scheletro.

Possiamo quindi capire che il calcare, come simbolo minerale, può designare lo stato iniziale del defunto, il suo scheletro, nel momento in cui inizia il suo viaggio per diventare, alla fine della strada, una pietra preziosa.

Questo fa necessariamente eco al fatto che il suolo calcareo, sia a Malta che, per esempio, nella montagna di El Torcal, che è un sito carsico, è assimilato al grembo della dea madre, pieno di liquido amniotico, dove il defunto sarà dissolto, oltre ad essere bruciato, schiacciato e schiacciato, per iniziare il suo viaggio e la sua trasformazione.

E per riprendere il simbolismo di West Kennet o Adam’s Grave, quando il defunto muore, viene seminato come un uovo gessoso, e poi quando il suo scheletro si disintegra e diventa polvere, simbolicamente lascia lo stato gessoso per iniziare il suo processo di rigenerazione.  

IL SIMBOLISMO DEI TRILITI

Il simbolismo dei triliti è stato particolarmente menzionato nell’analisi dei templi maltesi, poiché erano usati come marcatori massicci all’entrata di ogni tempio. (rivedere il simbolismo del portale, il trilite, il simbolismo dei templi di Malta). La loro dimensione simbolica, associandola indiscutibilmente allo stipite mistico e mitico “aka”, simbolo emblematico e nominativo dell’onnipotenza della matrice della dea madre Even, non lascia dubbi che questa sia anche la loro ragione di essere nel sito di Stonehenge. Ognuno di essi, ovunque ci si trovi, rappresenta l’ingresso nel grembo della dea-madre Eve-aka nel quale si dovrà tornare per sperimentare una nuova nascita dopo la morte.

Questo non fa che confermare che con il trilite di Sarsen siamo in presenza dei genitori, in questo caso della madre.

Ma vale anche la pena di aggiungere un altro significato complementare che il sito di Stonehenge porta.

Ricordate che il significato del termine Stonehenge è “pietre appese” o anche una forca, una gogna, uno strumento di tortura, perché questa è l’impressione che può dare la loro forma.

In effetti, questa etimologia, che fa parte della cultura popolare e del significato simbolico immediato che imprime quindi nella mente degli osservatori, deve necessariamente avere un significato.

Questo significato nascosto è ora normalmente più che evidente per noi.

Possiamo ricordare che una delle rappresentazioni comuni del padre degli dei, così come della dea madre, era quella di raffigurarli (prima di essere rigenerati) in vari avatar mitologici in uno stato sacrificale simile a quello di Cristo. Venivano rappresentati o scuoiati, impiccati, appesi, o legati ad un albero o ad un palo…, proprio come sarebbe successo a Gesù molto più tardi. Puoi rivedere il simbolismo del palo, dell’altalena, del granchio, del guinzaglio, del ragno (mito di Aracne), e anche della mandragola (il frutto del seme di un impiccato). Oppure leggete anche nel prossimo Volume 3 l’analisi “La guerra di propaganda di Titano contro Dio e Michele” alla parte “Titano insegna che lui e Adamo ed Eva hanno agito come Cristi e si sono sacrificati per i loro figli”.

È quindi estremamente interessante notare che lo stipite della porta, sia nella sua forma di legno che di pietra, trasmette l’idea di un uomo morto, un impiccato. Infatti, questo è esattamente il modo in cui è stata rappresentata la prima coppia umana, sia per significare, da un lato, la loro condanna a morte, ma anche, dall’altro, il loro cosiddetto “sacrificio”. Un sacrificio insegnato come fatto per aprire la via, la porta dell’immortalità promessa.  Attraverso cosa? Attraverso il grembo della dea-madre Eva, che è anche rappresentata, doppiamente, dallo stipite della porta “aka”!

Quindi il suo significato è immediatamente quadruplo: l’uccisione, il sacrificio di sé, il grembo di Eva.

Questo rende ancora più chiaro il motivo per cui a Malta, come qui, non è stata usata la mensola, ma il palo della porta o la struttura trilitica, perché il suo simbolismo è molto significativo.

Non è semplicemente commemorativo di ciò che si dice che la coppia di dei abbia fatto: sacrificarsi. È anche un messaggio ai devoti che quando arrivano in questo luogo sacro, anche loro devono aspettarsi di essere simbolicamente impiccati se vogliono essere rigenerati dalla matrice. Cioè, in un modo o nell’altro, devono essere pronti a morire, a pagare per le loro colpe, a sacrificarsi, che sia un sacrificio dell’ego o un vero sacrificio umano come i loro antenati Adamo ed Eva.

CONCLUSIONE SUL SIMBOLISMO DELL’ASSOCIAZIONE DELLE PIETRE BLU CON LE PIETRE SARSEN

Alla luce di quanto appena detto, avendo compreso il simbolismo delle pietre blu e del Sarsen, qual è il messaggio trasmesso dalla loro associazione sul sito di Stonehenge? 

Notiamo innanzitutto quanto sono diversi:

Le pietre blu sono in media alte 2 m, larghe tra 1 m e 1,50 m e spesse fino a 0,80 m.

Niente a che fare con le pietre Sarsen.

Se prendiamo i cinque triliti nel centro a forma di U, le due coppie di triliti più piccole erano alte sei metri, quelle successive 6,50 metri, mentre il grande trilite singolo sul lato sud-ovest doveva essere alto 7,3 metri, compresa l’architrave. Se prendiamo i triliti utilizzati per formare il perimetro, 

Gli ortostati sono alti quasi 4,10 metri, gli architravi sono spessi 0,80 metri, il che significa che la cima dell’architrave è a 4,90 metri dal suolo. Inoltre, al di là dell’altezza, il loro volume e la loro massa sono molto più grandi di quelli delle pietre blu.

La domanda è dunque: siamo di fronte all’espressione di un dualismo simbolico di tipo maschile-femminile, una coppia primordiale, come per le pietre Sarsen di Avebury?

Ovviamente no, e per quattro ragioni principali:

  • Come abbiamo appena visto, le pietre blu rappresentano la sublimazione riuscita del defunto, la sublimazione riuscita del bambino (il messia-figlio esoterico) o dei figli della grande coppia di dei, che dalla fossa mistica dove erano sepolti si trasformavano progressivamente in pietra sublimata sempre più perfetta. Non sarebbe quindi logico associare queste stesse pietre blu-verdi alla figura femminile della dea-madre con il pretesto che sono semplicemente più piccole per dimensione e dimensioni dei triliti.
  • La seconda ragione è che questa differenza di dimensioni è troppo grande.

Se ad Avebury, la notevole ma misurata differenza di dimensioni e volume spiega la dualità maschio-femmina, così come, per esempio, a Göbekli Tepe, dove uno dei due ortostati a forma di T è leggermente più grande dell’altro, qui la differenza è troppo massiccia. Invece, questa differenza di dimensioni è molto più spiegata da un dualismo genitore-figlio.

  • Infine, la terza ragione è che l’origine stessa delle pietre ci informa sul loro simbolismo. Se le pietre blu di Preseli rappresentano i figli della dea-madre della roccia che si sono progressivamente succeduti e hanno seguito il loro ciclo di sublimazione, le pietre di Sarsen rappresentano le divinità Padre e Madre che presiedono a questa rigenerazione, il Padre come fecondatore e la Madre come mezzo-matrice della rigenerazione.
  • La quarta ragione è che il trilite è indiscutibilmente rappresentativo della prima coppia di genitori umani, del loro stato di condannati a morte, di sacrificati, così come della porta d’accesso al grembo della dea-madre Eve-aka, che viene così nominata direttamente.

Così, possiamo capire meglio il percorso e la logica dell’associazione progressiva di questi due tipi di pietra di due siti sacri distinti su questo sito di Stonehenge:

Prima di tutto, il cerchio sacro, che evoca in sé la matrice, con o senza orientamento verso il solstizio, con le sue fosse (iniziatiche, sacrificali o funerarie), collegato al fiume, era sufficiente per esprimere ai fedeli la necessità del loro ritorno alla matrice per prevedere di rinascere un giorno e permettere alla dea madre di continuare ad alimentare i vivi con fluidi abbondanti.

L’aggiunta delle pietre blu serviva solo a materializzare meglio nella mente degli adoratori, ciò che erano chiamati a diventare, “pietre preziose”, figli sublimati della matrice.

Riproducendo lo stesso schema a Stonehenge come a Preseli, si è dato lo stesso simbolismo e la connessione mistica è stata ovviamente fatta tra i due siti, come un passaggio a staffetta.

L’aggiunta delle pietre Sarsen vicino ad Avebury sul sito di Stonehenge ha aggiunto la presenza della coppia di dei in persona, una presenza simbolica che era più particolarmente oggetto del sito di Avebury. Naturalmente, questo creava anche una connessione mistica con il sito, una connessione che era già stata fatta con il fiume Avon collegato al fiume Kenneth.

È quindi comprensibile che il sito di Stonehenge sia né più né meno che la fusione mistica del sito di Preseli e di quello di Avebury, dove, per così dire, “l’intera famiglia mistica”, genitori e figli (e figli), si materializza e si riunisce.

IL SIMBOLISMO DELLA DISPOSIZIONE A U DEL SARSEN E DELLE PIETRE BLU (E DELLA DISPOSIZIONE OVALE)

Se vogliamo capire la logica di questa disposizione, che aggiunge ulteriore simbolismo attraverso la forma a U, dobbiamo prima capire diverse cose.

Qual è il simbolismo dell’ovale e della U.

Qual è il significato della pietra dell’altare al centro di questa U?

IL SIMBOLISMO DELL’OVALE

È stato notato che l’ovale era un tempo formato dalle pietre blu. Questo è un dettaglio, ma supporta l’idea che le pietre blu sono associate al bambino, l’uovo (rivedere il simbolismo dell’uovo). In effetti, il simbolismo della forma ovale o ovoidale si riferisce al simbolismo dell’uovo, che è quello del grembo in modo generico, ma anche più particolarmente al suo prodotto, al prodotto o frutto del grembo della dea madre uccello, che sia adorata come la gallina, la colomba, l’avvoltoio…

IL SIMBOLISMO DELL’U

Il simbolismo della U è da confrontare con quello della coppa, che è chiaramente un simbolismo di matrice (anche se qui di nuovo, nei misteri, la coppa con il suo nome sumerico “Kush” venne anche a designare il figlio-messia; rivedere il simbolismo della coppa).

IL SIMBOLISMO DELLA PIETRA DELL’ALTARE

A questo punto è estremamente importante porre la domanda:

Cosa abbiamo dunque in questo grembo e nel suo cuore, in questo uovo rappresentato?

Forse la cosa più importante di questo sito è la pietra d’altare, che in verità non è una pietra d’altare.

Ricordate, è stato detto che la pietra dell’altare è un blocco di arenaria micacea verde che brilla al sole, proveniente dal Galles, grande il doppio delle pietre blu, e anche se ora è orizzontale e quasi sepolto, potrebbe essere stato eretto, formando un menhir di una natura unica in un luogo unico, proprio nel mezzo del monumento.

Visto il contesto, gli sforzi fatti per portarla dal Galles, le sue dimensioni, la sua qualità, è assolutamente certo che questa pietra doveva essere eretta e doveva brillare in modo brillante (tinta di verde) al sole.

Questo monolite serviva senza dubbio a rappresentare nella sua posizione assiale (come il pilastro centrale del tempio maltese di Skorba di 2,90 m in globigerina situato al centro del coro o della zona dell’altare; come i grandi obelischi che sarebbero seguiti molto più tardi; rivedere a questo scopo il simbolismo delle pietre erette, colonne, funghi, obelischi…) due cose:

  • Nella sua fase discendente, il padre degli dei che viene a fecondare la matrice nel suo centro, cuore, seno,
  • Nella sua fase ascendente, quella che il sito evidenzia maggiormente con l’uso del verde, il raggiungimento della sublimazione riuscita del padre degli dei che, dopo il suo passaggio nel grembo materno, si è perfettamente reincarnato nel figlio, che è rappresentato dalla pietra di arenaria verde ora sollevata verso il cielo, perfettamente in linea con il cosmo e il suo status di divinità.

Così, le varie pietre blu che lo circondano possono anche significare, se riportate solo a lui, le varie tappe qualitative che ha dovuto attraversare per arrivare a questo punto. Per estensione, questo simbolismo delle pietre blu e della pietra centrale in piedi rappresenta anche tutti coloro che vogliono imitarlo. È un messaggio potente per tutti gli adoratori: se vi prendete la briga, se anche voi andate alla fine del ciclo di rigenerazione che il vostro ritorno alla terra induce, nella matrice della dea madre, anche voi potrete raggiungere quel punto, come lui, al centro, per liberarvi delle vostre impurità e imperfezioni e diventare anche voi degli dei.

IL SIMBOLISMO AGGIUNTIVO DEI 5 TRILITI CENTRALI: LA MANO!

Arriviamo ora ad un ultimo simbolismo complementare, perfettamente in linea con tutto ciò che è stato (e sarà) sviluppato altrove, cioè il simbolismo dei 5 triliti centrali.

La domanda è: oltre al fatto che rappresentano una tazza, la matrice, rappresentano qualcos’altro?

Chiediamoci? Quanto sono grandi?

Il trilite principale è di 7,3 m, gli altri due di circa 6,5 m e gli ultimi due di 6 m.

Per capire, guardate la vostra mano.

Raddrizzare le dita in modo che formino una forma a U sopra la parte superiore del palmo della mano. Il dito medio al centro rimane il più alto, l’indice e il mignolo i medi e il pollice e gli anulari i più piccoli.

         

Mano con le dita erette/Mano di Gargas/Mano di Cosquer

Immagine di Google Earth del sito Stonehenge Memorial, Stonehenge Drive, Goldendale, Washington, USA (la posizione di una replica a grandezza naturale del sito.

Come già detto, il dito medio rappresenta la testa, l’indice e il mignolo le braccia e il pollice e l’anulare le gambe.

È importante capire che nel caso di Stonehenge, gli arti sono eretti, il che non è necessariamente il caso sulle figure di Gargas e Cosquer citate come esempi (o su altri siti che usano il simbolismo della mano per rappresentare la dea in posizione accovacciata o in procinto di partorire), poiché con una visione piatta specifica di queste figure, si può considerare che le gambe sono piegate e/o le braccia sono allungate e distese sopra la testa, e quindi non necessariamente erette.

Ma dato il simbolismo della mano, di cui ora capite il significato, capite anche ora cosa è stato rappresentato da queste cinque dita alzate al cielo?

Con, al centro del palmo della mano, l’occhio della matrice da cui emerge, trionfante, l’obelisco simbolo del padre rigenerato?

Niente di meno che il corpo della dea-madre, braccia e gambe in aria, che partorisce misticamente suo figlio, nel solstizio d’inverno (poiché l’apertura della U è orientata verso il solstizio), la perfetta reincarnazione del padre degli dei, e lo espelle nel cosmo, dal quale i fluidi del suo corpo usciranno per alimentare il fiume alla fine del Viale.

Incredibile, vero?

Eppure è proprio di questo che si tratta.

In relazione a questo simbolismo della mano, vorrei attirare la vostra attenzione su un ultimo dettaglio che, secondo me, non è un dettaglio.

Ricordate: cosa è stato trovato nelle buche, le fosse Aubrey della Fase I? Tracce di carbone di legna, ossa umane carbonizzate, piccoli oggetti come forcine d’osso o lunghi bastoncini di selce tagliata dello spessore di un dito, il cui uso non è noto…

Se poniamo questo in una prospettiva temporale, l’analisi del simbolismo della mano come rappresentazione del corpo della dea-madre accovacciata o partoriente è senza dubbio uno dei simboli più antichi, poiché fa parte delle pitture rupestri come a Gargas o Cosquer, è stato trovato nel sito dell’ipogeo di Hal Salfieni datato dal 4000 al 2500 a.C. quando Stonehenge è datato al 2800 a.C.

Cosa significa questo?

Che se il simbolismo della mano è stato aggiunto a questo sito di Stonehenge solo in una seconda fase della sua costruzione, per tutto ciò che il simbolismo della mano, anche se non era allora rappresentato da massicci triliti, deve essere stato conosciuto.

Tuttavia, è particolarmente interessante notare la presenza di selci spesse un dito in tombe evidentemente utilizzate per scopi funerari. Anche se non è specificato né il loro numero né la loro disposizione, si deve pensare che queste selci erano usate per rappresentare le dita, le dita di una mano, in questo caso ovviamente quelle della dea nella sua funzione di madre rigeneratrice.

Vorrei aggiungere che il simbolismo del dito, quando è isolato, “deve” far pensare alla testa della dea madre.

Perché dico questo? Vi rimando all’analisi della mano e più precisamente al mistero praticato nel culto del dio celtico Sabasios, al quale era associata una mano alla quale veniva tolto il dito medio e che poi gli veniva data.

[Vedi anche nella mitologia celtica il dio Lug, puro avatar di Adamo sotto “lu” ugu “uomo” “antenato” e sotto il cervo, suo animale emblematico, citato nell’analisi sul sito di Tara, e che aveva la particolarità di essere altrettanto strettamente associato alla mano, sia nel suo nome che nelle sue rappresentazioni, spesso con solo tre dita, come nel caso di Sabasios, dove due dita sono piegate].

Questa rimozione e poi reintegrazione del dito medio della mano di Sabazio, ovviamente, visto il simbolismo della mano, significa la perdita della testa della dea madre, e poi la reintegrazione della sua testa.

Esattamente lo stesso rituale fu osservato nel contesto del tempio di Malta con la rimozione e la successiva reinstallazione della testa della dea madre nella parte più sacra (la testa) del tempio nell’ipogeo di Hal Salfieni. Questo ovviamente riecheggia il fatto che nei misteri la condanna a morte della prima coppia umana era simboleggiata dalla perdita della testa, dalla decapitazione (lo ritroviamo con il simbolismo dell’albero abbattuto, tagliato, rovesciato, il ceppo, il toro senza testa, ecc.)

Così, senza dubbio, una delle prime tappe della messa in scena della rigenerazione esoterica doveva iniziare con l’uccisione delle due grandi divinità, presentandola come avente un carattere sacrificale, dopo di che, in seguito alla sua sublimazione presumibilmente riuscita, la testa veniva rimessa per mostrare che era riuscita a salvarsi e poteva ora officiare a sua volta per i vivi e i morti.

Quindi trovare delle dita in una tomba può significare o una rappresentazione della mano per evocare il corpo della dea madre.

D’altra parte, trovare un dito isolato può significare che il defunto sta facendo un’offerta simbolica alla dea madre per la restituzione della sua testa perduta, in modo che lei possa officiare la sua rigenerazione.

SULL’ORIENTAMENTO E IL LEGAME GENERALE CON I SOLSTIZI

Prima di concludere su questo sito, è necessario sottolineare il carattere fattuale del suo orientamento ai solstizi estivi e invernali.

Sembra che al solstizio d’estate, i primi raggi del sole attraversino il cerchio e colpiscano la Pietra del Tacco.

Al solstizio d’inverno, i raggi passano tra i due triliti posti alle estremità del “ferro di cavallo” interno.

Lo stesso vale per altri elementi del sito, poiché è stato notato che diversi monumenti hanno mantenuto il loro allineamento con l’alba e il tramonto del sole al solstizio, tra cui il cerchio di pietre, il viale, Woodhenge e il cerchio meridionale di Durrington Walls e il suo viale.

È ovvio, come gli stessi scienziati concordano, che questa precisione dei luoghi dei megaliti non può essere il risultato del caso, anche il significato di questo uso cerimoniale non è, né da loro né dalle folle che vi si riuniscono, compreso.

Tuttavia, è estremamente semplice, e lo stesso che ovunque nelle stesse date.

Il solstizio d’estate può rappresentare due cose:

Nella misura in cui questo è il momento in cui il sole è allo zenit e comincia a calare, è il simbolo dell’inizio del suo invecchiamento, il simbolo della sua morte. Si tratta probabilmente di una tappa importante del ciclo di rigenerazione, quella della distruzione con il fuoco, della concrezione, prima della tappa della battitura/strozzatura.

Quindi, de facto, questo non è il momento più importante, non è la fine del processo di rigenerazione.

Il simbolismo del solstizio d’inverno è di natura diversa ma altrettanto chiaro. Essendo la data a partire dalla quale il sole torna simbolicamente alla vita in quanto i giorni si allungano, rappresenta il padre degli dei che torna alla vita, sotto il sole, sotto la stella, due simboli identici per rappresentare la sua sublimazione riuscita e il suo raggiungimento della divinità. 

È quindi ovviamente il momento simbolico più importante, che tutta la comunità mistica attende, il “Natale”, poiché è il culmine di tutto il processo, e la materializzazione, la manifestazione della correttezza, della veridicità, per gli adoratori della dottrina esoterica, del suo insegnamento dell’immortalità delle loro anime, della loro possibilità, nonostante la morte, di auto-acquistarsi, con il potere della matrice di aiutarli a trasformarsi e tornare ad una nuova vita.

Notate a questo proposito cosa significa che i raggi vengono in questa data a passare tra i due triliti alla fine. Sono venuti certamente a colpire la “pietra dell’altare”, o piuttosto la pietra dell’obelisco, poiché era stata eretta proprio in quel punto, per significare che era giunto il momento della sua fuga, della sua uscita, della sua (ri)nascita.

Non sarà quindi una sorpresa scoprire, come hanno fatto i ricercatori del sito, che il solstizio d’estate non aveva il primato del culto in termini di celebrazione e importanza rispetto al solstizio d’inverno, con, per esempio, come recentemente scoperto, la presenza di 80.000 ossa di bovini e maiali, e la cui analisi dei denti mostra un picco di macellazione durante il solstizio d’inverno, e, in misura minore, durante quello estivo.

Acustica in loco e in pietra:

Non mi soffermerò sul fatto della particolare acustica del sito.

È certo che la dea madre era per natura associata al suono, alla vibrazione primordiale, che aveva un grande ruolo nei riti.

Questo è vero nelle grotte, vero nel tempio di Malta dove sono state fatte delle aperture selezionate per parlare senza essere visti o produrre una particolare eco impressionante.

Vi invito a rileggere il simbolismo del suono, della voce, e anche quello della conchiglia e del tamburo, che sono legati al suono, per capire sia la loro importanza che il loro particolare simbolismo, anche se non è il simbolismo primario su cui dobbiamo concentrarci qui!

CONCLUSIONE SUL SITO DI STONEHENGE

Certamente, questo sito è molto interessante in quanto è la fusione di due siti sacri della stessa natura, più antichi, ognuno con il suo tema diverso, ma che così associa e fonde insieme in una dialettica simbolica genitori (Avebury) figli (Waun Mawn)

Fa di più, poiché non si limita a un simbolismo circolare orientato verso il solstizio, che definirei di “matrice solstiale” o “vaginale”.

Stonehenge, attraverso il suo uso del simbolismo delle mani e il simbolismo della pietra-obelisco centrale, è anche di un simbolismo assiale, che quindi descriverei come una ‘matrice assiale’ o ‘ombelicale’.

Infatti, bisogna capire che l’uscita del padre degli dei può avvenire misticamente sia dal basso, orizzontalmente, cioè attraverso la porta d’ingresso che è né più né meno che una vagina, in direzione del viale, sia dall’alto, attraverso l’ombelico, nell’asse del ventre che l’obelisco rappresenta.

Nell’analisi dei templi di Malta, abbiamo visto un esempio con il motivo della spirale che illustra che il raggiungimento della divinità può essere rappresentato anche raggiungendo il centro della sfera. Ma questo non è presente in questo sito.

A Stonehenge, c’è quindi un doppio simbolismo architettonico per evocare il rinascimento.

Ricordiamo brevemente che il lungo tumulo è di un simbolismo puramente solstiziale. Lo stesso vale per i cerchi orientati. Solo i tumuli con una volta o una cupola (vera o falsa) e orientati verso i solstizi possono anche essere classificati come aventi un doppio simbolismo di rinascita, solstiziale e assiale (leggi vaginale e ombelicale).

C’è anche qualcos’altro da aggiungere.

Stonehenge è effettivamente diverso dagli altri siti in quanto rappresenta la dea madre accovacciata per mezzo di una mano eretta, il che è ingegnoso, mentre in altri siti, come nei tumuli a camera, è l’intera struttura che deve essere organizzata per rappresentare il corpo della dea reclinata.

Laddove i costruttori sceglievano di rappresentare o solo il ventre (con il cerchio) o tutto il corpo della dea (con tre o cinque rami o trifogli o absidi) o anche utilizzando, su un piano più alto, il paesaggio circostante, Stonehenge è all’avanguardia nel rappresentare la dea accovacciata da questa struttura interna della mano in trilite.

In effetti, questa evoluzione verso l’uso della mano si vedrà anche più tardi nell’evoluzione architettonica dei templi esoterici storici. 

POSSIBILE SIMBOLISMO GENERALE DEI DUE GRANDI SITI ASSOCIATI IN GRAN BRETAGNA (AVEBURY, STONEHENGE E ALTRI GRANDI TUMULI ASSOCIATI)

In questa analisi, e facendo eco alle altre analisi, credo sia necessario fare la seguente osservazione: tutte le scale spaziali potrebbero essere utilizzate per la rappresentazione simbolica, che può essere divisa in quattro categorie principali:

  1. Sulla scala della cavità di un tempio
  2. Sulla scala della struttura generale di un tempio
  3. Sulla scala dei templi con cui un tempio è collegato
  4. Alla scala degli altri siti con cui è collegato

In effetti, si è scoperto che ogni cavità-abside di ogni tempio è di per sé una “mini-matrice”.

Nella scala di cui sopra, presa nel suo insieme, la struttura del tempio rappresenterà architettonicamente o il grembo o il corpo intero della dea madre in travaglio.

Nella scala di cui sopra, i templi maggiori di uno stesso sito, collegati o collegati tra loro, rappresenteranno anche la dea madre che partorisce, come nel caso di Avebury.

Infine, su una scala molto più inaspettata, sulla scala dell’immagine trasmessa da un sito, una regione, vista da lontano, dal cielo! Che questa immagine sia naturale (come quella delle colline Preseli) o disegnata dalla mano dell’uomo (come vedremo a Nazca), è la terra stessa, su alcune decine di metri quadrati (il tumulo della Tomba di Adamo, i Westwoods) o addirittura chilometri quadrati (le colline Preseli a forma di cervo) che diventa un simbolo! E che sarà usato per rappresentare, per esempio, un animale mitologico noto per essere un simbolo avatar del padre degli dei o della dea madre.

Questo quarto livello di rappresentazione non è necessariamente sistematico, ma è così facilmente e fattualmente osservabile che bisognerebbe essere ciechi per continuare ad ignorarlo ed eluderlo.

L’abbiamo visto con la configurazione della collina di Göbekli Tepe a forma di stella a 5 punte/dea madre accovacciata, con il sito delle colline Preseli a forma di cerva, con il sito di Avebury a forma di dea madre accovacciata, con il sito di West Woods a forma di stella a 5 punte/dea madre accovacciata, con il sito della tomba di Adams a forma di cavallo o di bovino, e lo vedremo anche in altri siti…. insomma… è allora legittimo chiedersi se sul sito di Avebury/Stonehenge sia osservabile la stessa cosa.

Facendo eco al sito “vicino” e strettamente correlato di Preseli, le cui immagini dall’alto raffigurano una cerva, vale la pena chiedersi se i costruttori di questi siti non abbiano voluto riprodurre localmente in Inghilterra lo stesso principio di utilizzare il rilievo geologico o il terreno.

Vi invito quindi, ancora una volta, a fare un passo indietro e a guardare i siti in Inghilterra nel loro insieme

Ho cercato di elencare su questa immagine di Google Earth orientata Ovest-Est, i vari siti e tumuli che ho potuto identificare in questa zona e ho indicato in bianco il corso dei fiumi Kenneth e Avon,

Vedi qualcosa in particolare?

Probabilmente no.

Lasciatevi aiutare e, come a Preseli, lasciatevi guidare dal rilievo delle montagne e delle colline.

Cosa vediamo allora?

Se si segnano in nero le linee di rilievo delle montagne o delle colline intorno ai due siti di Avebury a nord e Stonehenge a sud, si può vedere che questo dà la forma di un cervo o di una cerva.

Inoltre, alcuni dei siti principali sembrano servire come punti per rintracciare figure mitologiche.

Per esempio, il sito del cavallo bianco che si trova sulla cresta, segna se non un punto di partenza della gamba posteriore almeno un punto di passaggio.

Notate che l’intera cresta delle colline, dove passa la strada preistorica, la Ridgeway Road, forma la gamba posteriore e la groppa, dopo di che le colline continuano a formare la schiena. Le colline all’altezza del muso formano un muso, mentre le zone montagnose a ovest formano orecchie e corna.

È poi notevole che in questa figura embrionale il sito di Stonhengese è nell’orecchio sinistro dell’animale, esattamente come la sua controparte, Waun Mawn, nelle Preseli Hills.

Altrettanto notevole è la posizione del perfetto rombo che è Longstones/West Kenneth/Avebury/Windmill hill:

Questa losanga/vagina si trova né più né meno che nella groppa, con un orientamento verso nord-est che la dirige verso il basso tra le due gambe.

Guardate il sito della tomba di Adamo, la cui collina stessa assume la forma di un equino o di un bovino: nel ventre, la zona corrispondente al grembo o alla matrice. Lo stesso vale per il sito di West Woods da cui sono state prese le pietre di Sarsen.

Infine, guardate cosa c’è nel basso ventre dell’animale, nell’attuale città di Marlborough:

Lo rimetto sul lato destro, così si vede meglio:

Riesci a vederlo? Guardate attentamente:

Possiamo anche osservare che questo bue o cavallo è visibilmente un animale da tiro, poiché sembra tirare un aratro con un mozzo a forma di stella a otto punte che si irradia in tutte le direzioni, indicando perfettamente il Nord, il Sud, l’Est e l’Ovest

Qual è lo scopo di questo cavallo/volpe che ara in questo particolare luogo in vista del quadro generale, cioè:

Letteralmente nella sacca d’acqua che è il percorso del fiume Kenneth-Avon in bianco?

Se la linea nera è corretta, e rappresenta il basso ventre del cervo, allora è appena fuori dal ventre e sembra che stia bevendo dal fiume Kenneth ancora al basso ventre, ma quindi fuori.

Cosa significa questo?

Ricominciamo: un cavallo bue che ara nella tasca della placenta di un cervo, che beve i liquidi del suo basso ventre che fuoriescono dal suo corpo?

Vi rimando al simbolismo dell’aratore nel volume 3, gli altri vi sono ormai più che familiari.

Diventa chiaro che questo animale è una rappresentazione simbolica del padre degli dei nel grembo o che emerge da esso, probabilmente essendo appena nato, e che si nutre dei fluidi della sua (dea della) donna madre sotto la cerva.

Alla fine, si tratta di una rappresentazione simbolica, anche se diversa nella forma dalla testa dell’uccello che emerge dalla groppa della cerva sulle colline di Preseli.

Se la volontà di rappresentare qui, in Inghilterra, una scenologia simbolica della rinascita dal cielo stesso dovesse rivelarsi così evidente come lo è già a Presili in Galles (o altrove), siamo certamente di fronte a un’altra grande scoperta che ribalta completamente la concezione che il mondo scientifico deve avere del livello di civiltà raggiunto durante il Neolitico, invitandolo ad avere finalmente una visione meno terra terra, ma “paradiso in terra”!

Vorrei precisare che questa rappresentazione che ho fatto, per quanto riguarda il tracciato dei fiumi da un lato (in bianco) e le colline o regioni montagnose, è sommaria e si limita a seguire il loro tracciato dove è visibile da Google Earth. Sarebbe interessante conoscere il rilievo preciso dei luoghi in tutta la zona, elencare i principali tumuli che ho omesso per verificare se sono sul tracciato o all’interno del corpo dell’animale e dove.

Questo dovrebbe permettere di essere più precisi sui dettagli dell’animale, che in questa fase è solo uno schizzo. Sarebbe anche interessante andare a scavare aree specifiche come l’occhio o il muso dove, se l’analogia è totale con la cerva della collina di Preseli, ci dovrebbero essere anche tumuli o cerchi sacri.

BIBLIOGRAFIA

AVEBURY

STONEHENGE

COLLINE DI PRESELI

  • https://www.dyfedarchaeology.org.uk/HLC/Preseli/area/area281.htm

STONEHENGE (SPIEGAZIONE)

RICORDANDO IL LEGAME TRA QUESTO ARTICOLO E L’INTERA SERIE LETTERARIA “LA VERA STORIA DELLE RELIGIONI DELL’UMANITÀ”.

Un riassunto di tutto ciò che è stato detto o scoperto sul sito di Stonehenge è disponibile in un articolo separato su questo sito:

STONEHENGE: SINTESI DELLE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

articolo tratto anche dal libro disponibile su questo sito:

I templi megalitici di Malta, Göbekli Tepe e Stonehenge

libri che si possono trovare anche nella sezione :

Libri già pubblicati

Per sapere perché questo libro fa parte della collana letteraria La vera storia delle religioni dell’umanità, vada a pagina :

Introduzione / Struttura e contenuto

RICHIAMO AL DIRITTO D’AUTORE

Vi ricordiamo di rispettare il diritto d’autore, poiché questo libro è stato registrato.

©YVAR BREGEANT, 2021 Tutti i diritti riservati

Il Codice della proprietà intellettuale francese vieta le copie o le riproduzioni per uso collettivo.

Qualsiasi rappresentazione o riproduzione totale o parziale, con qualsiasi procedimento, senza il consenso dell’autore o dei suoi aventi diritto, è illegale e costituisce una violazione punita dagli articoli L335-2 e seguenti del Codice della proprietà intellettuale francese.

Vedere la spiegazione all’inizio di questa sezione. nota preliminare dell’autore sulla sua politica di messa a disposizione dei suoi libri :

Libri già pubblicati

Partager :